La diversificazione di portafoglio è l’arma vincente nel 2023. Per spingerla al massimo una buona idea è considerare alcune classi di investimento spesso dimenticate a cui si può riservare una piccola parte del portafoglio. Tra i temi forti del 2023 c’è il settore delle infrastrutture che, grazie a scelte politiche prese a livello globale, è un megatrend di lungo termine.

Quali sono i vantaggi dei fondi che investono in infrastrutture? Alcuni punti chiave secondo un’analisi di Franklin Templeton:

  • La capacità di proteggere i portafogli di investimento dall’inflazione. La ragione è semplice: il settore infrastrutture è caratterizzato da una forte regolamentazione che porta a scontare in anticipo nei contratti gli effetti del rialzo dei prezzi, in particolare delle materie prime.
  • Capacità di resistere ai ribassi. Anche nelle fasi di debolezza economica non cala l’utilizzo di infrastrutture intese non solo come trasporti (trani, autostrade e così via) ma anche come utilities (acqua, elettricità, gas).
  • Rendimenti stabili. Il reddito generato dalle infrastrutture è sostenuto da contratti a lungo termine che assicurano un flusso regolare di ricavi su un orizzonte temporale prolungato.
  • Protagonista della decarbonizzazione. Le infrastrutture e le utilities in generale hanno un ruolo di primo piano nel processo di decarbonizzazione del Pianeta. Sono quindi anche una scelta di investimento sostenibile che offre agli investitori una remunerazione stabile del capitale.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per investire sul megatrend delle infrastrutture ci sono fondi azionari globali specializzati. Ecco i migliori presenti sulla piattaforma Online SIM:

  • CSIF 2 – CS (Lux) Infrastructure Equity Fund Classe B USD Acc è un fondo azionario internazionale che investe prevalentemente in società del settore infrastrutture globali. Lanciato nel 2017, il fondo rende il 6,28% a tre anni (dati Morningstar aggiornati a gennaio 2023). Investe il 54% in America , il 18% in Canada e il 17% in Europa occidentale. I settori più pesanti in portafoglio sono utilities e beni industriali.

CSIF 2 - CS (Lux) Infrastructure Equity Fund Classe B USD Acc

  • M&G (Lux) Global Listed Infrastructure Fund Classe A Eur Acc è un fondo azionario internazionale che investe prevalentemente in società del settore infrastrutture globali. Lanciato nel 2017, il fondo rende il 4,61% a tre anni (dati Morningstar aggiornati a gennaio 2023). Investe il 42% in America e il 22% in Europa occidentale. I settori più pesanti in portafoglio sono utilities e immobiliare.

M&G (Lux) Global Listed Infrastructure Fund Classe A Eur Acc

  • DWS Invest Global Infrastructure NC è un fondo azionario internazionale che investe prevalentemente in società del settore infrastrutture globali. Lanciato nel 2008, il fondo rende il 3,25% a tre anni (dati Morningstar aggiornati a gennaio 2023). Investe il 52% in America , il 15% in Canada e il 13% in Europa occidentale. I settori più pesanti in portafoglio sono utilities ed energia.

DWS Invest Global Infrastructure NC

Scopri i nuovi fondi ESG per investire in modo sostenibile sui trend di lungo termine legati alla sostenibilità ambientale e sociale.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

È possibile aderire a due fondi pensione contemporaneamente?

Articolo successivo

Viaggi e turismo: il 2023 sarà davvero l’anno della riscossa?

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa