Mentre l’Italia, secondo i calcoli dell’Ocse, è ancora uno dei Paesi europei con maggiore prelievo fiscale sulla proprietà immobiliare (circa 1,5% del Pil contro una media dell’1,1% degli altri Paesi membri) dietro solo a Francia (2,5%) e Regno Unito (3,2%) anche per colpa di un mercato molto rigido, in America il mattone è ripartito grazie alla flessibilità. Un esempio su tutti è il primo condominio di Manhattan, New York, realizzato anche con il crowdfunding.

L’edificio si chiama AKA United Nation, è sulla 46eisma strada est vicino a Second Avenue, ed è un hotel-condominio, che offre a chi diventa proprietario o affittuario anche servizi alberghieri. Degli 85 milioni di euro totali spesi per comprare l’albergo che occupava lo spazio e fare i lavori di restauro ben 10 sono stati raccolti su internet. E ora la struttura ospiterà 95 appartamenti in vendita tra 1 e 1,3 milioni di euro. Questo tipo esperimento, in cui è possibile acquistare anche piccole quote da un minimo di 100 dollari, sta cominciando ad affermarsi, in America anche in zone ricercate come New York.

La ragione è che il mercato immobiliare americano, dopo un’estate a singhiozzo, ha confermato di essere in buona salute. La prova sono gli ultimi dati del Dipartimento del Commercio americano sulle vendite di case nuove negli Stati Uniti: ad agosto sono aumentate del 5,7% pari a un tasso annuo di 552.000 unità. Il valore è il più alto dal febbraio 2008.

E la vivacità del mattone è confermata anche dalla presenza in questo periodo di abbondanza di capitali istituzionali, che sono a caccia di nuove idee come, per esempio, il crowdfunding immobiliare. Il mercato immobiliare su piattaforme internet di raccolta di denaro è ancora piccolo ma in crescita: a fine anno si stima che saranno raccolti 2 miliardi di euro per il real estate commerciale negli Usa, il doppio dello scorso anno, ma ancora una minima percentuale di un mercato che ha superato i 220 miliardi solo nella prima metà dell’anno.

IDEE DI INVESTIMENTO

Lo stato di salute del mattone è dimostrato anche dalla fiducia che i costruttori americani hanno sulle vendite potenziali nei prossimi sei mesi. A misurarla è l’indice Nahb, acronimo che indica la National Association of Home Builders americana che raggruppa 800 associazioni statali e locali con più di 140 mila membri. A settembre il dato si è attestato a 62 punti, dai 61 di agosto, in linea con le attese degli analisti e al livello più alto da novembre del 2005.

Ecco i migliori fondi che investono solo su società che operano nel settore immobiliare americano o hanno un portafoglio globale con una percentuale più alta dedicata all’America (Categorie Morningstar: Immmobiliare indiretto Nord America e Immobiliare Indiretto Globale):

  • AXA World Funds Global Flexible Property A Capitalisation USD il fondo nato a dicembre 2014 è gestito da Frédéric Tempel e François-Xavier Aubry e rende il 9,20% da gennaio. Il 48% è investito in America.
  • UBS (Lux) Key Selection SICAV – Global Real Estate Securities (USD) P-acc è gestito da David Scott. Da inizio anno rende l’8,2% e a tre anni il 14,96%. L’America pesa il 46% in portafoglio.
  • BlackRock Global Funds – World Real Estate Securities Fund A2 USD rende il 7,69% da gennaio. IL fondo è partito a febbraio 2013 ed è gestito da Mark Howard-Johnson e Sherry Rexroad. E ha il 51,6% del portafoglio investito in America.
  • ACMBernstein SICAV Global Real Estate Securities Portfolio A è un fondo con portafoglio. Il gestore Eric Franco ha investito il 49% in America. Rende il 5,44% da inizio anno mentre a tre anni guadagna l’11,45%..
  • Morgan Stanley Us Property Fund Classe A il fondo è gestito da Bill Grant e da gennaio rende il 2,79% mentre a tre anni guadagna 13,86%. Il 96% del portafoglio è investito in titoli azionari che operano nell’immobiliare del Nord America.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Analisi di mercato: tra Fed e tempeste locali a dominare è la volatilità

Articolo successivo

Shylock e i templari del liberismo: la lezione di Shakespeare sul denaro

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa