Il voto favorevole al cambiamento della Costituzione russa dà una nuova spinta alla Russia che torna ad essere al centro delle valutazioni di chi investe sui Paesi emergenti. Il dato più importante è che il 78% dei voti favorevoli ai cambiamenti costituzionali e un’affluenza alle urne del 65% dà a Vladimir Putin la possibilità di candidarsi alla presidenza per altri due mandati consecutivi.

Questo pone fine incertezza, nemica dei mercati, al dibattito sulla successione e elimina il rischio che Putin diventi un presidente senza poteri reali nel breve periodo. Se si guarda al lungo termine, invece, il mercato scommette già sulla Russia governata a vita da Putin che il prossimo ottobre compirà 68 anni ed al potere da 20 anni prima come premier e poi come presidente. Secondo il consensus degli analisti, non ci sono dubbi che Putin si ricandiderà puntando a governare la Russia almeno fino al 2036.

Quali sono le conseguenze per chi investe? Secondo l’analisi di Raiffeisen Capital Management, ci sono diversi fattori da considerare:

  • La lotta per il potere in vista delle elezioni e un aumento delle fazioni governative, militari e dei servizi di sicurezza non è da escludere e non gioverebbe al mercato.
  • Putin è meno interessato alla gestione quotidiana del Paese ed è sempre meno preoccupato di coltivare la crescita economica e il clima degli investimenti.

A pesare sul mercato russo c’è poi un fattore demografico importante. La banca Mondiale stima che nel 2025 più del 25% della popolazione della federazione russa supererà i 65 anni. Per questo, anche se nel 1991 è stato introdotto un sistema sanitario basato su un’assicurazione obbligatoria, il fattore pensioni condiziona i programmi elettorali e incide sui conti molto più dell’educazione e della sanità. Nel 2012, in campagna elettorale Putin ha progressivamente alzato il tasso di rivalutazione delle pensioni dal 6,3% nel 2010 al 10,65%. Nel 2014, dopo la vittoria elettorale, il tasso di rivalutazione delle stesse è sceso al 8,31%. Un mese dopo essersi aggiudicato nel 2018 il suo quarto mandato, Putin ha limitato l’aumento dell’età pensionabile, da 55 anni a 60 anni per le donne (contro i 63 previsti) e da 60 a 65 per gli uomini e non è escluso che possa alzare ancora l’asticella al prossimo mandato.

IDEE DI INVESTIMENTO

La stabilità politica è un fattore importante per attirare investimenti su un Paese. Il risultato elettorale dà quindi nuova forza alla Russia che in termini di politica macroeconomica, però, ha ancora molto da fare. Secondo Raiffeisen Capital Management, con ogni probabilità aumenteranno le spese infrastrutturali e sociali anche in seguito al Covid-19 e la combinazione di un’inflazione al 4% e di una crescita al 3% – o superiore – sembra essere realistica anche oltre il 2021. Al di là del dato elettorale restano alcune debolezze del mercato russo legate al ciclo economico, in particolare:

  • I prezzi delle materie prime e del petrolio mai così in basso;
  • le valutazioni di mercato nei settori ciclici si comprimono e i dividendi che, nel recente passato, sono stati un pilastro di stabilità per il mercato russo adesso vacillano.

Per investire sulla Russia ci sono fondi azionari specializzati (Categoria Morningstar Azionari Russia) che investono sul mercato.

La Top 5 dei fondi azionari che investono sulla Russia di Putin

ProdottoRendimento 1yRendimento 3y
Aberdeen Standard Sicav I - Russian Equity Fund Classe A Eur Acc-5,21%2,05%
UBS (Lux) Equity Sicav - Russia (USD) P-acc-5,27%7,30%
Aberdeen Standard Sicav I - Russian Equity Fund Classe S Eur Acc-5,37%1,87%
Dws Russia Acc-5,75%8,08%
SEB Russia Fund C EUR-6,01%9,94%
Nella tabella i migliori fondi azionari che investono in Russia ordinati per rendimento a un anno. Dati in euro aggiornati a luglio 2020. Fonte: Morningstar.

Scopri come investire e come pianificare i tuoi investimenti sul sito di Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Stagflazione: cos’è e come investire in obbligazioni

Articolo successivo

I titoli difensivi oggi: cambiamenti e previsioni di mercato

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *