Il tema delle materie prime resterà in primo piano anche nel secondo semestre 2022. Capire come investire nelle materie prime e quale peso dare in portafoglio a questa asset class è importante. Soprattutto in questa fase di mercato in cui i prezzi dei materiali più importanti hanno cominciato a scendere.

Il calo dei prezzi delle materie prime nell’ultimo mese è generalizzato e secondo il consensus degli analisti di Bloomberg anticipa i timori di una imminente recessione globale. L’indice Bloomberg Commodity è sceso del 10% circa nell’ultimo mese.

Cosa sta accadendo alle materie prime

  • Tutti i metalli hanno ridimensionato molto le quotazioni. In particolare, il prezzo del rame ha perso quasi un quarto del suo valore. A conferma dei timori di recessione fa eccezione l’oro, bene rifugio per eccellenza, che è entrato in una fase rialzista, ma resta ai minimi degli ultimi 12 mesi con una quotazione sopra i 1.600 dollari.
  • In calo anche i prezzi delle materie prime alimentari. Il prezzo del grano è sceso del 30% e continuerà a calare anche grazie all’accordo firmato dall’Ucraina con la Turchia e l’Onu che aggira il blocco russo sulla produzione e resterà in vigore 3 anni.
  • Sul fronte delle materie energetiche, scende il prezzo del petrolio che avvicina la soglia psicologica dei 100 dollari al barile con un calo vicino al 30% dall’inizio del 2022. Resta invece un problema il prezzo del gas naturale in Europa che continua a salire spinto sia dalla guerra in Ucraina, sia dagli scioperi della produzione in Norvegia.

IDEE DI INVESTIMENTO

Le materie prime sono l’asset che non ha deluso nel primo semestre 2022. Tutti gli altri asset hanno avuto pesanti perdite dall’inizio dell’anno (in media il calo è di circa il 10-15%). Le materie prime e in particolare le risorse naturali che guidano la transizione energetica come il litio restano interessanti per diversificare una parte del portafoglio non superiore al 5%.

Per investire in risorse naturali ci sono fondi azionari specializzati (Categoria Morningstar Azionari Settore Risorse Naturali). Ecco dove investono i migliori presenti sulla piattaforma di Online SIM.

  • Investec Global Natural Resources Usd Classe A Acc è un azionario globale che investe in società che operano nell’industria mineraria, nell’estrazione, produzione, trasformazione o trasporto di risorse naturali o materie prime. Rende il 13,75% da inizio anno (dati Morningstar aggiornati ad agosto 2022). Partito nel 2008 ha materie prime ed energia come primi settori in portafoglio, America ed Europa pesano ognuna il 20%.

Investec Global Natural Resources Usd Classe A Acc

  • Jpm Global Natural Resources A (dist) – Eur è un azionario globale che investe in azioni di società impegnate nella ricerca per lo sviluppo, la raffinazione, la produzione e la commercializzazione a livello mondiale di risorse naturali e dei prodotti da esse derivati. Rende l’11,79% da inizio anno (dati Morningstar aggiornati ad agosto 2022). Partito nel 2005 ha materie prime ed energia come primi settori in portafoglio, l’America è il primo mercato e pesa il 39%.

Jpm Global Natural Resources A (dist) – Eur

  • BGF Natural Resources Growth & Income Fund Classe E2 EUR è un azionario globale che investe globalmente almeno il 70% del patrimonio complessivo in titoli azionari (quali azioni) di società operanti prevalentemente nel settore delle risorse naturali quali, in via non esclusiva, società operanti nel settore minerario, energetico e agricolo. Rende il 9,48% da inizio anno (dati Morningstar aggiornati ad agosto 2022). Partito nel 2011 ha materie prime ed energia come primi settori in portafoglio, l’America è il primo mercato e pesa il 41%.

BGF Natural Resources Growth & Income Fund Classe E2 EUR

Scopri anche gli altri fondi di investimento disponibili sulla piattaforma Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Investire a lungo termine: pro e contro della via cinese

Articolo successivo

Questo è l'articolo più recente

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa