Dicono che Mark Zuckerberg abbia già messo gli occhi sul nuovo fenomeno editoriale che arriva dall’Europa. Si chiama Blendle, è una start up olandese che, a un anno dal lancio, conta già su 250 mila iscritti, due terzi dei quali under 35, e potrebbe aver trovato la formula miracolosa per vendere finalmente con profitto le notizie online.
Come? Con la stessa logica con cui si vendono i film, la musica o le app. Insomma, un sogno per molti editori, alla ricerca, finora vana, del modello di business vincente sulla rete, tra micropagamenti e paywall. E anche per Zuckerberg, il quale sta cercando di accreditare Facebook come fonte di notizie, grazie a accordi mirati con i grandi gruppi editoriali, il New York Times su tutti.

Un misto tra Netflix e Spotify delle news. Il caso Blendle fa discutere addetti ai lavori e anche grandi investitori, perché se l’idea fosse davvero quella giusta potrebbe trasformarsi presto in una macchina da soldi, esattamente come Facebook o Twitter.
Il New York Times e il colosso tedesco Axel Springer hanno già deciso di dare fiducia alla start up olandese che sembra essere riuscita laddove i colossi occidentali hanno fallito. Il funzionamento è molto simile a quello di iTunes: ci si iscrive con una quota tra i 10 e 30 centesimi di euro e si può leggere l’articolo che si vuole tra quelli pubblicati su tutte le testate che aderiscono al progetto. L’idea è così semplice da sembrare banale ed è venuta a un giornalista, Alexander Klopping, 27 anni, cofondatore del progetto che si è ispirato a Netflix, il provider di film online, e a Spotify, per ascoltare musica online, a pagamento se si sceglie la formula premium.

Il 70% degli incassi va agli editori. In pratica, è una piattaforma per accedere a tutti i giornali in maniera semplice, con una sola registrazione, un solo sistema di pagamento e, soprattutto, senza pubblicità. Per ora ci sono tutti i giornali olandesi, ma è cominciato lo sbarco all’estero in lingua inglese.
Gli introiti sono divisi non equamente: il 70% va agli editori, il 30% resta a Blendle. E il ritorno sembra essere interessante, visto che anche Wall Street Journal, Washington Post e The Economist hanno intenzione di unirsi all’avventura.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Elon Musk il profeta dello spazio conquista Google e i gestori

Articolo successivo

Italia fuori dalla recessione. I migliori fondi per diversificare in Europa su Mid e Small Cap

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *