Per i grandi investitori il mercato azionario europeo è una grande opportunità value sui settori finanziario e materie prime grazie alla partenza del Recovery Fund. Tuttavia, in Europa, un numero elevato di casi Covid-19, nuovi blocchi economici e un ritmo di vaccinazione che è partito in maniera lenta per poi accelerare nell’ultima settimana, hanno ritardato questo cambiamento. Se si guarda l’andamento 2021 dei mercati azionari, Stati Uniti ed Europa hanno sovraperformato in modo significativo le azioni dei mercati emergenti e giapponesi. È un colpo di fortuna? Secondo l’analisi di Morgan Stanley assolutamente no, anzi, è l’inizio di un trend con le azioni europee che potrebbero continuare a sovraperformare le controparti globali.

Sono quattro le ragioni che sostengono il mercato azionario europeo:

  • Il fattore macro: i dati economici in tutta Europa sono nettamente migliori del previsto. Questo è particolarmente vero nel settore manifatturiero, che beneficia della forte ripresa globale, e nei settori value (finanziari e materie prime). L’Europa è destinata a essere l’unica grande regione dell’economia globale in cui la crescita del Prodotto interno lordo (PIL) dovrebbe essere maggiore nel 2022 rispetto al 2021.
  • Il ritardo della ripresa diventa un vantaggio futuro: ci sono margini di miglioramento in alcuni dei principali indicatori economici durante i mesi estivi. A differenza di quanto ci si attende negli Stati Uniti, dove probabilmente gran parte delle buone notizie sono già scontate dalle Borse. Le azioni europee competono a livello globale: le società europee possono beneficiare della ripresa non solo a livello europeo. Le previsioni sugli utili per il 2021 sono aumentate di oltre il 5%.
  • Il mercato europeo finora è stato trascurato: questo significa che investire nelle Borse europee è più economico rispetto ad altri mercati. Mentre i mercati azionari globali hanno registrato afflussi quasi record negli ultimi mesi, i flussi europei sono stati prossimi allo zero.
  • Il Recovery Fund sostiene ripresa e riforme: il via libera al piano di aiuti europeo porterà all’emissione di titoli di Stato dell’area euro nella seconda metà dell’anno che serviranno a finanziare l’espansione fiscale nei prossimi anni. Questi fondi hanno l’obiettivo di stimolare la crescita economica e ridurre il rischio politico.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per gli investitori l’opportunità in Europa è su azioni value come i finanziari (banche e assicurazioni) e le materie prime, e l’Italia in questo senso può giocare un ruolo di primo grazie alla composizione del suo listino fortemente sbilanciato sul settore finanza.

Secondo l’analisi di Axa Investment Management, il recovery è una spinta forte all’Europa sul alcuni temi chiave (sostenibilità ambientale, produttività, equità e stabilità macroeconomica) e per l’Italia sono tutti nodi da sciogliere nel percorso politico di Mario Draghi.

Per puntare sull’Europa con uno stile value ci sono fondi azionari che utilizzano questo metodo di investimento:

  • Amundi Funds – European Equity Value E2 EUR C è un fondo azionario Europa a stile value che investe il 60% del portafoglio nell’Europa Occidentale e il 23% in Uk. Rende il 43,29% a un anno (dati Morningstar aggiornati a maggio 2021). Il primo settore in portafoglio è la finanza seguito da beni di consumo e beni industriali.
  • Invesco Pan European Focus Equity Fund Classe E Eur è un fondo azionario Europa a stile value che investe il 66% del portafoglio nell’Europa Occidentale e il 17% in Uk. Rende il 40,82% a un anno (dati Morningstar aggiornati ad aprile 2021). Il primo settore in portafoglio è la finanza seguito da salute e beni industriali.
  • HSBC Global Investment Funds – European Equity AC à un fondo azionario Europa a stile value che investe che investe il 65% del portafoglio nell’Europa Occidentale e il 23% in Uk. Rende il 37,68% a un anno (dati Morningstar aggiornati ad aprile 2021). Il primo settore in portafoglio è la finanza seguito da beni industriali e beni di consumo.

Se vuoi essere supportato nelle tue scelte di investimento puoi utilizzare i nostri portafogli modello. Un portafoglio modello è costruito con asset class e viene sviluppato sulla base di metodologie quantitative. In questo modo si ottengono diversi gradi di rischio che vengono associati al profilo dell’investitore. Ogni portafoglio adotta strategie di investimento differenti e predilige l’investimento in determinati settori, strumenti, Paesi. Scegli il portafoglio modello più in linea con le tue esigenze e obiettivi. 

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Fondi obbligazionari sostenibili: quanto condizionano le scelte sul clima

Articolo successivo

Portafogli modello: come costruire un’allocazione per una ripresa economica

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *