Il presidente americano Donald Trump è noto per le sue idee poco ambientaliste e porta avanti una teoria negazionista sul riscaldamento climatico, affermando che non sia causato dall’uomo e puntando il dito contro gli scienziati accusati di fare propaganda politica per mezzo del clima. Ma mentre il presidente Trump non smette di ribadire la sua tesi, al Congresso americano i Democratici stanno portando avanti il progetto Green New Deal (GND) che pone la salvaguardia dell’ambiente e la lotta al cambiamento climatico come base per il rilancio dell’economia Usa. Non è un caso che accanto alla parola “Green” si faccia richiamo al “New Deal” che rimanda al grande piano di rilancio economico portato avanti da Franklin Delano Roosvelt per fare uscire l’America dalla Grande Depressione del 1929.

Come funziona e dove porta il piano GND americano? Il progetto è stato presentato al Congresso il 7 febbraio 2019 e vede come prima firmataria la più giovane parlamentare americana, Alexandria Ocasio-Cortez. Gli obiettivi sono diversi: il passaggio al 100% di energia rinnovabile o pulita in 10 anni, anche attraverso un piano di riforestazione, la costruzione di una nuova rete energetica nazionale e il rinnovamento degli edifici esistenti per l’efficienza energetica. In pratica si teorizza un’economia a zero emissioni, il cosiddetto carbon neutral, da qui al 2030 e si indica il Governo federale americano come primo agente per mettere in pratica questo piano.
Al momento la proposta GND non ha molte chance di diventare legge, ma ha riaperto il dibattito sulla sostenibilità dell’economia e sta facendo crescere una coscienza ambientalista nel Paese e potrebbe diventare un cavallo di battaglia del candidato democratico alla presidenza nel 2020. Lo dimostra un recente sondaggio del Yale Program on Climate Change Communication e della George Mason University da cui emerge che 8 americani su 10 sono d’accordo con la tesi sostenuta dal GND.

Il punto debole del progetto dei Democratici su cui si concentrano i critici è il costo che questa rivoluzione energetica comporterebbe per le casse del Governo federale e che i democratici pensano di compensare, tassando con un’aliquota marginale 70% i redditi più elevati. Una nuova tassa non renderà felici gli americani ma il piano sta già entusiasmando Wall Street, secondo quanto riporta Bloomberg, che è sempre a caccia di nuovi affari verdi su cui investire. Gli investimenti sostenibili in America valgono già 12.000 miliardi di dollari secondo il report del Forum for Sustainable and Responsible Investment e cresce in maniera esponenziale il mercato dei green bond che vale oltre 600 miliardi di dollari.

Proprio i green bond sono una delle formule di finanziamento suggerite nel progetto GND per finanziare il piano. Ma non solo. Copiando il modello Roosvelt che creò un’ente governativo chiamato Reconstruction Finance Corporation per distribuire prestiti a società e stati da investire per la stabilità economica, la risoluzione GND propone la creazione di banche pubbliche per dare ai cittadini una partecipazione ai progetti di infrastrutture che finanziano e un rendimento sul proprio investimento. E questo è un affare che Wall Street non vuole perdere.

IDEE DI INVESTIMENTO

I disastri naturali sono costati all’economia globale 350 miliardi di dollari nel 2017, secondo Swiss Re, a causa di diversi uragani particolarmente gravi e nel 2018 il totale è stato di 155 miliardi. I ricercatori sul clima affermano che il tempo cosiddetto estremo peggiorerà in maniera costante nel corso degli anni e il quarto rapporto Global Change Research Program del governo degli Stati Uniti ha calcolato che cambiamento climatico potrebbe costare all’economia statunitense centinaia di miliardi di dollari l’anno e contribuire alla morte di migliaia di americani entro la fine del secolo. Per invertire la rotta, secondo i calcoli fatti dall’amministrazione di Obama, serviva un pacchetto di incentivi di almeno 90 miliardi di dollari in investimenti in energia pulita. «I trend di lungo periodo dell’efficienza delle risorse e del controllo dell’inquinamento proseguono, poiché derivano dalla necessità di ridurre i costi e di rispondere alle nuove esigenze dei consumatori» ha detto Luciano Diana, Gestore del fondo Pictet-Global Environmental Opportunities. «Preferiamo ancora la redditività e la visibilità degli utili, ma il generale selloff dei mercati azionari nell’ultimo trimestre del 2018 ha creato interessanti opportunità di acquisto per investitori a lungo termine come noi e crediamo che il 2019 offrirà interessanti punti di ingresso in selezionati titoli trascurati dal mercato».

Per investire puntando su aziende che combattono il riscaldamento globale e puntano sull’ambiente ci sono fondi azionari globali specializzati (Categoria Morningstar: Azionari Settore Ecologia) che offrono opportunità di crescita di lungo termine

La top 10 dei fondi attenti all'ambiente

ProdottoRendimento 3yRendimento YTD
Nordea 1 – Global Climate and Environment Fund Classe BP Eur14,50%14,39%
Nordea 1 – Global Climate and Environment Fund Classe E Eur (acc)13,66%14,24%
Parvest Climate Impact Privilege-Capitalisation13,29%14,73%
Schroder Global Climate Change Equity Classe A EUR Hedged12,57%12,75%
Schroder Global Climate Change Equity Classe A USD12,54%12,49%
Parvest Global Environment Privilege-Capitalisation12,13%13,22%
Schroder International Selection Fund Global Climate Change Equity A1 Accumulation USD12,00%12,41%
Parvest Climate Impact Classic-Distribution11,98%14,53%
Pictet - Global Environmental Opportunities I dy GBP11,62%17,23%
Pictet – Global Environmental Opportunities - R EUR11,55%16,45%
Nella tabella, i migliori fondi azionari globali che investono secondo una policy attenta all'ambiente ordinati per rendimento a tre anni. Dati aggiornati a febbraio 2019. Fonte: Morningstar.

Scopri gli altri fondi di investimento disponibili sulla piattaforma Online SIM.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

In India parte la corsa alle elezioni: come investire in azioni e bond

Articolo successivo

La normalizzazione dei tassi rilancia i bilanciati flessibili

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *