Quasi la metà dei fondi ambiente nei loro nomi potrebbe violare il nuovo regolamenti ESMA. Questo limita l’uso di termini ESG e di definizioni legate alla sostenibilità nel nome del fondo. Lo sostiene lo studio di Clarity AI dal titolo Implications of ESMA’s New Guidelines on Fund Names, secondo cui almeno il 44% dei fondi europei che utilizzano termini ambientali e a impatto potrebbe dover cambiare nome o procedere a rivedere il portafoglio vendendo asset.

La ragione? Questi fondi sono investiti in attività che violano i criteri dell’accordo di Parigi che porta ad escludere determinati settori (armi controverse, tabacco, combustibili fossili e società i cui ricavi provengono da un’intensa produzione di energia) dal proprio portafoglio.

Fondi ambiente: quali sono le violazioni di portafoglio

La regola del nome introdotta da ESMA prevede che almeno l’80% del patrimonio dei fondi ambiente sia utilizzato per soddisfare criteri ambientali e/o sociali in base agli obiettivi di investimento sostenibile. Lo studio di Clarity AI ha analizzato 3.256 fondi domiciliati in Europa che usano nel nome termini ambientali, inclusa la sigla ESG, di cui il 74% è categorizzato articolo 8, il 19% articolo 9 e solo il 7% è articolo 6.

I limiti imposti per le attività legate ai combustibili fossili sono la prima causa di violazione della regola, ma hanno un peso rilevante anche l’esposizione alla produzione di tabacco e alle armi controverse. In particolare:

  • Combustibili petroliferi. Sono 1.077 i fondi che sono esposti a società attive nella produzione di combustibili petroliferi al di sopra della soglia di fatturato del 10%.
  • Combustibili gassosi. Sono 875 i fondi che sono stati esposti a società attive nella produzione di combustibili gassosi al di sopra della soglia del 50% dei ricavi.
  • Carbone termico. Sono 574 i fondi che sono esposti a società attive nella produzione di carbone termico al di sopra della soglia dell’1%.
  • Armi controverse. Sono 496 i fondi che sono stati esposti a società direttamente coinvolte nella produzione di armi controverse.
  • Energia elettrica. Sono 67 i fondi erano esposti a società che producevano energia elettrica con un’intensità superiore a 100 g CO2 e/kWh.
  • Tabacco. Sono 60 i fondi sono stati esposti a società coinvolte nella produzione di tabacco.

I gestori patrimoniali dovranno muoversi rapidamente per adeguare il portafoglio: le linee guida sono state pubblicate il 14 maggio 2024 e si applicheranno tre mesi dopo la pubblicazione della loro traduzione sul sito web dell’ESMA. I fondi ambiente esistenti avranno quindi sei mesi di tempo per apportare gli adeguamenti necessari. Lo studio di Clarify andrà avanti con una seconda parte che esaminerà i criteri relativi alle violazioni dei principi del Global Compact delle Nazioni Unite (UNGC) o delle Linee Guida dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) per le Imprese Multinazionali. La cifra reale dei fondi che violano le linee guida potrebbe essere persino superiore al 44%.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per investire responsabilmente su progetti legati al miglioramento del clima e del Pianeta Online SIM offre un percorso guidato attraverso i portafogli modello costruiti con diverse asset class e sviluppati sulla base di metodologie quantitative. Ogni portafoglio ha un grado di rischio differente e adotta strategie di investimento diverse puntando su settori, strumenti e Paesi. I portafogli modello sono offerti dalle migliori società di gestione (UBS, Pictet Asset Management, MainStreet Partners, Natixis Investment Managers, 4Timing Sim) comprese quelle specializzate in investimenti ESG e in fondi passivi Vanguard.

Scopri come investire con i fondi di investimento disponibili sulla piattaforma Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Auto elettrica: perché l’invasione cinese cambia l’economia

Articolo successivo

Scenario positivo per i prossimi mesi, con i tagli ai tassi d'interesse

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Competenze:
Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Per Online SIM scrive di scenari e storie di mercato, megatrend e idee di investimento, educazione finanziaria.

Esperienza:
É stata caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Formazione:
Ha una laurea in lingue e letterature straniere e una specializzazione in giornalismo.

Link ai social:

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa