Sono tanti i megatrend che la pandemia ha accelerato. Tra questi trend si sono certamente l’automazione e il reshoring. Parliamo di quando un’azienda avvicina la produzione al proprio mercato interno, che stanno cambiando il volto dell’industria globale.

A porre l’accento su questi due magatrend è uno studio di Schroders, che evidenzia come l’automazione abbia già modificato la catena produttiva di settori chiave come l’automotive e la logistica. Dando anche una spinta determinante al reshoring dell’industria manifatturiera.

Il reshoring nei vari Paesi

In particolare, automazione e reshoring cambiano gli equilibri geopolitici, interessano tanti settori e hanno un valore ESG:

  • La Cina non è più così attraente per produrre. Il primo effetto del reshoring post pandemico è la scelta di abbandonare la Cina come terra di produzione. Secondo un sondaggio UBS Evidence Lab, condotto su un campione di aziende negli Stati Uniti e nell’Asia settentrionale, il 90% delle imprese pensa di spostare la produzione dalla Cina entro due anni. Perde quota l’India dove, secondo un’analisi ISPI, hanno delocalizzato molte aziende europee.
  • Giappone, Taiwan e Corea del Sud le mete ambite. Lasciare la Cina non significa riportare in patria subito tutte le produzioni. L’Asia resta il continente preferito dall’industria manifatturiera grazie alla presenza di materie e tecnologia e alla possibilità di stabilizzare la catena di approvvigionamento.
  • Automotive, semiconduttori, medicale e aerospaziale sono i settori più attivi nel reshoring. Un ruolo chiave lo ha anche il comparto dei beni capitali.
  • Automazione e reshoring dell’industria procedono insieme e hanno ricadute concrete nel passaggio verso un’economia più sostenibile secondo l’analisi di Schroders. In particolare, l’automazione gioca un ruolo chiave nell’equilibrio tra lavoro e capitale. Mentre il reshoring ha conseguenze positive per la società e per l’ambiente.
  • Secondo l’analisi di Robeco, il reshoring è anche un propulsore per mettere in moto gli investimenti in intelligenza artificiale e Internet of things a livello globale. In particolare, la tecnologia post Covid-19 punta a semplificare le catene di approvvigionamento e la dipendenza da una produzione poco qualificata, controllando meglio il rischio.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per investire su tutti i megatrend che stanno trasformando l’economia globale anche in chiave ESG abbiamo selezionato i migliori fondi tematici e quelli che puntano su tutti i megatrend che investono a livello globale, hanno un rendimento di almeno 3 anni e sono presenti sulla piattaforma di Online SIM:

  • Allianz Thematica Classe AT EUR Acc è un azionario internazionale flessibile che investe in azioni che possono avvantaggiarsi dai trend globali. Partito nel 2019 rende il 14,90% a tre anni (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Salute, tecnologia e beni industriali sono i settori più pesanti. Il mercato americano vale il 59% del portafoglio.

Allianz Thematica Classe AT EUR Acc

  • Pictet – Global Megatrend Selection Classe R USD è un azionario internazionale flessibile. Investe in azioni di società che riflettono gli investimenti dei fondi tematici aperti di Pictet, in seno al quale i singoli temi di investimento sono di norma equiponderati e ribilanciati mensilmente. L’universo di investimento non è limitato a un’area geografica specifica. Partito nel 2008, rende a tre anni il 10,21% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Salute, tecnologia e beni industriali sono i settori più pesanti. Il mercato americano vale il 66% del portafoglio.

Pictet - Global Megatrend Selection Classe R USD

  • Pictet – Global Thematic Opportunities- Classe R EUR Acc è un azionario internazionale a stile blend e investe principalmente in titoli che possono beneficiare di temi di mercato globali a lungo termine derivanti da cambiamenti economici e sociali secolari come demografia, stile di vita e consumi, normative o ambiente. Partito nel 2016, a tre anni rende il 9,87% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Salute, tecnologia e beni industriali sono i settori più pesanti. Il mercato americano vale il 69% del portafoglio.

Pictet - Global Thematic Opportunities- Classe R EUR Acc

  • Zenit Mc Megatrend Classe R è un azionario internazionale a stile blend. Investe in fondi e in azioni. Ciascuno strumento è utilizzato secondo una precisa finalità allocativa: i fondi per coprire aree geografiche e settori più promettenti e le azioni per poter cogliere direttamente opportunità specifiche legate a temi o ad aziende caratterizzate da particolari vantaggi strategici, innovativi o legati a turnaround e special situations. Partito nel 2007, il fondo rende il 9,57% a tre anni (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Beni industriali, tecnologia e beni di consumo ciclici sono i primi settori in portafoglio. L’America vale il 45%.

Zenit Mc Megatrend Classe R

  • CPR Invest – Megatrends Classe A Eur è un azionario internazionale che investe con uno stile blend su fondi azionari o aziende che possono beneficiare dei megatrend in corso a livello globale. Partito nel 2017, rende a tre anni il 9,51% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Salute, beni di consumo e tecnologia sono i primi settori in portafoglio. L’America vale il 53%.

CPR Invest - Megatrends Classe A Eur

  • FF – Global Thematic Opportunities Fund – A – USD è un azionario internazionale che ha come punto di forza una diversificazione geografica molto accentuata. Partito nel 1991, rende a tre anni l’8,54% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Salute, beni di consumo e tecnologia sono i primi settori in portafoglio. L’America vale il 57%.

FF - Global Thematic Opportunities Fund - A – USD

Scopri sulla piattaforma Online SIM l’offerta completa dei prodotti di investimento per iniziare ad investire in fondi ESG.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Gestire il rischio: proteggersi dal conflitto Russia-Ucraina con un PAC

Articolo successivo

Fondi comuni: quanto vale il rialzo di gas, oro e metalli

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa