Un’opera digitale, The Queen, che raffigura la Regina Elisabetta II vestita con una maglietta raffigurante la Terra e uno slogan: “NFT – usa e consuma responsabilmente”. E’ il primo NFT con la patente di sostenibilità che è stato lanciato a Londra. E’ una creatività tutta italiana firmata dall’artista MAMO, al secolo Massimiliano Donnari, e dal disegnatore Michele Fabbro.

Dietro questa particolare opera d’arte c’è una campagna marketing ideata da un altro italiano: Paolo Taticchi, Professore al University College of London School of Management. Ideatore del Manifesto di sostenibilità NFT, incoraggia le aziende a usare gli NFT in maniera sostenibile, ed è supportato da Treedom. Società che si impegna a piantare un albero a ogni lancio NFT. Per rendere sostenibile l’NFT della regina Elisabetta è stato utilizzato il sistema a blockchain ad alta efficienza energetica Stratisphere.

Dopo il lancio del primo NFT sostenibile, il dibattito se questi strumenti siano adatti o no ad affiancare gli sforzi per una svolta sostenibile dell’economia si è acceso.

Cosa sono gli NFT

  • La sigla NFT sta per Non-fungible Token. La loro funzione è certificare l’autenticità, l’unicità e la proprietà di un oggetto digitale, il Token, che può essere un’opera d’arte. Potrebbe essere anche un immobile, un capo di moda, una musica o un tweet. Insomma, qualsiasi cosa possa avere un valore ed essere unico.
  • Ogni Token contiene informazioni che lo rendono unico e differente da tutti gli altri. Chi possiede il token non fungibile è il proprietario dell’oggetto.
  • Gli NFT sono registrati nella catena di blocchi digitali, la blockchain, e questo garantisce il fatto che sia impossibile duplicarli. Per acquistarli occorre avere un portafoglio chiamato Wallet che può essere una App da scaricare sullo smartphone o su pc.
  • Si tratta di un business da oltre 41 miliardi dollari nel 2021 se si considera la sola blockchain Ethereum. Ovvero la più utilizzata a livello globale, come spiegano in questo podcast Annalisa Ugo e Federica De Giorgis del Team Advisory di Ersel.

Come possono aiutare la sostenibilità

  • L’attività di registrazione degli NFT sulle piattaforme blockchain è molto lontana dall’essere sostenibile. La tecnologia utilizzata richiede una grande quantità di energia e di CO2. Sia in fase di registrazione sia nello scambio di un NFT tra due possessori. Il consumo dipende dal processo di verificare delle scritture sul registro.
  • I meccanismi di consenso su cui si basano registrazioni e scambi di NFT possono rendere più sostenibile una blockchain. Oggi la maggior parte degli scambi avviene su Ethereum che utilizza un processo definito mining e richiedono moltissima energia. Ogni transazione su Ethereum ha bisogno di 260 kilowatt ora di elettricità.
  • L’obiettivo degli NFT può essere la sostenibilità. Di solito il lancio NFT è fatto per raccogliere fondi e sostenere cause ambientali, ma non sempre è un successo. A WildEarth che ha creato NFT per salvaguardare gli animali delle riserve naturali del Sud Africa è andata bene. Il WWF invece ha dovuto interrompere per le proteste dei sostenitori la sua campagna di lancio di 13 NFT, ognuno dedicato a una specie in via di estinzione, lanciata a gennaio 2022 in Svizzera.

cosa sono nft

IDEE DI INVESTIMENTO

La blockchain sta rivoluzionando la trasparenza in rete allo stesso modo in cui Internet ha modificato i canoni della comunicazione. Per investire sui nuovi trend tecnologici sul mercato italiano esistono fondi specializzati che selezionano borse e titoli di società focalizzate sull’innovazione.

Ecco i migliori fondi per rendimento a tre anni (Categoria Morningstar: Azionari settore tecnologia) presenti sulla piattaforma di Online SIM:

  • Threadneedle (lux) Global Technology Classe Du è un fondo azionario tecnologia che investe almeno due terzi del proprio patrimonio in azioni di società con attività in tecnologia e in società legate alla tecnologia in tutto il mondo. Lanciato nel 1997, rende a tre anni il 29,71% (dati Morningstar aggiornati ad aprile 2022). Investe il 94% in America.

Threadneedle (lux) Global Technology Classe Du

  • Fidelity Global Technology Fund Classe A Euro (acc) è un fondo azionario tecnologia che investe in opportunità a lungo termine nel settore tecnologico di tutto il mondo. Investe su aziende che hanno sviluppato o svilupperanno prodotti, processi produttivi o servizi direttamente o indirettamente legati all’evoluzione della tecnologia. Lanciato nel 2015, rende a tre anni il 26,06% (dati Morningstar aggiornati ad aprile 2022). Investe il 68% in America.

Fidelity Global Technology Fund Classe A Euro (acc)

  • Jpmorgan Funds Sicav – US Technology Classe A (acc) – EUR è un fondo azionario settore tecnologia che investe soprattutto nelle società tecnologiche aventi la propria sede o comunque operanti negli Stati Uniti. Lanciato nel 2010, rende a tre anni il 25,05% (dati Morningstar aggiornati ad aprile 2022). Investe il 95% in America.

Jpmorgan Funds Sicav - US Technology Classe A (acc) – EUR

Scopri anche i fondi ESG disponibili sulla nostra piattaforma per investire sui trend di lungo termine della sostenibilità ambientale.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Chi sale e chi scende: la classifica dei migliori fondi a marzo 2022

Articolo successivo

Investire a lungo termine: perché è il momento di green e social bond

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa