Quando un indice di Borsa raggiunge un rendimento positivo a tre cifre dai suoi minimi è il momento di farsi delle domande. Sul Nasdaq, il mercato americano con la più alta concentrazione di tecnologia e idee innovative, i dubbi sono tanti. La ragione è semplice: c’è ancora chi, dopo 15 anni si lecca le ferite dello scoppio di una bolla che ha bruciato miliardi di dollari e provocato una discesa all’inferno dei titoli tecnologici con ribassi del 200% dal 2000 al 2002.
Così quando a fine aprile l’indice americano è tornato sopra i 5.000 punti con un rialzo dal 2000 del 351% abbattendo una soglia psicologica importante la domanda è diventata più pressante: siamo alla vigilia di una nuova bolla? Se si guardano le valutazioni delle società quotate la risposta è negativa.

Il rapporto prezzo/utili non è da bolla. La prova arriva dall’analisi di Morningstar che ha ricordato come a marzo 2000, prima che il mercato scoppiasse, i titoli hi-tech erano trattati a 50 volte gli utili attesi, contro le 12 volte delle aziende dei comparti tradizionali. Oggi il rapporto è di 18 per entrambe le categorie di azioni.
Società come Apple, per esempio, secondo il miliardario americano Carl Ichan dovrebbero valere fino a 240 dollari per azione dai 130 dollari attuali, e anche Google, Amazon, Alibaba e Facebook sembrano essere solide e, anche se hanno corso tanto dalla quotazione, hanno conti e aspettative sugli utili che potrebbero giustificare quotazioni più alte. Ad allontanare lo spauracchio di una nuova bolla c’è poi un altro fattore: nel 2000 il settore tecnologico pesava il 30% sul totale dell’indice, adesso il peso è sceso al 20%.

Occhi puntati su Uber. Nei numeri ci sono tutte le premesse per allontanare il rischio bolla dal Nasdaq. Ma le cronache finanziarie fanno riflettere e consigliano chi investe di tenere, comunque, alta la guardia. L’ultimo esempio è la voglia di quotazione di Uber, il colosso dei taxi privati, che secondo un’indiscrezione del Wall Street Journal poi confermata da Bloomberg e New York Times «sta pianificando di raccogliere dagli 1,5 miliardi ai 2 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti, cosa che le consentirebbe di raggiungere una valutazione di 50 miliardi di dollari e oltre». Per ora solo Facebook è arrivata a tanto.

Idee di investimento

Per puntare sulla tecnologia, conviene diversificare guardando anche fuori dall’America e dal Nasdaq (categoria Fund selector Online sim: Azionari Settore Informatica). I migliori fondi a disposizione per rendimento a un anno (maggio 2014- maggio 2015) inizio anno sono:

  • Fidelity Global Technology Fund Classe E che rende il 47,1%;
  • Parvest Equity World Technology Classe N che rende nello stesso periodo il 45,7%
  • Raiffeisen Azionario Tecnologia (r) (+43,6%).

    Note

    Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Cinque ragioni per scegliere un Piano di Accumulo del Capitale

Articolo successivo

Chi sale e chi scende: le classifiche del mese

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *