I mercati non credono più ai cinesi e basta un calo dell’indice manifatturiero a far tremare i listini. Ma soprattutto gli operatori sono delusi dalla Federal Reserve, la banca centrale americana, che continua ad allungare i tempi di un rialzo dei tassi d’interesse: tutti lo davano per scontato per settembre, adesso le convinzioni degli operatori vacillano. È questa l’estrema sintesi del lunedì nero dei listini che è partito con il più grande ribasso da otto anni a questa parte in Cina: l’indice Msci Asia Pacific ha lasciato sul terreno il 27 luglio più di un punto, Shanghai è crollata dell’8,48% e Hong Kong segue a -3,1%. E America ed Europa hanno seguito con ribassi vistosi, in media del 2%.

Ma che succede davvero in Cina? Il timore è che le misure misure anti-scoppio della bolla volute dal governo, da sole non bastino a dare fiato all’economia. Ma da tempo i gestori avevano messo in conto un rallentamento dell’economia che per ragioni fisiologiche sarebbe arrivato: l’analisi di Joep Huntjens di NN Investment Partners è stata chiara: «È tempo di nervi saldi». Non è una sorpresa che prima o poi la fuga degli investitori sarebbe ripresa. Per Chia-Liang Lian, manager del gruppo Legg Mason, non è più possibile ignorare i rischi che una prolungata contrazione dei prezzi azionari può avere sulla crescita del Pil cinese nella seconda metà dell’anno, alimentando episodi speculativi che amplificano la volatilità dei mercati e rendono più arduo il percorso di stabilizzazione intrapreso dalle autorità cinesi.
Insomma, la bolla che fino a ieri non faceva paura ai gestori, comincia adesso a fare tremare. Ma difendersi è possibile. Come ha fatto il Governo di Pechino che ha messo in atto una serie di misure per arginare la caduta ed evitare lo scoppio di una bolla, ma non mettono al riparo dalle turbolenze. Ecco i punti chiave:

• Il governo ha vietato agli investitori che hanno più del 5% del pacchetto di una società di vendere titoli per i prossimi sei mesi.
• Numerose agenzie d’intermediazione così come gestori di fondi sono stati abilitati per acquisire azioni per il valore di miliardi di dollari.
• Il governo ha raccomandato alle maggiori aziende di Stato (SOE) di non vendere azioni e di acquistarne il più possibile per salvaguardare la stabilità del mercato.

 

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

La cura dell’emicrania spinge il Big Farma. La top ten dei fondi di settore

Articolo successivo

Il Canale di Suez raddoppia. E l'Africa diventa un affare

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa