Negli ultimi mesi i fondi tematici hanno subito forti correzioni con un ribasso medio vicino al 10%. La ragione? Molti dei temi su cui investono hanno una forte composizione growth (tecnologia, intelligenza artificiale) che sta soffrendo di più rispetto al value (energie rinnovabili, climate change). Ma non solo. La miscela esplosiva fatta di inflazione, tensioni geopolitiche e volatilità ha penalizzato questi fondi che puntano dritti su un solo tema.

La sofferenza nei rendimenti ha portato un pioggia di riscatti dai fondi tematici nel primo semestre 2022. Secondo dati Morningstar, le sottoscrizioni di questi fondi si sono fermate e i riscatti hanno superato gli acquisti per oltre 500 milioni di euro in tutta Europa da gennaio a maggio 2022. Tanto che sarà difficile per questi fondi eguagliare il record di raccolta ottenuto nel 2021 con oltre 100 miliardi di sottoscrizioni.

La volatilità è da mettere in contro nel breve termine, ma non c’è dubbio che nel lungo termine questi fondi rappresentino un’occasione di diversificazione di una parte del portafoglio. La parola d’ordine è però, come sempre, selezione. A sottolineare questo aspetto è il report Morningstar Global Thematic Funds Landscape 2022 cha evidenzia come più della metà dei fondi tematici globali abbia sovraperformato l’indice Morningstar Global Markets nel triennio 2019-2021.

C’è da tenere conto di un fattore importante: il tasso di sopravvivenza dei fondi tematici. Se si guarda agli ultimi 5 anni solo il 39% dei prodotti è ancora attivo. Se si guarda indietro di 15 anni ben tre fondi su quattro sono stati terminati o inglobati in altri comparti, mentre solo uno ogni dieci è ancora in attività e sovraperforma rispetto all’indice di riferimento.

IDEE DI INVESTIMENTO

Quando si investe in un fondo tematico si punta a trarre profitto da una singola storia o megatrend di lungo termine. Per ottenere la massima diversificazione del portafoglio ci sono fondi tematici che investono su tanti megatrend che in fasi di mercato come questa sono un’opzione interessante.

Ecco i migliori fondi multi tematici presenti sulla piattaforma di Online SIM:

  • Allianz Thematica Classe AT EUR Acc è un azionario internazionale ridenominato nel 2019. A tre anni rende il 9,98% (dati Morningstar in euro aggiornati a giugno 2022). L’obiettivo del fondo è investire sui temi che guidano il cambiamento economico. Tecnologia e beni industriali sono i primi settori in portafoglio. Il mercato Usa vale il 62%.

Allianz Thematica Classe AT EUR Acc

  • Pictet – Global Thematic Opportunities- Classe R EUR Acc rende a tre anni il 3,78% (dati Morningstar in euro aggiornati a giugno 2022). Investe principalmente in titoli che possono beneficiare di temi di mercato globali a lungo termine derivanti da cambiamenti economici e sociali secolari. Ad esempio demografia, stile di vita e consumi, normative o ambiente. Partito nel 2016 ha salute e tecnologia come primi settori in portafoglio, il 70% è investito in America.

Pictet – Global Thematic Opportunities- Classe R EUR Acc

Per investire in fondi tematici sono anche disponibili i tre portafogli modello di Pictet Asset Management: Obbligazionario, Azionario e Bilanciato. L’approccio tematico all’investimento, di cui Pictet AM è stata pioniera all’inizio degli anni ’90, si basa sull’identificazione di potenti fenomeni sociali, economici e tecnologici in grado di determinare dei profondi cambiamenti nella nostra vita di tutti i giorni.

Consulta anche il nostro ebook sui fondi tematici.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Investimenti value: perché l’inflazione è un fattore positivo

Articolo successivo

Quanto è concreto il rischio di recessione?

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa