È noto che la Generazione Y, conosciuta come Millennials, supererà i Baby Boomers come la più grande forza lavoro negli Stati Uniti quest’anno. Meno noto, ma probabilmente più importante per un investitore di lungo periodo, è sapere che la Gen Z, che comprende i nati tra il 1997 e il 2012, supererà la Gen Y come la più grande forza lavoro del Paese entro il 2034, raggiungendo un picco di 78 milioni di persone che lavorano e consumano. Per gli economisti di Morgan Stanley Research questo trend di lungo periodo si può definire “youth boom” ed è un fenomeno principalmente americano, ma colpirà anche altri Paesi a livello globale.

In particolare, l’analisi di Morgan Stanley della composizione demografica dei Paesi del G10, evidenzia come  la Generazione Z rappresenti il 19,4% della popolazione americana ed è la percentuale più alta tra tutti i Paesi, ma anche la Francia si difende bene con il 18,2% e Uk con il 17,2% chiude il podio dei Paesi candidati allo “youth boom”. Un gradino sotto al podio si trova il Belgio (16,3%) seguito da Svizzera (14,8%), Svezia e Italia (14,1% per entrambe), Olanda e Germania (13,6% per entrambe), mentre in coda si trovano Canada e Giappone (13,3% per entrambe). Dal punto di vista economico, questo fattore può dare una scossa economica equivalente a quella che diedero i Baby boomers post seconda guerra mondiale, almeno negli Stati Uniti.

Alcuni punti chiave definiscono le potenzialità di questo megatrend di investimento:

  • La crescita della forza lavoro giovane ha un impatto diretto sull’aumento di consumi, salari e domanda di alloggi più costosi che sono tutti pilastri della crescita del PIL. I Millennials, nati tra il 1981 e il 1996, ora sono completamente inseriti nel mondo del lavoro e l’unione con la Gen Z che è fatta di neo laureati che stanno entrando nel mondo del lavoro amplifica il fenomeno di ricambio di consumi e produttività.
  • L’ingresso nel mondo del lavoro di queste due generazioni determina il trend di lungo periodo: i giovani Millennials continueranno ad accedere al primo impiego fino al 2021, e la Gen Z comincerà a entrare dal 2022 fino al 2035. L’unione di queste due generazioni, molto simili tra loro per comportamento, cambierà il mercato del lavoro: secondo un’analisi di PwC, intelligenza artificiale e nuove tecnologie creeranno nuove professioni più qualificate e pagate meglio e porteranno l’automazione di almeno un 30% dei posti di lavoro entro il 2030.
  • Se si guarda al sistema americano, la crescita della forza lavoro giovane è sinonimo di prospettive più rosee per la previdenza sociale e l’assistenza sanitaria. A livello settoriale, i segmenti che più beneficeranno dello youth boom sono i consumi, la tecnologia, e il sistema sanitario.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per capire quanto il megatrend dello “youth boom” possa incidere sugli investimenti bisogna analizzare le abitudini, le aspettative e le opinioni di Gen Z e Millennials. Il risultato è una combinazione che abbina la tendenza demografica in atto e ridisegna il mercato del lavoro. Secondo PwC, tecnologia e assistenza sanitaria sono le industrie più desiderabili in cui lavorare per entrambe le generazioni e, in particolare, la tecnologia avrà la spinta maggiore dalla Gen Z, detta anche i- generation, più esperta dei Millennials, perché la maggioranza ha cominciato a usare uno smartphone e tutte le funzioni ad esso collegato ben prima dei 14 anni. A favore dello “youth boom” gioca anche la mancanza di divario generazionale tra Millennials e Gen Z. Goldman Sachs è stata una delle prime case di investimento a individuare la Gen Z come forza propulsiva del megatrend demografico che sta ridisegnando anche il mercato retail e l’alimentare. Secondo Goldman, la ragione per cui già nel 2015 era ora di passare dai Millennials alla Gen Z è che questa è la generazione più diversificata di sempre per gusti, consumi e provenienza culturale e familiare. E’ nota poi la propensione di Millennials e Gen Z per la sostenibilità degli investimenti. Un recente sondaggio di First State Investments ha rilevato che oltre l’80% dei Millennials è interessato o molto interessato a investimenti sostenibili o responsabili (SRI), in cui i gestori tengono conto dei criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) al momento di selezionare azioni o tenere traccia di un indice.

Per investire sul sullo “youth boom” ci sono diverse strade:

  • Si può puntare in maniera diretta su fondi azionari globali dedicati ai cambiamenti economici che Millennials e Gen Z stanno contribuendo a creare. Goldman Sachs è il gestore che per primo nel 2012 ha lanciato un fondo azionario globale dedicato a questa generazione, Goldman Sachs Global Millennials Equity Portfolio che da gennaio 2019 rende il 9,07% e investe il 67% del portafoglio in America con la tecnologia come primo settore; segue da Decalia che nel 2015 ha lanciato Decalia Millennials, un azionario globale che dichiaratamente investe sul cambiamento delle abitudini di consumo dettato dai nati tra il 1980 e il 2000. Da inizio 2019 il fondo rende il 6,59% e punta al 67% sull’America e ha i beni di consumo come primo settore in portafoglio. Più in generale punta in maniera trasversale sui cambiamenti demografici Fidelity Global Demographics Fund – E-ACC-Euro (Hedged) che rende il 5,84% da gennaio 2019 e investe oltre 44% del portafoglio sull’America con la salute come primo settore.
  • Un’altra strada è puntare sui fondi azionari globali specializzati nei consumi globali che sono fortemente influenzati dalle abitudini di Millennials e Gen Z (Categoria Morningstar: Azionari Settore Beni e Servizi di consumo)

La Top 5 dei fondi che investono nel cambiamento dei consumi

ProdottoRendimento 3yRendimento YTD
Invesco Consumer Trend Fund Classe E (acc) Eur16,18%13,47%
LO Funds - Global Prestige Classe P EUR Acc13,75%9,06%
NN (L) Prestige & Luxe Classe X12,11%10,01%
Robeco Global Consumer Trends Equities D €11,95%8,83%
Morgan Stanley Investment Funds - Global Brands Fund ZX10,87%4,82%
Nella tabella, i migliori fondi azionari globali specializzati in beni e servizi di consumo ordinati per rendimento a tre anni. Dati in euro aggiornati a febbraio 2019. Fonte: Morningstar.

Scopri gli altri fondi di investimento disponibili sulla piattaforma Online SIM.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Fondi azionari: tutte le potenzialità del Giappone. Dove investire

Articolo successivo

Il risiko dei mercati emergenti. Dove cercare valore

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa