La sfida dei regali hi-tech di Natale 2018 si gioca tra console di ultima generazione (Xbox One X, la PlayStation 4 Pro e la Nintendo Switch), controller e device di retrogaming che riportano in vita pezzi storici come la prima Playstation di Sony. È il segno di un rinascimento nei videogiochi, uno dei settori che è stato rivivificato dalle funzionalità digitali come il gioco globale in rete, i download di giochi completi e i contenuti collegati al gioco, tanto che l’industria, che secondo i calcoli di Morgan Stanley Research oggi vale già 180 miliardi di dollari, potrebbe crescere del 5% all’anno da qui al 2025.

I giocatori di ogni età crescono insieme alla community online degli appassionati dei titoli più gettonati dei cosiddetti multiplayer online come Call of Duty e Battlefield. La vera battaglia è tra i produttori di console e tra gli editori dei giochi che hanno trovato nel cloud un nuovo terreno di gioco. I Big Data, infatti, sono la nuova frontiera anche dei videogiochi e sono il preludio per portare tutta l’industria verso nuove forme di ricavo con nuovi modelli di abbonamento a consumo, esattamente come è accaduto nel settore dell’entertainment.

Il passaggio all’abbonamento e alla fruizione in streaming è già avvenuto in settori come la musica e i video e ha cambiato i consumi portando le persone ad acquistare, per esempio, solo la musica che suona su smartphone, eliminando i supporti fisici come i Cd e i device per farli funzionare. In questo momento il settore dei videogiochi sta vivendo la stessa fase di transizione che la musica ha già vissuto e, secondo i calcoli di Morgan Stanley, questo processo può generare un giro d’affari di oltre 19 miliardi di dollari per l’aggiornamento di hardware e di oltre 9 miliardi di dollari di commissioni che gli editori, che controllano i titoli, pagano ai produttori di console per raggruppare i contenuti e renderli fruibili alle community dei giocatori.

IDEE DI INVESTIMENTO

Il rinascimento dei videogiochi è un affare anche per gli store digitali (Apple e Google) che si sono trasformati in sale giochi per milioni di fans e hanno contributo al successo di titoli come Candy Crush o Clash of Clans che sono ormai compagni di viaggio per chi si sposta in tram, metro e treni. E soprattutto l’affare c’è, e ci sarà, per i gestori dei cloud data center che hanno la tecnologia ma non hanno i contenuti. Secondo lo studio di Morgan Stanley research il futuro dei videogiochi avrà due fasi chiave:

  • Il passaggio di massa all’abbonamento online dei giochi che oggi vale solo il 3% del mercato globale. Ed è un passaggio che dovrebbe completarsi nei prossimi 5 anni.
  • Il passaggio al cloud gaming che avverrà a più lungo termine, almeno 10 anni, e questo cambiamento sarà più drammatico per il settore perché potrebbe mettera rischio la sopravvivenza dell’hardware e le console potrebbero scomparire.

La sfida per i produttori è guidare le community fedeli verso i propri servizi basati sul cloud, mentre per gli editori la sfida è allearsi con i provider di cloud creando proprie piattaforme di cloud-gaming. E il gioco è appena iniziato. Chi vincerà?

Per investire sulle nuove tendenze della tecnologia anche legate ai consumi ci sono i fondi azionari tecnologia (Categoria Morningstar Azionari settore tecnologia)

La Top 10 dei fondi che investono in tecnologia

ProdottoRendimento YTDRendimento 3y
Parvest Disruptive Technology Privilege-Capitalisation22,25%17,45%
Polar Capital Funds PLC - Polar Capital Global Technology Fund I Income20,84%21,00%
Jpm Us Technology D (acc) - Usd20,73%18,89%
GAM Star Fund plc - GAM Star Technology Class Institutional USD Accumulation19,90%13,99%
AXA World Funds - Framlington Digital Economy I Capitalisation USD16,27%---
DNB Fund - Technology retail A (N)15,81%---
BGF World Technology Fund Classe E215,50%17,89%
T. Franklin Technology Fund Usd Classe A (acc)14,26%14,97%
Allianz Global Investors Fund - Allianz Global Artificial Intelligence IT EUR13,15%---
Vitruvius Growth Opportunities - Eur Classe B13,03%12,36%
Nella tabella, i fondi azionari specializzati in tecnologia ordinati per rendimento da inizio anno. Dati % in euro aggiornati a dicembre 2018. Fonte: Morningstar.

Per selezionare i fondi più indicati per te ricerca tra le società di gestione presenti su Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Consulenza: perché agli italiani piace il robo advisor

Articolo successivo

Portafoglio 2019: scelte globali e diversificate per i fondi azionari

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa