La fine dell’anno è sempre il momento di fare bilanci e di pensare a cosa mettere in portafoglio nel 2024. Il settore tecnologia è stato negli ultimi due anni fonte di sofferenza ed euforia per gli investitori con un 2022 in ribasso e un 2023 che si avvia a chiudere in positivo. Ma quali sono le prospettive a lungo termine? Scopri i megatrend della tecnologia, robotica e IA, che non deludono secondo le analisi di Axa Investment Managers e Pictet Asset Management.

Per approfondire l’argomento ascolta il podcast sull’intelligenza artificiale e i mercati finanziari a cura di Ersel.

Quali sono i driver della tecnologia

L’economia digitale è stata spinta da due principali driver: la tecnologia che ha reso le persone sempre più connesse e informate, e la demografia, con una generazione di nativi digitali che raggiungerà il massimo del suo potenziale di spesa nei prossimi 10 anni. Questo ha spinto le aziende ad adottare una mentalità digitale e ad investire in digitalizzazione e analisi dei dati, software-as-a-service, intelligenza artificiale e sicurezza informatica. In questo scenario vediamo quali sono i megatrend da cavalcare nel lungo termine.

Robotica

Nel “sotto settore” della robotica gli investimenti sono guidati da tecnologie che vanno dall’automazione delle fabbriche ai veicoli autonomi. Ma la robotica non riguarda più solo la produzione automobilistica o aerospaziale. Sono tanti i settori in cui è applicata: dalla chirurgia all’assemblaggio di componenti elettronici fino all’automazione dei magazzini e di processi industriali per aumentare l’efficienza e la produttività. L’automazione è una risposta chiave all’aumento dei costi del lavoro e alla scarsità di personale.

In particolare:

  • Cinque temi chiave. Re-shoring e near-shoring, cobot industriali, software di efficientamento, IA e calcolo, guida autonoma sono i cinque temi chiave della robotica a lungo termine. Per esempio, il mercato globale dei cobot, ovvero robot concepiti per interagire fisicamente con l’uomo in uno spazio di lavoro, raggiungerà i 6,8 miliardi di dollari nel 2029: un tasso di crescita annuo composito di circa il 34%. Il mercato dei software industriali potrebbe arrivare a oltre 250 miliardi di dollari entro il 2027, con una crescita annua del 15% .

Intelligenza artificiale (IA)

L’impatto economico della diffusione dell’intelligenza artificiale (IA) è rilevante. Secondo i calcoli di Goldman Sachs potrebbe aggiungere circa 7.000 miliardi di dollari all’economia globale da qui al 2034.

  • Quattro settori chiave. Piattaforme cloud pubbliche, tecnologie abilitanti, software d’impresa ed e-commerce sono le quatto aree chiave dello sviluppo dell’IA a lungo termine. Per esempio, il cloud pubblico, secondo Gartner, raggiungerà i 2.500 miliardi di dollari entro il 2032 con un a crescita annua di circa il 20%. È più difficile stimare la crescita delle tecnologie abilitanti, alle quali servono investimenti in ricerca e sviluppo, così come per i software d’impresa. Sull’e-commerce le previsioni sono di un aumento della spesa online di oltre 1.400 miliardi di dollari nei prossimi quattro anni, grazie proprio all’utilizzo dei dati per migliorare l’esperienza dell’utente, aumentare le vendite e incentivare la fedeltà al marchio.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per investire sui megatrend della tecnologia che non deludono ci sono fondi tematici su cui diversificare una parte del portafoglio con un obiettivo di lungo termine. Per investire in robotica e intelligenza artificiale ecco i migliori fondi presenti sulla piattaforma di Online SIM:

  • Thematics AI and Robotics Fund Classe R EUR Acc è un fondo tematico che investe a livello globale in azioni che hanno un’esposizione alla crescita potenziale in relazione al tema d’investimento dell’intelligenza artificiale globale (Al) e della robotica. Investe secondo criteri ESG. Lanciato nel 2019 rende a tre anni l’8,62% (dati Morningstar aggiornati a dicembre 2023). Tecnologia e salute sono i primi settori in portafoglio. Il 74% è investito sul mercato americano.
  • Candriam Equities L Robotics & Innovative Technology Classe C Eur Acc è un azionario internazionale che investe in società che operano in ambito tecnologico e robotico tramite una gestione discrezionale. Lanciato nel 2017 rende a tre anni il 6,44% (dati Morningstar aggiornati a dicembre 2023). Tecnologia e beni industriali sono i primi settori in portafoglio. Il 74% è investito sul mercato americano.
  • DWS Invest Artificial Intelligence Classe NC EUR Acc è un fondo azionario tematico che investe a livello globale su società la cui attività trarrà vantaggio o è correlata all’evoluzione dell’intelligenza artificiale. Lanciato nel 2018 rende a tre anni il 4,00% (dati Morningstar aggiornati a dicembre 2023). Tecnologia e servizi alla comunicazione sono i primi settori in portafoglio. Il mercato Usa vale il 69% dell’asset allocation, il 10% è investito in Asia emergente.
  • Pictet – Robotics Classe HR Eur è un azionario internazionale che investe in azioni e titoli legati ad azioni (come obbligazioni convertibili, ADR, GDR) emessi da società che contribuiscono e traggono profitto dalla catena del valore nella robotica e nelle tecnologie abilitanti. Lanciato nel 2015 rende a tre anni lo 0,24% (dati Morningstar aggiornati a dicembre 2023). Tecnologia e servizi alla comunicazione sono i primi settori in portafoglio. Il 67% è investito sul mercato americano.
  • Allianz GIF – Global Artificial Intelligence Classe AT Eur è un fondo azionario tematico che investe a livello globale con particolare attenzione all’evoluzione dell’intelligenza artificiale. Lanciato nel 2017 rende a tre anni il 2,19% (dati Morningstar aggiornati a dicembre 2023). Tecnologia e servizi alla comunicazione sono i primi settori in portafoglio. Il mercato Usa vale l’84% dell’asset allocation.

Scopri come investire con i fondi di investimento disponibili sulla piattaforma Online SIM e come costruire un portafoglio modello.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Analisi di mercato: dopo il rally arriva il taglio dei tassi nel 2024

Articolo successivo

Acqua e clima: la geografia di una crisi. Come investire

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Competenze:
Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Per Online SIM scrive di scenari e storie di mercato, megatrend e idee di investimento, educazione finanziaria.

Esperienza:
É stata caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Formazione:
Ha una laurea in lingue e letterature straniere e una specializzazione in giornalismo.

Link ai social:

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa