Il sistema finanziario ha scoperto in queste settimane di aver investito poco negli ultimi tre anni sullo sviluppo di farmaci antivirali. La prova arriva da un’analisi di Bloomberg secondo cui i venture capitalist, ovvero gli investitori che aiutano le aziende a crescere finanziando strategie di lungo termine, hanno impiegato oltre 42 miliardi di dollari nello sviluppo di farmaci negli ultimi tre anni, ma solo 2,2 miliardi di dollari (pari al 5% del totale) sono andati a medicinali che prevengono le infezioni, mentre oltre l’80% è andato per la cura del cancro e delle malattie croniche. Il trend è assolutamente normale, ma la pandemia di coronavirus COVID-19 sta rapidamente cambiando la prospettiva dei grandi investitori e rappresenta una sfida eccezionale per gli operatori sanitari. Non ci sono trattamenti specifici per questa malattia, non esistono vaccini. Questo sta portando le grandi compagnie farmaceutiche, le società biotecnologiche e il mondo scientifico universitario e ospedaliero a compiere grandi sforzi per trovare in primo luogo una cura efficace e in secondo luogo un vaccino.

Cura o vaccino non fa differenza: i tempi per lo sviluppo di un farmaco sono al momento molto lunghi e la media è 10-15 anni tra la scoperta scientifica e la commercializzazione. Questa tempistica potrebbe accorciarsi di qualche anno grazie alla genomica e all’utilizzo della tecnologia che danno la possibilità di accelerare i tempi di sviluppo lavorando sulle sequenze del DNA. La genomica è una branchia della biologia che studia l’organizzazione e la struttura dei geni di un organismo e ha fatto un passo avanti notevole da quando è stato scoperto il cosiddetto “prime editing” che agisce in maniera più accurata per trarre informazioni dal DNA rispetto alla tecnica cosiddetta CRISP- Cas9 nata nel 2013.

Al di là dell’emergenza COVID-19 accelerare la ricerca di nuovi farmaci, soprattutto antibiotici, è una necessità per l’Onu che ad aprile 2019 ha pubblicato il report No Time to wait: securing the future from drug-resistant infections, che è focalizzato sulla resistenza antimicrobica, in cui si mettono in evidenza due punti che, oggi, in piena emergenza coronavirus sono ancora più evidenti:

  • Le malattie resistenti ai farmaci causano già almeno 700.000 morti all’anno a livello mondiale. Il numero potrebbe aumentare a 10 milioni di morti a livello mondiale all’anno nel 2050 nello scenario più allarmante, di cui circa 2,4 milioni di persone nei Paesi ad alto reddito.
  • Il danno economico della resistenza antimicrobica è paragonabile allo choc già sperimentato durante la crisi finanziaria globale 2008-2009 a causa di un aumento delle spese per l’assistenza sanitaria e della frenata della produzione industriale.

 

IDEE DI INVESTIMENTO

La necessità di nuovi farmaci per combattere l’escalation dei virus resistenti ai medicinali esistenti sembra, secondo l’ONU, la nuova normalità a cui la scienza e le imprese del comparto farmaceutico e biotech si apprestano a dare una risposta.

Secondo l’analisi di Pictet Asset management, il dibattito sui costi sanitari in relazione ai farmaci sta prendendo una nuova direzione ed è una grande opportunità per le società innovatrici non solo sul fronte scientifico, ma anche in termini di business model e di offerte convenienti e all’avanguardia. Innovazione e ricerca sono le qualità che oggi gli investitori cercano per selezionare le società farmaceutiche e biotech mettendo in primo piano quelle impegnate a trovare una soluzione alla pandemia da COVID-19. Tra le aziende con farmaci che si stanno dimostrano efficaci ci sono:

  • l’americana Gilead Sciences che detiene il brevetto del farmaco Remdesivir, un antivirale che si è rivelato efficace in studi di laboratorio e su animali contro SARS, MERS, Ebola e anche sul Coronavirus;
  • e la svizzera La Roche il cui farmaco anti-artrite Tocilizumab (RoActemra) è stato usato in via sperimentale in Cina e ora anche in Italia e si sta dimostrando efficace nelle prime fasi della malattia.

E mentre a Seattle il Kaiser Permanente Washington Health Research Institute finanziato National Institutes of Health ha effettuato il primo test di un vaccino anticoronavirus sperimentale a un volontario – per i risultati scientificamente validi serviranno 18 mesi – ci sono alcune aziende attive sulla strada del vaccino.

Tra queste ci sono:

  • la startup biotech americana Moderna che, in collaborazione con l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAD), ha sviluppato un potenziale vaccino contro COVID-19 sfruttando un metodo di codifica delle informazioni del DNA. Il vaccino è in fase di test e indurrebbe il sistema immunitario a sviluppare anticorpi contro una cosiddetta “proteina di picco” che è presente nel virus.
  • Sulla strada del vaccino c’è anche l’azienda farmaceutica tedesca CureVac, che non è quotata in Borsa, opera a stretto contatto con l’istituto pubblico di ricerca Paul-Ehrlich-Institut, ed è specializzata in farmaci contro il cancro e le malattie rare. La società sta testando il vaccino a basse dosi e l’Ue vuole finanziare l’azienda con 80 milioni di euro.

Per investire sui nuovi confini dei farmaci legati alla genomica e alla ricerca sul DNA una buona scelta di diversificazione di portafoglio è un fondo azionario globale specializzato sui titoli biotecnologici (Categoria Morningstar Azionari Settore Biotecnologia).

La Top 5 dei fondi che investono in biotecnologia

ProdottiRendimento YTDRendimento 1y
Franklin Biotechnology Discovery Fund A (acc) USD-11,37%-2,57%
UBS (Lux) Equity Fund - Biotech (USD) P-acc-12,90%-7,49%
Selectra J. Lamarck Biotech Class B-13,62%-12,71%
SEB Concept Biotechnology Fund C-15,46%-14,56%
Pictet - Biotech Classe R Eur-16,10%-8,52%
Nella tabella, i migliori fondi che investono a livello globale sulle aziende biotecnologiche ordinati per rendimento da inizio anno. Dati in euro aggiornati a marzo 2020.

Scopri tutti i fondi e sicav disponibili sulla piattaforma Online SIM.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Coronavirus: banche centrali e riforme fiscali sono i medici del mercato

Articolo successivo

Lavoro e consumi: l'impatto sociale ed economico del Coronavirus

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa