A partire dal gennaio 2023 per i fondi che dichiarano di seguire una strategia sostenibile, seguendo i criteri ESG, ci saranno nuove regole. Si tratta della seconda fase di applicazione del Regolamento sull’informativa di sostenibilità dei servizi finanziari (SFDR) dell’Unione Europea entrato in vigore il 10 marzo 2021.
In particolare dal 2023:

  • i gestori dovranno dichiarare la percentuale prevista in portafoglio di investimenti sostenibili;
  • indicare quanta parte del portafoglio è allineata alla Tassonomia decisa dall’Unione Europea;
  • dichiarare quali sono i principali effetti negativi dell’asset allocation decisa dal gestore.

Queste regole avranno un impatto sugli investitori che decidono di scegliere un fondo dichiaratamente sostenibile.

La ragione? I fondi saranno più confrontabili e le informazioni a disposizione consentiranno di fare una selezione mirata.

Cos’è la classificazione SFDR

Già oggi gli investitori devono fare i conti con la classificazione SFDR che ha diviso i prodotti in tre categorie a seconda dell’obiettivo di investimento:

  • i prodotti neutrali, che rientrano nell’articolo 6 del regolamento SFDR, non hanno alcun tipo di controllo vincolante della sostenibilità nel loro processo di investimento e possono includere azioni che possono essere escluse dai fondi incentrati sui fattori ESG. Questi fondi non danno enfasi alla sostenibilità nel processo di investimento.
  • i prodotti che rispettano quanto stabilito dall’articolo 8 del regolamento SFDR nel quale rientrano i fondi che promuovono caratteristiche ambientali o sociali. La E e la S della sigla – o una combinazione di tali caratteristiche, a condizione che le società in cui vengono effettuati gli investimenti seguano buone pratiche di governance – la lettera G della sigla. Non hanno come obiettivo gli investimenti sostenibili.
  • i prodotti che sono conformi all’articolo 9 del regolamento SFDR che sono denominati come fondi destinati a investimenti sostenibili e che hanno come obiettivo investimenti sostenibili.

Al momento tutti i prodotti che rispondono ai tre articoli del regolamento SFDR rientrano nella classificazione di fondi sostenibili e sono confrontati alla pari. Da gennaio 2023 il confronto e quindi anche le classifiche che misurano i prodotti cambieranno. I fondi neutrali, per esempio, potrebbero non entrare più nella classificazione ESG.

IDEE DI INVESTIMENTO

La classificazione SFDR ha come obiettivo la standardizzazione dei fondi sostenibili e dovrebbe rendere agli investitori la vita più facile nella scelta dei prodotti ESG. Tuttavia le tre categorie in cui sono stati divisi i fondi sono molto ampie e già oggi difficilmente confrontabili. Nella scelta del miglior fondo adatto a ciascun investitore viene in aiuto la normativa Mifid II che da gennaio 2023 deve tenere conto ancora di più delle preferenze di sostenibilità di un investitore che dovranno corrispondere a ciò che si trova nel portafoglio del fondo. Insomma, avere chiari gli obiettivi di sostenibilità (ambiente, inclusione per esempio) che si hanno aiuterà a fare la scelta giusta.

Un aiuto nella costruzione della corretta asset allocation arriva dai portafogli modello di Online SIM che contengono diverse asset class e sono sviluppati sulla base di metodologie quantitative. In questo modo si ottengono diversi gradi di rischio che vengono associati al profilo dell’investitore. Ogni portafoglio adotta strategie di investimento differenti e predilige l’investimento in determinati settori, strumenti, Paesi.

Scopri anche i fondi ESG disponibili sulla nostra piattaforma per investire sui trend di lungo termine della sostenibilità.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Investire a lungo termine: perché tutte le strade portano all’energia rinnovabile

Articolo successivo

Elezioni Francia: quanto pesa il voto sull’Europa

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa