Tag

contact tracing

Per contact tracing si intende il tracciamento dei contatti, nell'ambito della sanità pubblica. Questo è il processo di identificazione delle persone che potrebbero essere venute a contatto con una persona infetta e la successiva raccolta di ulteriori informazioni su tali contatti. Durante la pandemia da Covid-19 ci sono state diverse comunicazioni che ritenevano il contact tracing un'arma fondamentale, ma gestita solo 5 Regioni con provvedimenti aggiornati. Il tracciamento dei contatti punta a ridurre le infezioni nella popolazione. Le malattie per le quali più comunemente si fa ricorso al tracciamento dei contatti sono la tubercolosi, il morbillo, le malattie veneree (incluso l'HIV), le malattie trasmesse dal sangue, alcune infezioni batteriche gravi e le malattie virali (ad esempio SARS-CoV e SARS-CoV-2). Il contact tracing tenta di tenere traccia di tutti i contatti di un caso confermato. Questo al fine di testarli o monitorarli per verificare se anche loro hanno contratto una possibile infezione. Questa misura è stata particolarmente utilizzata dalla Cina e dalla Corea del Sud. Lavora attraverso una apposita applicazione da utilizzare sugli smartphone. Usata anche per tracciare i contagiati da coronavirus. Questo tipo di tracciamento ha suscitato numerose controversie per via delle potenziali violazioni della privacy sia dei contagiati che di quelli a cui sono venuti in contatto.
Storie

Il ritorno al lavoro degli europei è coinciso con un grosso cambiamento: i luoghi di lavoro da banche e uffici a magazzini di e-commerce, fabbriche, società sportive e aeroporti sono invasi da telecamere termiche per il test della febbre, sistemi di rilevamento delle maschere e software di localizzazione per prevenire

Leggi tutto