Per gli italiani i fondi di investimento immobiliare sono una buona opportunità di investimento in tempi di tassi di interesse bassi. A certificarlo è stato il rapporto I Fondi immobiliari in Italia e all’estero di Scenari Immobiliari dedicato al mercato europeo che ha analizzato il patrimonio (Nav) dei fondi operativi in Francia, Germania, Gran Bretagna, Lussemburgo, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia, pari a circa l’85% del mercato Ue. Il risultato è un mercato in crescita – solo nel 2016 l’aumento del Nav è stato del 12,4% nel 2016 – da ormai sei anni. In Italia in patrimonio è arrivato a 46 miliardi di euro a fine 2016 – su un patrimonio complessivo degli otto Paesi analizzati di 517 miliardi di euro – con un obiettivo 2017 di un patrimonio di 50 miliardi in Italia per 407 fondi immobiliari attivi.

E il rendimento? Se si guarda all’indice degli Azionari Settoriali Immobiliare (Europa) di Fida, da gennaio a maggio 2017 il rendimento è stato del 6,52% (+7,56% anno su anno e +35,37% a tre anni). Rendimenti così sono attraenti per chi ha un obiettivo di medio periodo. Tanto che le previsioni per il 2017 tra i principali operatori europei sono di una crescita del patrimonio vicina al 4% e anche il numero dei fondi è atteso in aumento. L’Italia, nonostante la crescita continua, non è sul podio in Europa. Il Paese leader in Europa del settore per consistenza è la Germania con 88 miliardi di patrimonio per i fondi aperti e a 77,5 miliardi per i fondi riservati, seguita da Francia e Olanda.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per capire come si muovono i gestori immobiliari, basta analizzare il report di Scenari Immobiliari che ha interrogato in un questionario alcune Sgr sul futuro del mercato. Il risultato è che il 70% dei gestori crede in un miglioramento ulteriore del rendimento dei fondi nel medio periodo (fino a 5 anni) contro un 13% che si aspetta una performance stabile e il 7% che, invece, è pessimista. A livello di asset allocation, cresce l’interesse per il residenziale, che ora vale in media il 10% dei portafogli investiti, con un occhio più attento agli immobili in ristrutturazione e sui nuovi complessi in cohousing per giovani e anziani.

Per chi vuole puntare sul mercato immobiliare europeo la scelta più adatta è un fondo immobiliare specializzato che in investa in Europa, inclusa Uk (Categoria Morningstar: Immobiliare indiretto Europa):

  • F&C Traditional Funds – Real Estate Securities Fund A EUR Accumulating rende il 14,33% da giugno 2014 a giugno 2017 (+11,38% da gennaio a giugno 2017). Il fondo è gestito da Alban Lhonneur e Marcus Phayre-Mudge e investe in società collegate al settore immobiliare o società che hanno un’esposizione significativa verso il mercato immobiliare europeo e fa delle puntate anche fuori Europa. Il portafoglio punta al 51% sull’area euro e al 31 sul mercato immobiliare Uk.
    F&C Traditional Funds - Real Estate Securities Fund A EUR Accumulating rende il 14,33% da giugno 2014 a giugno 2017 (+11,38% da gennaio a giugno 2017). Fonte: Morningstar.
    F&C Traditional Funds – Real Estate Securities Fund A EUR Accumulating rende il 14,33% da giugno 2014 a giugno 2017 (+11,38% da gennaio a giugno 2017). Fonte: Morningstar.

     

  • DPAM Invest B Real Estate Europe rende l’11,81% da giugno 2014 a giugno 2017 (+8,70% da gennaio a giugno 2017). Il fondo è gestito da Damien Maréchal che investe in società il cui management assicuri la crescita grazie ad un approccio dinamico. Il benchmark di riferimento è il Petercam European Property Shares Index, composto dalla società Global Property Research. Il 69% del portafoglio è investito in area euro e il 20% in Uk.
    DPAM Invest B Real Estate Europe rende l’11,81% da giugno 2014 a giugno 2017 (+8,70% da gennaio a giugno 2017). Fonte: Morningstar.
    DPAM Invest B Real Estate Europe rende l’11,81% da giugno 2014 a giugno 2017 (+8,70% da gennaio a giugno 2017). Fonte: Morningstar.

     

  • Henderson Pan European Property Equities Fund rende l’11,16% da giugno 2014 a giugno 2017 (+8,30% da gennaio a giugno 2017). Il fondo gestito da Guy Barnard ha come obiettivo una rivalutazione del capitale nel lungo periodo investendo almeno il 75% del patrimonio totale nei titoli azionari quotati di società o Real Estate Investment Trust. Il 56,5% del portafoglio è investito in area euro, il 33,12% in Uk.
    Henderson Pan European Property Equities Fund rende l’11,16% da giugno 2014 a giugno 2017 (+8,30% da gennaio a giugno 2017). Fonte: Morningstar.
    Henderson Pan European Property Equities Fund rende l’11,16% da giugno 2014 a giugno 2017 (+8,30% da gennaio a giugno 2017). Fonte: Morningstar.

     

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

L’industria dell’auto ha perso la testa per Uber. Come investire

Articolo successivo

Analisi di mercato: borse sui massimi, volatilità ai minimi. Quanto può durare?

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *