Il rallentamento dei titoli growth, ovvero ad alta crescita, soprattutto in America, ha avuto due conseguenze: la sovra performance degli indici value e la corsa delle small cap con l’indice Russell 2000 che è cresciuto del 19% da gennaio 2021. Secondo l’analisi di Morgan Stanley, il mercato azionario sta facendo esattamente quello che dovrebbe fare in questa fase della ripresa. Mentre il recente movimento non lineare dei tassi di interesse a lungo termine significa che gli investitori in azioni non possono più ignorare questo fattore e che ora è proprio il momento di rischiare.

Lo sottolinea BlackRock che punta sulla ripresa economica e ha deciso di adottare un atteggiamento pro-rischio nei prossimi 6-12 mesi spingendo a investire su asset ciclici. Per questo BlackRock sovrappesa l’azionario americano, con una preferenza per le small cap, e i mercati emergenti.

Le small cap, un’opportunità anche in termini di sostenibilità

Le economie emergenti sono favorite dai gestori per l’asset allocation 2021. Per Giovanni Buffa, co-gestore dei fondi azionari Paesi Emergenti ed Asia-Pacific di AcomeA sgr c’è molto valore inespresso nelle small e mid cap dei mercati emergenti e, in generale, tra i titoli value che dovrebbero beneficare della ripartenza della crescita economica globale in uno scenario di reflazione post-pandemia. Secondo Buffa, questi titoli offrono scenari molto attraenti in termini di crescita degli utili in una prospettiva di riapertura delle economie.

Le small cap rappresentano una buona occasione di diversificazione geografica e sono un’opportunità anche in termini di sostenibilità. Di questo è convinto Florent Giffon, Responsible Investment Specialist di Degroof Petercam Asset Management (DPAM) che sottolinea come i gestori patrimoniali con un focus ESG siano sempre alla ricerca di diversificazione in nuove nicchie di mercato che offrono ancora una valutazione interessante e un potenziale di crescita significativo. Per Giffon le small cap offrono proprio questo con molte aziende interessanti e poco conosciute e un potenziale di crescita sostenibile che non è ancora pienamente valutato dal mercato.

IDEE DI INVESTIMENTO

Favorite dalla ripresa, ancora sottovalutate e con un potenziale inespresso, le small cap offrono tanti vantaggi in questa fase di mercato e possono dare una marcia in più per una diversificazione di portafoglio di lungo termine. La ragione è semplice: consentono di investire su trend e temi strutturali emergenti. Secondo l’analisi di Columbia Threadneedle Investments sono proprio i titoli in portafoglio da molti anni a generare i migliori risultati, ecco perché è importante, per chi investe in small e mid cap, avere un orizzonte temporale di cinque o anche a dieci anni.

Per investire in small cap a livello globale sono disponibili fondi azionari specializzati (Categoria Morningstar Azionari Internazionali Small Cap).

Ecco dove investono i migliori per rendimento a tre anni tutti disponibili sulla piattaforma di Online Sim.

  • Threadneedle (lux) Global Smaller Companies Fund Classe Ae investe in società di dimensioni minori, il fondo seleziona principalmente azioni di società comprese nell’indice MSCI World Smaller Companies Index. Rende il 20,72% a tre anni (+79,38% il rendimento a un anno secondo dati Morningstar). Beni industriali e tecnologia sono i settori più pesanti in portafoglio, oltre il 50% è investito in America.
  • Aberdeen Standard Sicav I – World Smaller Companies Fund Classe A Eur Acc investe in maniera globale su società che sono valutate al di sotto dei 5 miliardi di dollari all’epoca dell’investimento. Rende il 15,30% a tre anni (+78,64% il rendimento a un anno secondo dati Morningstar). Beni industriali e salute sono i primi settori in portafoglio, mentre America, UK e Asia emergente sono le aree geografiche preferite.
  • Nordea 1 – Global Small Cap Fund Classe BP EUR Acc investe in azioni e in titoli collegati ad azioni di tutto il mondo aventi una capitalizzazione di mercato al momento dell’acquisto compresa tra 200 milioni e 10 miliardi di dollari o che sono inclusi nell’indice di riferimento. Rende il 12,58% a tre anni (+83,49% il rendimento a un anno secondo dati Morningstar). Beni industriali e salute sono i primi settori in portafoglio, il 45% è investito in America.

Scopri gli altri fondi di investimento disponibili sulla piattaforma Online SIM.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Portafogli modello: come costruire un’allocazione multi orizzonte

Articolo successivo

Non solo oro: puntare sul super ciclo delle materie prime

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *