Le performance di luglio disegnano un quadro in lieve peggioramento sul piano azionario, mentre migliorano mediamente gli asset obbligazionari.

Tra i listini le migliori performance (in valuta) sono messe a segno da Helsinki (+ 5,27%), Stoccolma (+4,71%) ed Amsterdam (+3,40%). In generale le piazze europee, soprattutto se del nord del continente, popolano la prima parte della classifica. Anche gli USA conquistano posizioni di rilievo grazie perlopiù ai titoli tecnologici. I listini asiatici, invece, si collocano in fondo ai ranking con performance anche pesantemente negative, come nel caso di Hong Kong che cede quasi il 10%.

Sul piano valutario prosegue il rafforzamento dell’euro nei confronti di un elevato numero di divise, ma non delle principali: con Yuan, Dollaro USA e Sterlina si muove sostanzialmente sulla parità, mentre contro Yen flette dell’1,15% circa.

Gli indici espressivi del risparmio gestito disponibile alla clientela italiana si muovono in modo coerente e farebbero presumere piacevoli risultati per i portafogli moderatamente difensivi e ben diversificati.

Tra i comparti a specializzazione geografica spicca il balzo degli Azionari Turchia (+6%) che però rimangono in territorio negativo sull’anno corrente (-10%). Bene anche gli Azionari Svizzera per i quali si emerge anche una discreta componente di gestione attiva, addizionale rispetto al movimento del mercato e del cambio.

I settori di luglio

Le società growth continuano a rappresentare un elemento di successo tra i mercati occidentali, mentre in Asia sono le società value a sovraperformare. Mentre in Europa corrono le mid e small, negli USA a primeggiare sono le large cap. In Oriente le dimensioni risultano neutrali nel determinare le classifiche.

Sul piano settoriale il protagonista è ancora il real estate, in luglio con l’Europa (+5,7%) mentre da inizio anno con gli USA (+29%). Prosegue il rally delle risorse idriche (+5,43% a luglio, +22,50% ytd). Bene IT, anch’esso bene impostato sul lungo periodo. Si registra invece un rimbalzo dei metalli preziosi, che avevano patito particolarmente il mese precedente e che rimangono in rosso dall’inizio dell’anno. In flessione i socialmente responsabili e le energie tradizionali, pur ben impostati nel medio termine.

Tra i comparti obbligazionari, quelli focalizzati sui Gilts risultano i più performanti con risultati che arrivano al 3.56%. Ad influire potrebbero essere state le parole del governatore della BoE, che ritiene le attuali prospettive inflazionistiche di natura temporanea e che la crescita, una volta realizzato il recupero post-pandemia, dovrebbe attestarsi su livelli contenuti. Interessante è anche l’osservazione circa la pressione sui prezzi, che dovrebbero derivare dal delay della ripresa della domanda rispetto all’offerta. Tutte affermazioni che allontanano i timori di un rialzo dei tassi nel Regno Unito.

Nel complesso gli allunghi maggiori sono ottenuti dal debito dell’Area Euro, seguito dagli Usa. È particolare come sia le lunghe scadenze che gli inflation linked guadagnino contestualmente le preferenze degli investitori. Gli investment grade superano gli high yield, coerentemente con la lieve flessione dell’azionario.

Articolo precedente

Chi sale e chi scende: le classifiche del mese di luglio 2021

Articolo successivo

Tassi e inflazione: perché Biden vuole cambiare la FED

Autore

Monica Zerbinati

Monica Zerbinati

Analista finanziario presso l’Ufficio Studi di FIDA, Finanza Dati Analisi. È specializzata nel risparmio gestito sul quale cura diversi studi periodici. In particolare, si occupa di analisi di scenario di tipo quali-quantitativo combinando analisi macroeconomica, tecnica e fondamentale. Segue inoltre l’evoluzione della normativa in ambito finanziario con un particolare focus sulla compliance nell’ambito della consulenza finanziaria.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *