In un contesto di tassi di interesse in salita, i fondi monetari che investono in strumenti a brevissimo termine sono visti come un rifugio, perché meno sensibili alle politiche restrittive delle banche centrali. Questi prodotti sono considerati un parcheggio della liquidità in attesa di tempi migliori sui mercati internazionali.

Il trend sui fondi monetari è in atto se guardiamo ai movimenti di mercato delle ultime settimane e indica che i gestori si aspettano uno scenario di recessione.

In particolare:

  • Secondo un’analisi di Bloomberg su dati Epfr Global, i fondi monetari in dollari hanno attirato i maggiori flussi di investimento: oltre 30 miliardi di dollari nella seconda metà di settembre 2022.
  • Una scelta dettata dalla ricerca di rendimento? Non proprio. I fondi monetari in dollari non battono l’inflazione, ma danno la possibilità di avere un rendimento vicino al 2%.
  • Il risultato di rendimento non cambia se si guarda ai fondi monetari in euro. Anche in questo caso però, secondo dati Epfr Global, in tanti hanno scelto di parcheggiare la liquidità sui fondi monetari che tra luglio e agosto hanno raccolto circa 10 miliardi di euro.
  • Complessivamente, secondo un’analisi di Banor, ci sono circa 4.600 miliardi di dollari di masse parcheggiate sui fondi monetari. A questi si devono aggiungere circa 150 miliardi di dollari di fondi investiti sui bond a brevissimo termine.

IDEE DI INVESTIMENTO

Il ritorno di interesse sui fondi monetari è la conferma che nel breve termine i gestori si attendono ancora una correzione sia sul mercato azionario sia obbligazionario. Ma è anche la conferma che questi fondi sono un utile strumento di difesa nel breve termine, mentre l’investimento in fondi azionari e obbligazionari resta la migliore scelta per un portafoglio impostato a lungo termine.

In particolare i fondi monetari:

  • Sono i prodotti del risparmio gestito che hanno il più basso di rischio/rendimento.
  • Sono considerati un parcheggio della liquidità simile a un conto corrente ma con un rendimento atteso anche se contenuto
  • Sono facilmente liquidabili, non sempre hanno costi di gestione

Per valutare se parcheggiare parte del portafoglio di investimento in fondi monetari in un’ottica di breve termine, è bene valutare la propria asset allocation in coerenza con gli obiettivi e la durata dell’investimento.

Per fare il check-up di portafoglio e scoprire come migliorare il tuo investimento in fondi visita il sito Online SIM.

check-up

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Perché il Piano di Accumulo (PAC) è un alleato per combattere la volatilità

Articolo successivo

Come battere l’inflazione: i settori della tecnologia per investire

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa