Dopo il boom dovuto alla pandemia i numeri dell’e-commerce sono in rallentamento nel 2022 da quando le persone sono tornate ad acquistare nei negozi. Di conseguenza le azioni globali del settore e-commerce da allora sono crollate. La spinta del Covid-19 è stata un fatto isolato o la crescita dell’e-commerce potrebbe continuare?

Secondo l’analisi di Morgan Stanley e Pictet Asset Management, nonostante il generale rallentamento dell’attività economica, le tendenze chiave suggeriscono che l’e-commerce ha ancora margini di crescita.

Cosa significa l’e-commerce per l’economia, l’industria e per gli investitori

  • Grazie al Covid-19 l’e-commerce globale è cresciuto dal 15%, delle vendite al dettaglio totali nel 2019, al 21% nel 2021. Nel 2022 il dato è salito solo dell’1% arrivando al 22% delle vendite globali. Il valore complessivo è pari a circa 3.300 miliardi di dollari e potrebbe salire a 5.400 miliardi entro il 2026. Raggiungendo così il 27% delle vendite al dettaglio a livello globale.
  • L’evoluzione sarà trainata dal crescente impiego degli smartphone (76% della spesa digitale attesa nel 2022), che offrono sempre più servizi come pagamenti, streaming e giochi (1,9 miliardi di utenti del mobile gaming attesi nel 2022).
  • Cambia la geografia dell’e-commerce. Gli Stati Uniti hanno la crescita più importante: l’e-commerce potrebbe raggiungere il 31% delle vendite entro il 2026, rispetto al 23% attuale, poiché i negozi fisici chiudono e i consumatori danno la priorità alla convenienza. Ma crescono le aree dove l’e-commerce sta muovendo è nella fase iniziale di sviluppo: nel sud-est asiatico e America Latina, per esempio, l’e-commerce potrebbe crescere rispettivamente del 17% e del 20% nei prossimi cinque anni.
  • L’elettronica di consumo guida tutte le categorie di attività di e-commerce ed è destinata a crescere dal 38% delle vendite al dettaglio al 45% delle vendite al dettaglio globali. Le vendite digitali stanno crescendo anche nei settori bellezza, abbigliamento e alimentari.
  • Evoluzione dei pagamenti digitali e logistica fanno la differenza. Migliorare l’esperienza del cliente sia dal punto di vista del pagamento sia del servizio spingono i consumatori a preferire l’e-commerce al negozio fisico.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per investire sull’e-commerce e sul futuro della tecnologia ci sono fondi azionari specializzati (Categoria Morningstar: Azionari settore tecnologia).

Ecco dove investono i migliori fondi per rendimento a tre anni presenti sulla piattaforma di Online SIM:

  • Threadneedle (lux) Global Technology Classe Du è un fondo azionario tecnologia che investe almeno due terzi del proprio patrimonio in azioni di società con attività in tecnologia e in società legate alla tecnologia in tutto il mondo. Lanciato nel 1997, rende a tre anni il 23,73% (dati Morningstar aggiornati ad agosto 2022). Investe il 95% in America.

Threadneedle (lux) Global Technology Classe Du

  • Fidelity Global Technology Fund Classe A Euro (acc) è un fondo azionario tecnologia che investe in opportunità a lungo termine nel settore tecnologico di tutto il mondo. Investe su aziende che hanno sviluppato o svilupperanno prodotti, processi produttivi o servizi direttamente o indirettamente legati all’evoluzione della tecnologia. Lanciato nel 2015, rende a tre anni il 20,90% (dati Morningstar aggiornati ad agosto 2022). Investe il 67% in America.

Fidelity Global Technology Fund Classe A Euro (acc)

  • BNP Paribas Disruptive Technology Classe N Eur Acc è un fondo azionario tecnologia che investe in aziende che esercitano un’attività significativa nel settore della tecnologia e in settori collegati o connessi e in strumenti finanziari derivati. Lanciato nel 2013, rende a tre anni il 16,51% (dati Morningstar aggiornati ad agosto 2022). Investe l’87% in America.

BNP Paribas Disruptive Technology Classe N Eur Acc

  • BGF World Technology Fund Classe E2 è un fondo azionario tecnologia che punta a massimizzare il rendimento investendo a livello mondiale almeno il 70% del patrimonio in azioni di società operanti prevalentemente nel settore tecnologico. Lanciato nel 2002, rende a tre anni il 15,37% (dati Morningstar aggiornati ad agosto 2022). Investe l’80% in America.

BGF World Technology Fund Classe E2

  • Jpmorgan Funds Sicav – US Technology Classe A (acc) – EUR è un fondo azionario settore tecnologia che investe soprattutto nelle società tecnologiche aventi la propria sede o comunque operanti negli Stati Uniti. Lanciato nel 2010, rende a tre anni il 14,82% (dati Morningstar aggiornati ad agosto 2022). Investe il 96,6% in America.

Jpmorgan Funds Sicav – US Technology Classe A (acc) – EUR 

Scopri come investire sui megatrend di lungo termine sulla piattaforma Online SIM con commissioni scontate del 100% e un Dossier fondi a zero spese.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

I migliori fondi del millennio: la classifica di rendimento 2000-2022

Articolo successivo

Analisi di mercato: rimbalzi diffusi e recessione in dubbio

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa