Le turbolenze geopolitiche che si stanno delineando a livello mondiale e la crisi energetica hanno introdotto un nuovo fattore per chi investe: l’imprevedibilità. Un fattore che è peggio della volatilità da cui ci può difendere e su cui si può investire con prodotti specializzati. I fondi bilanciati flessibili possono offrire una buona difesa.

Ci sono poche certezze sul mercato. Una di queste è l’inflazione che a gennaio nell’area euro è al 5,1% secondo Eurostat. Un dato atteso che ha un riflesso diretto sulle previsioni già in parte scontate di un aumento dei tassi di interesse da parte della Banca centrale europea (BCE), l’ultima colomba rimasta stretta tra Banca centrale americana (FED) e Banca centrale inglese (BOE) che hanno già preso la strada del rialzo.

Secondo le analisi di Carmignac, AcomeA SGR, Pictet Asset Management e abrdn, è solo questione di settimane. A marzo avremo già un’indicazione più chiara sul primo rialzo in Europa. Il mercato scommette già che arriverà ben prima del 2023 come aveva lasciato intendere Christine Lagarde, presidente BCE.

I mercati obbligazionari si sono affrettati ad allinearsi a un cambio di rotta imminente della BCE e i futures sui tassi a breve europei prezzano già quasi 0,50% di rialzi della BCE entro la fine del 2022. Insomma, siamo a un giro di boa, con la nave dei mercati che punta a spingere la ripresa post pandemia e a domare l’inflazione, con le azioni volatili e le obbligazioni in rialzo.

IDEE DI INVESTIMENTO

Una buona difesa senza rinunciare al rendimento è diversificare il portafoglio su strumenti che danno al gestore massima libertà di movimento.

Tra i prodotti del risparmio gestito con queste caratteristiche ci sono i bilanciati flessibili che investono una parte del patrimonio in azioni, potendo variare la quota da un minimo del 10% fino a un massimo del 90%, e una parte in obbligazioni e sono in grado di offrire rendimenti stabili nel tempo e decorrelati rispetto alla direzionalità dei mercati (Categoria Morningstar: Bilanciati Moderati e Aggressivi).

Ecco i migliori fondi bilanciati flessibili per rendimento a tre anni presenti sulla piattaforma di Online SIM:

  • Allianz Dynamic Multi Asset Strategy SRI 75 Classe A EUR Acc lanciato nel 2017 il fondo investe in particolare sulle azioni globali e sulle obbligazioni europee. Adotta una strategia d’investimento sostenibile e responsabile (strategia ISR), che tiene conto dei criteri ambientali, sociali e di governance. Rende a tre anni il 13,86% (dati Morningstar aggiornati a febbraio 2022). Tecnologia, finanza e salute sono i principali settori azionari in portafoglio. Investe in Usa il 65% dell’asset allocation.

Allianz Dynamic Multi Asset Strategy SRI 75 Classe A EUR Acc

  • Algebris Financial Income Fund Classe R EUR (Acc) lanciato nel 2013 il fondo investe a livello globale solo nel settore finanza. In portafoglio ci sono principalmente azioni che pagano dividendi elevati e obbligazioni con tassi di interesse fissi e variabili e che potrebbero presentare rating investment grade o inferiori a investment grade. Rende a tre anni il 13,63% (dati Morningstar aggiornati a febbraio 2022). Il settore finanziario è l’unico in portafoglio per scelta del fondo. Investe in Europa il 28%, in Usa il 27% e in Uk il 15% dell’asset allocation.

Algebris Financial Income Fund Classe R EUR (Acc)

  • Franklin Diversified Dynamic Fund A (Ydis) EUR il fondo nato nel 2015 ha come obiettivo un tasso di rendimento annuale medio del 5% (al netto delle commissioni) superiore a quello del tasso EURIBOR (Euro Interbank Offered Rate), per un periodo di tre anni consecutivi. Il Fondo si prefigge di conseguire il suo obiettivo con una fluttuazione annualizzata (volatilità) della quotazione azionaria del Fondo compresa tra l’8% e l’11%. Rende a tre anni il 9,34% (dati Morningstar aggiornati a febbraio 2022). Tecnologia, finanza e salute sono i principali settori azionari in portafoglio. Investe in Usa il 63% dell’asset allocation.

Franklin Diversified Dynamic Fund A (Ydis) EUR

  • Credit Suisse (Lux) Portfolio Fund Balanced EUR ClasseB EUR Cap il fondo lanciato nel 1998 investe su scala mondiale in parti uguali in azioni e titoli a reddito fisso/variabile. La quota del patrimonio in azioni e titoli affini può variare dal 30% al 60%. Il portafoglio può inoltre essere integrato da strumenti del mercato monetario. Rende a tre anni il 9,12% (dati Morningstar aggiornati a febbraio 2022). Tecnologia, finanza e beni industriali sono i settori azionari più pesanti. Il portafoglio è investito al 70% in Europa e Usa che pesano in egual misura.

Credit Suisse (Lux) Portfolio Fund Balanced EUR ClasseB EUR Cap

  • Jb Strategy Growth-eur Classe B lanciato nel 2000 il fondo è adatto ad investitori orientati al lungo termine che non temono il rischio elevato in termini di oscillazioni delle quota. La quota azionaria ammonta al 65% circa dell’asset allocation. Rende a tre anni l’8,89% (dati Morningstar aggiornati a febbraio 2022). Tecnologia, salute e finanza sono i settori azionari più pesanti. Il portafoglio è investito al 63% in Usa.

Jb Strategy Growth-eur Classe B

  • Franklin Income Fund A (acc) USD lanciato nel 2015 il fondo investe in titoli azionari e titoli di debito a medio e lungo termine di società appartenenti a diversi settori industriali (utilities, petrolio, gas, immobiliare e generi di consumo). Può investire in obbligazioni con un rating inferiore a “investment grade”. Rende a tre anni il 7,65% (dati Morningstar aggiornati a febbraio 2022). Utilities, salute e beni di consumo sono i settori azionari più pesanti. Il portafoglio è investito all’83% in Usa.

Franklin Income Fund A (acc) USD

  • GAM Star Balanced Classe C EUR Acc lanciato nel 2012 investe principalmente in organismi di investimento collettivo a capitale variabile che ottengono un’esposizione ad azioni, titoli a reddito fisso (senza alcuna restrizione sul rating creditizio minimo), immobili, materie prime e valute. Può essere esposto fino all’85% del suo patrimonio netto in azioni. Rende a tre anni il 5,48% (dati Morningstar aggiornati a febbraio 2022). Tecnologia, beni industriali e beni di consumo ciclici sono i settori azionari più pesanti. Il portafoglio è investito al 31% in Usa e al 17% in Giappone, al 15% in Uk, mentre l’Europa vale l’11%.

GAM Star Balanced Classe C EUR Acc

  • Carmignac Profil Réactif 75 Classe A Eur Acc lanciato nel 1999 è un fondo di fondi diversificato tra titoli e fondi (azionari, diversificati, obbligazionari, monetari e così via). La dricrezionalità del gestore è massima e può investire dallo 0 al 75% del patrimonio in fondi azionari. Rende a tre anni il 5,18% (dati Morningstar aggiornati a febbraio 2022). Tecnologia, salute e beni di consumo sono i settori azionari più pesanti. Il portafoglio è investito al 33% in Usa e al 22% in Europa. L’Europa vale l’11%.

Carmignac Profil Réactif 75 Classe A Eur Acc

Scopri come investire sulla piattaforma Online SIM con commissioni scontate del 100% e un Dossier fondi a zero spese.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Come il PNRR influenza i mercati e gli investimenti

Articolo successivo

Chi sale e chi scende: la classifica dei migliori fondi a gennaio 2022

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa