Solo poche settimane fa ha fatto impazzire i social media per le sue fotografie da giovane boxeur sexy e già il governatore canadese Justin Trudeau torna a far parlare di sé e del suo Stato per una riforma dirompente. Trudeau vuole legalizzare la marijuana a partire dal primo luglio 2018 secondo quanto ha riportato CBC News, la rete televisiva pubblica canadese. La legge dovrebbe essere presentata entro la metà di aprile e l’obiettivo è che sia proprio il Governo a concedere le licenze di vendita dopo essere assicurato che la materia prima, la marijuana canadese, sia sicura.

Ma non è su questo che il mercato finanziario intende misurare le riforme di Trudeau dopo la presentazione del budget federale a marzo. Al centro del piano di sviluppo del Canada – che ha un PIL 2016 in salita del 2,6%, migliore delle attese degli analisti che avevano stimato una crescita del 2% – punta tutto sull’innovazione con ben 800 milioni di dollari canadesi (circa 600 milioni di dollari americani) a bilancio pronti per essere investiti da qui al 2021.

L’innovazione e la tecnologia in particolare è la chiave per stimolare l’undicesima economia più grande del mondo lontano che finora ha puntato quasi tutto sulle materie prime, senza dimenticarle. Dopo il via libera di Donald Trump all’oleodotto Keystone, il maxi-progetto da otto miliardi di dollari per trasportare il petrolio dal Canada agli stati che si affacciano sul Golfo del Messico, può far ripartire il settore petrolifero dopo otto anni di stop.

Questo regalo di Trump non era però contemplato da Trudeau che ha deciso di puntare tutto sui giovani ricercatori lanciando un concorso per favorire la nascita di cluster di ricerca e sviluppo attirando in Canada le menti più promettenti e finanziandole con il fondo da 600 milioni di dollari stanziati a bilancio. La svolta del Governatore canadese è evidente se si leggono i numeri di quanto finora il Canada ha investito in Ricerca sviluppo: in media l’1,6% del PIL dal 1981 al 2016 contro una media del 2,4% dei 35 Paesi dell’Ocse e del 2,7% degli Usa nello stesso periodo.

Lo sforzo di Trudeau basterà a colmare il gap tecnologico del Paese? Secondo gli analisti di CB Insight il settore tecnologico in Canada è già in pieno boom tanto che i fondi di private equity hanno investito 1,7 miliardi di dollari in aziende hi tech canadesi e il piano del Governatore è solo un altro punto a favore. Diventare un hub tecnologico mondiale è un obiettivo che emerge chiaramente dagli incontri che il ministro dell’industria Navdeep Bains con i leader tecnologici globali e dai servizi fotografici di cui Trudeau si è reso protagonista nelle sedi di Shopify, Alphabet e Google.

IDEE DI INVESTIMENTO

Il marketing del premier Justin Trudeau per attirare dirigenti altamente qualificati provenienti dalla Silicon Valley, e dall’estero in generale, verso Toronto passa anche da lancio del primo istituto di intelligenza artificiale canadese con un investimento pari a 125 milioni di dollari canadesi. L’intelligenza artificiale è uno dei temi cui sui i fondi azionari specializzati in tecnologia stanno puntando di più. Il Canada, al momento, pesa pochissimo nei portafogli dei fondi azionari tecnologia anche se il mercato comincia a essere vivace e attira i grandi della tecnologia stranieri. La prova è che negli ultimi mesi PayPal ha rilevato TIO Networks Corporation, l’azienda canadese che conta su 14 milioni di clienti in Nord America e offre un servizio di pagamento delle bollette in 900 chioschi e altri 65 mila negozi convenzionati, e Airbnb ha acquisito per 300 milioni di dollari Luxury Retreats, la società di Montreal che ha come core business l’affitto di ville di lusso in Canada.

Nella tabella quali sono i prodotti del risparmio gestito che puntano sulla tecnologia che hanno dato più spazio al Canada in portafoglio.

I fondi azionari tecnologia che puntano sull'innovazione in Canada

ProdottoPeso % CanadaRendimento 1y
Finaltis Funds Digital Leaders I2,11%29,88%
Janus Global Tech A USD1,24%33,41%
Interfund Intl Sec New Economy1,03%21,02%
Vitruvius Growth Opportunities B USD1,01%23,95%
Aberdeen Global Technology Equity Fund Classe S20,96%19,46%
CS (Lux) Global Robotics Equity DB USD0,81%---
Nella tabella, quali sono i prodotti specializzati in azioni tecnologiche che hanno dato più spazio al Canada in portafoglio. Fonte: Morningstar Direct, dati aggiornati al 27 marzo 2017.

 

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Diritto d’autore immagine: amarosy / 123RF Archivio Fotografico

 

Articolo precedente

Brexit ora ci siamo: tutti i numeri dell'addio. Come investire

Articolo successivo

La Borsa italiana è la migliore grazie a Trump e ai PIR. I fondi per investire

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *