Un’entrata fissa mensile, trimestrale, semestrale o annuale non importa, purché ci sia la certezza di una remunerazione periodica. Sta tutta qui la forza dei fondi a cedola che negli ultimi tre anni si sono affermati sul mercato italiano del risparmio gestito e si sono confermati tra i prodotti più venduti nei primi nove mesi del 2015.

Secondo l’analisi di Morningstar, da inizio anno la categoria più comprata è quella dei fondi bilanciati. Sul podio dei best seller salgono due fondi a cedola: il più venduto in Italia è Gestielle Cedola Forex Opportunity U$D di Aletti Gestielle Sgr con 1,6 miliardi di patrimonio, di cui 1,5 miliardi arrivato da gennaio a ottobre; al secondo posto c’è Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 di Eurizon Capital Sgr con 1,3 miliardi di patrimonio e una raccolta da gennaio a ottobre 2015 si 1,4 miliardi di euro; completa il podio Anima Sforzesco A di Anima sgr, che ha un patrimonio di 3,5 miliardi; nei primi nove mesi del 2015 ha raccolto 1,3 miliardi di euro, ed è un’eccezione perché non è a cedola, è un semplice bilanciato prudente.

Ma al di là del podio, sono ben 13 su 25 i fondi a cedola che compaiono nella classifica dei più venduti in Italia nel periodo gennaio-ottobre 2015 e le società più attive nel segmento sono: Union Investment, Eurizon, Pioneer, Gestielle. Un dato che conferma il trend e una volta di più la dipendenza da parte dei risparmiatori italiani verso una rendita fissa, che in tempi di cedole Btp pari a zero è ancora più marcata.
Ma dove investono davvero i fondi a cedola? L’asset allocation, ovvero la composizione di portafoglio è fatta in prevalenza da obbligazioni, ma possono investire anche in azioni. Non c’è una categoria definita per catalogarli: molto spesso vengono definiti come bilanciati, ma li possiamo trovare anche negli obbligazionari. La gestione è affidata a sistemi quantitativi e non c’è una gestione attiva. Non è facile selezionare i migliori o fare classifiche. La ragione è che questi fondi hanno finestre temporali di collocamento e una volta chiusa la raccolta le società di gestione lanciano subito un nuovo fondo per riaprirla.

Nell’analisi di Morningstar i migliori tre fondi obbligazionari e bilanciati a cedola che hanno reso di più da inizio anno sono:

Migliori obbligazionari a cedola

Nome fondoRendimento da inizio annoRendimento a un anno
Anima Traguardo Crescita Italia4,55%5,64%
BCC Cedola Reale Settembre 20192,95%2,62%
UBI Pramerica Global High Yield EUR Hdg2,67%2,32%
Nella tabella i prodotti con scadenza più redditizi da gennaio a ottobre 2015. Dati in euro al 30 ottobre 2015. La classifca include solo i fondi domicialiati in Italia. Fonte: Morningstar Direct

Migliori bilanciati a cedola

Nome fondoRendimento da inizio annoRendimento a un anno
UBI Pramerica Multiasset Italia9,37%11,38%
Amundi Orizzonte 2020 PM Imprese7,59%12,80%
UBI Pramerica Europe Multifund7,49%10,87%
Nella tabella i prodotti con scadenza più redditizi da gennaio a ottobre 2015. Dati in euro al 30 ottobre 2015. La classifca include solo i fondi domicialiati in Italia. Fonte: Morningstar Direct
Tre  le caratteristiche chiave dei fondi a cedola:

  • Hanno un orizzonte temporale definito. Il capitale raccolto viene investito quando termina il periodo di sottoscrizione e non subisce grandi variazioni fino alla scadenza.
  • Investono principalmente in obbligazioni, ma possono avere una componente azionaria. Non esiste una categoria dedicata ai fondi cedola: per la varietà del portafoglio possono essere inseriti negli obbligazionari e nei bilanciati.
  • L’investitore può riscattare, ovvero uscire in qualsiasi momento dal fondo. Di solito, però, si paga una commissione che è decrescente nel tempo, ma non è mai zero.

    Note

    Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

John Law, la vera storia della prima bolla finanziaria

Articolo successivo

Analisi di mercato: Draghi ha portato l'Italia nel club dei Paesi a tassi negativi

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

2 Commenti

  1. Avatar
    STEFANO GAROFOLO
    29 Marzo 2017 a 15:56 — Rispondi

    LA CEDOLA DISTRIBUITA VIENE SOTTRATTA AL CAPITALE INVESTITO NEL FONDO ?
    ALLA SCADENZA DEL FONDO IL CAPITALE E’ GARANTITO ?

    • Roberta Caffaratti
      29 Marzo 2017 a 16:46 — Rispondi

      Buonasera Stefano,

      grazie per il messaggio. Per informazioni o approfondimenti sui PIR o su altri prodotti di investimento la invitiamo a contattare il nostro Servizio Clienti al Numero Verde 800 92 00 45 o via email all’indirizzo info@onlinesim.it.

      Un cordiale saluto

      Il team di Online SIM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *