Il mese di dicembre 2021 si è rivelato migliore per gli asset azionari. Le azioni trainano il risparmio gestito. Circa il 70% dei principali indici di mercato in positivo contro il 20% di novembre 2021. In valuta, il migliore risulta essere l’Istanbul National 100 che allunga del 4.55%. Seguono altre borse europee come Irlanda (+4.42%) e Svizzera (+4.30%). A cedere, invece, è la Russia, con l’indice di Mosca in rosso del 4.39%, mentre gli altri pochi indici in flessione, relativi principalmente ad sud-est asiatico, registrano variazioni contenute.

Analisi di mercato: Asia indietro rispetto a Europa e Usa

Si conferma la tendenza in atto da diversi mesi: l’Asia fa da fanalino di coda mentre Europa e Usa popolano la prima parte delle classifiche. È però interessante notare l’elevata dispersione degli indici USA, tra i quali si distingue il DJ Industrial, mentre il Nasdaq 100 chiude il mese con una lieve perdita.

Sul piano valutario non emergono movimenti particolari: l’euro risulta in lievissima flessione contro le principali valute ad eccezione dello Yen, nei confronti del quale avanza dello 0.85%.

Risparmio gestito: il 90% delle categorie azionarie in attivo

La top ten è popolata principalmente da specificazioni geografiche, tre le quali emerge la Corea con un brillante allungo prossimo al 7%, seguita da Svizzera, Norvegia, Regno Unito, Francia e Italia. Compare anche l’America Latina trascinata da Argentina e Messico. L’esposizione a società value, large e su mercati sviluppati, soprattutto europei, rappresenta un’arma vincente.

In ogni caso, le migliori performance mensili nel risparmio gestito sono messe a segno da alcune categorie settoriali. Il real estate USA (+9.10%) ed i metalli e minerali ad uso industriale (+6.92%), sulla scia dei trend in atto. Gli unici indici settoriali in rosso sono le energie alternative (-3.69%) e il fintech (-0.29%). Sul piano obbligazionario, invece, si configura un leggero peggioramento rispetto a novembre 2021.

Il 58% degli indici di categoria è in attivo, si riducono in valore assoluto sia la variazione minima che la massima, con conseguente contrazione della dispersione dei rendimenti attorno ad una media che si mantiene positiva. Si nota però un’inversione di tendenza.

A dicembre sono infatti gli high yield e short term gli elementi caratterizzanti le migliori posizioni. L’esposizione al mercato europeo rappresenta invece un elemento penalizzante, mentre Usa, Asia ed in generale emergenti portano a casa risultati piacevoli. Curioso è il fatto che le classifiche del mese di dicembre ricalcano abbastanza fedelmente quelle del 2021 nel suo complesso.

Scopri l’offerta di fondi di investimento disponibile sulla piattaforma Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Agricoltura 4.0: se le fattorie sono un grattacielo

Articolo successivo

Allarme permafrost: perché è un rischio per il Pianeta

Autore

Monica Zerbinati

Monica Zerbinati

Analista finanziario presso l’Ufficio Studi di FIDA, Finanza Dati Analisi. È specializzata nel risparmio gestito sul quale cura diversi studi periodici. In particolare, si occupa di analisi di scenario di tipo quali-quantitativo combinando analisi macroeconomica, tecnica e fondamentale. Segue inoltre l’evoluzione della normativa in ambito finanziario con un particolare focus sulla compliance nell’ambito della consulenza finanziaria.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa