Nonostante l’aumento dei rapporti p/e (price to earnings) dei titoli ciclici rispetto a quelli difensivi, il vigore degli indicatori economici anticipatori suggerisce di investire. Ma non solo.

Gli utili delle aziende continueranno a recuperare nei prossimi 12 mesi in America grazie alla politica di Biden. Uguale in Europa, grazie al Recovery fund e allo sviluppo dei vaccini, e nel mercato emergenti allo slancio macroeconomico della Cina.

In questo contesto, secondo l’analisi di Allianz Global Investors, Pictet asset management, Generali Investments, Amundi e Ubs, le azioni sono favorite rispetto alle obbligazioni e la rotazione dei portafogli verso ciclici e value in termini di mercati (area euro, Regno Unito, Giappone e mercati emergenti) e di settori (industriali, finanziari, materiali, energia) è la scelta giusta nel medio termine.

Ci sono diversi fattori che giocano a favore dei ciclici:

  • Nel 2021 i dividendi delle società, che fanno parte dell’indice MSCI Europe, dopo il calo del 20% circa registrato nel 2020 avranno un incremento del 15% circa nel 2021
  • La ripresa degli utili aziendali non vuol dire fine della crisi da Covid-19. Per ritornare sui livelli pre-crisi bisognerà attendere almeno il 2022
  • In Usa è probabile che gli investitori favoriscano le azioni cicliche rispetto a quelle tecnologiche. Molte delle quali hanno valutazioni elevate e in alcuni casi sono esposte a rischi normativi sotto l’amministrazione di Biden
  • La scelta del settore fa la differenza. Il comparto salute e le utilities continueranno a beneficiare del momento favorevole ma la ripresa maggiore si avrà nei settori che hanno sofferto di più nel 2020. Beni di consumo ciclici e beni industriali saranno i primi a beneficiare della ripresa economica

IDEE DI INVESTIMENTO

Il tema della ripresa dei dividendi è al centro della ricerca Allianz Global Investors Dividend Study 2021. La ricerca sottolinea come nonostante la crisi, anche nel 2020 le cedole delle azioni europee sono state una componente sostanziale dei rendimenti e danno stabilità a un portafoglio che investe sulle Borse. Questo vale soprattutto per l’Europa dove la cultura dei dividendi è più radicata rispetto ad America e Asia: a livello globale negli ultimi 45 anni i dividendi hanno rappresentato circa il 35% del rendimento azionario complessivo.

Per gestire una rotazione di portafoglio e posizionarsi sui settori ciclici la scelta migliore è fare un check-up di portafoglio e valutare i propri obiettivi di investimento.

Online SIM dà la possibilità di investire secondo Portafogli Modello specializzati di diverse società di gestione (tra le altre UBS, Pictet Asset Mangement e MainStreet Partners) che selezionano diverse asset class (obbligazionarie oppure azionarie) e megatrend con i portafogli modello specializzati in investimenti sostenibili, tematici e globali.

Scopri come investire sulla piattaforma Online SIM.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Perché i fondi sostenibili battono i tradizionali. Dove investire

Articolo successivo

Portafogli modello: come costruire un’allocazione multi obiettivo

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa