Sale ininterrottamente da 6 anni. E macina record su record. L’indice S&P500 è stabile sopra i 2100 punti e non ha visto una correzione al ribasso significativa da 43 mesi a questa parte. In gergo borsistico di chiama “massimo storico” e l’espressione da sola basterebbe a fare fuggire un investitore sensato da un mercato che è arrivato a valere 16 trilioni di dollari.  Nell’ultimo mese i grandi investitori hanno in parte mollato la presa e si sono spostati sulle azioni europee, ma è solo un parcheggio in attesa del rimbalzo sulle aspettative degli utili trimestrali.

La prova è che le grandi banche d’affari americane sono ancora positive su questo mercato. In testa a tutte c’è Morgan Stanley. Il titolo We Are Full of Bull dello studio di Adam Parker, strategist sull’azionario della casa d’investimento americana, non lascia spazio a dubbi.

Parker in tre punti ha spiegato perché il mercato può ancora salire:

  1. Le scorte negli Stati Uniti sono ancora una volta a livelli record.
  2. Il consenso sugli utili è troppo basso. Questo è successo solo 6 volte negli ultimi 39 anni, e mai nel corso del primo semestre dell’anno.
  3. Non ci sono i numeri a dimostrare che ci sia una bolla sul mercato soprattutto l’andamento di altre asset class (titoli di Stato, obbligazioni societarie, per esempio) è più preoccupante.

La cautela, però, in questi casi è d’obbligo. Per chi vuole restare sull’America è il caso di diversificare al massimo il portafoglio puntando anche sulla società a piccola capitalizzazione. La ragione? L’indice Russell 2000, che misura la performance delle aziende fuori da S&P500 ha migliori chance di crescita e comincia ad essere più amato dai gestori.

La prova? Un recente studio di Calepian Investment ha riportato il sentiment dei money manager che accusano l’indice S&P500 di non essere rappresentativo e troppo dipendente dall’andamento di Apple che da sola pesa il 4% sull’intero indice. A questo va aggiunto che il paniere comprende solo aziende made in Usa e che, essendo un indice in cui pesa la capitalizzazione di mercato, le prime 10 aziende rappresentano quasi il 20% dell’intero benchmark. Come orientarsi? Le valutazioni dei titoli sono diventate la preoccupazione principale per gli investitori: S&P500 e Russell 2000 trattano rispettivamente a 17 e 19 volte gli utili

Idee di investimento

Investire sul mercato azionario puntando su fondi che hanno in portafoglio anche società a piccola capitalizzazione significa fare un atto di fiducia nei confronti della crescita dell’economia americana e compiere una scelta speculativa. Per chi ha un obiettivo di lungo periodo, visto il livello delle valutazioni è più opportuno usare fondi che investono in large cap con gestione value, ovvero che vanno alla ricerca di società il cui valore è ancora sottostimato.

I migliori (Categoria Morningstar: Asionari Usa Large Cap value) sono:

  • Amundi Fund equity Us relative value  che a tre anni rende il 22,66% e da inizio anno il 9,31%.
  • Axa Rosemberg Us Equity Alpha che a tre anni rende il 22,95% e da inizio anno guadagna il 10,12%
  • Black Rock Global Funds Us Basic Value che rende a tre anni il 30,5% e da inzio anno sale del 10,99%.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Amazon e Ikea investono in rinnovabili: i fondi per copiarli

Articolo successivo

Richard Fuld: perché il gorilla di Lehman è tornato

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa