Negli ultimi dieci anni lo stile di investimento value reso popolare da Warren Buffett è sempre stato al centro di critiche. In un mercato veloce e volatile il motto del “compra e aspetta” non era così attraente per gli investitori. Negli ultimi mesi, però, il vento è cambiato e il value investing, ovvero il metodo di investimento che si basa sull’acquisto di titoli di valore a basso prezzo è tornato di moda. Questo perfino tra i grandi investitori speculativi come gli hedge fund.

Cosa è cambiato? Nulla e tutto. Siamo semplicemente all’inizio di un nuovo ciclo di mercato. Secondo l’analisi di Robeco questo sarà caratterizzato per lungo tempo dalle manovre delle banche centrali (FED e BCE) con tassi in rialzo e fine degli stimoli monetari, in un contesto di inflazione al rialzo e di crescita economica lenta.

Secondo l’analisi di AcomeA SGR sono tre i fattori da tenere presente a favore del value e sono tutti, in qualche modo, collegati.

  1. il ritorno dell’inflazione a livello globale
  2. la svolta della FED verso tassi al rialzo
  3. le obbligazioni governative e societarie dei Paesi sviluppati con scadenze oltre i 5 anni e i titoli azionari più legati ad aspettative di crescita a doppia cifra, all’innovazione e al “nuovo paradigma”, con valutazioni oramai difficili da sostenere.

Diverse case d’investimento puntano sul value come stile di investimento del 2022. Ma attenzione: secondo l’analisi di AcomeA SGR, che da oltre 30 anni adotta questo stile, il value funziona, ma bisogna aver pazienza e costanza. Il costo per ottenere performance superiori è proprio questo: passare da periodi, anche lunghi, in cui il mercato ti rema contro che sono proprio quelli in cui porre le basi per un extra rendimento dei portafogli.

La parola chiave è lungo termine e, secondo l’analisi di Bnp Paribas Asset Management, questo è proprio il momento di costruire un portafoglio value con un obiettivo minimo di 5 anni.

La ragione? Le azioni value hanno sottoperformato per un po’, rendendo le loro valutazioni attraenti tanto quanto quelle delle azioni tecnologiche dopo lo scoppio della bolla del 2000. E questo vale a livello globale e per tutti i settori di valore.

IDEE DI INVESTIMENTO

I cambiamenti sul mercato stanno contribuendo all’interesse per la strategia value.

Ecco i punti chiave del value investing:

  • La selezione dei titoli avviene tra quelli che hanno avuto performance deludenti nel recente passato, ma il cui business è solido. I titoli sono selezionati tra quelli che offrono un dividendo periodico.
  • I titoli hanno raggiunto prezzi molto bassi se confrontati con i profitti ottenuti e attesi (P/E), il dividend yield (prezzo/dividendo) e sul rapporto tra la capitalizzazione di borsa e il patrimonio netto.
  • Per valutare i titoli value si utilizza l’analisi quantitativa e qualitativa che si basa sulla conoscenza del gestore delle singole aziende che sono monitorate nel tempo.
  • Si investe in titoli value per cercare protezione dall’inflazione e perché i titoli value sono meno vulnerabili a possibili andamenti economici negativi.

I migliori fondi stile value per investire

Per investire con uno stile value su tutti i mercati globali, la scelta migliore sono i fondi internazionali a stile value (Categoria Morningstar Azionari Internazionali Large Cap Value).

Ecco dove investono i migliori fondi presenti sulla piattaforma di Online SIM:

  • Jb Equity Fund Special Value Classe B Eur è un azionario internazionale che investe in azioni che ritiene nettamente sottovalutate e dotate di un elevato potenziale di conseguimento di una plusvalenza. Può investire in obbligazioni convertibili. Partito nel 2013 il fondo rende a un anno il 14,99% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Finanza, tecnologia e salute sono i primi settori in portafoglio. Il 54% è investito in America, il 15% in Europa.

Jb Equity Fund Special Value Classe B Eur

  • Robeco BP Global Premium Equities Euro Classe D è un azionario internazionale che investe livello globale in azioni value di società a elevata capitalizzazione, vale a dire titoli di aziende robuste ma attualmente sottovalutate. Partito nel 2004 il fondo rende a un anno il 14,43% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Salute, beni industriali e finanza sono i primi settori in portafoglio. Il 52% è investito in America, il 20% in Europa.

  • T Rowe Price – Global Value Equity Classe A Eur è un azionario internazionale che investe su base discrezionale principalmente in azioni e titoli collegati ad azioni. Gli investimenti del fondo non sono soggetti a limiti geografici. Partito nel 2016 il fondo rende a un anno il 14,10% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Salute, finanza e tecnologia sono i primi settori in portafoglio. Il 61% è investito in America, il 9% in Giappone.

T Rowe Price - Global Value Equity Classe A Eur

Scopri anche gli altri fondi di investimento disponibili sulla piattaforma Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Diversificazione: battere la volatilità con i fondi income a caccia di dividendi

Articolo successivo

Investire salute: dove porta la corsa a un vaccino universale per Covid-19

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa