Google e Microsoft stanno commercializzando servizi di comunicazione olografica in 3D e aziende come DHL, Novartis li stanno già sperimentando. Spinte dalla pandemia si ripensa alle regole del lavoro e le aziende vedono gli ologrammi come un modo innovativo per comunicare con dipendenti e clienti riducendo i viaggi. Moda del momento o nuovo futuro del lavoro?

Per Accenture non ci sono dubbi che sia il futuro. Nel 2020, poco prima dell’epidemia di Covid-19, la società di consulenza globale ha creato una piattaforma per il coinvolgimento dei dipendenti chiamata Nth floor. Questo grazie alla tecnologia fornita da Microsoft. Si tratta di una piattaforma di realtà mista che consente ai lavoratori di Accenture di incontrarsi per presentazioni, socializzare tra loro e partecipare a sessioni di formazione senza mai vedersi di persona.

La piattaforma immersiva di Accenture è stata un precursore delle nuove modalità di funzionamento dei professionisti delle risorse umane. Il passo successivo è l’ologramma e il Metaverso. Questo grazie a tecnologie come realtà virtuale (VR) e realtà aumentata (AR) e realtà mista (MR). Non c’è però solo la gestione aziendale tra le varie possibilità dell’olografia. Le applicazioni sono infinite e vanno dalla cybersecurity fino alla diagnostica medica.

Il settore sanitario è sicuramente il più avanti nella sperimentazione di ologrammi. La società americana Cisco da oltre 20 anni sperimenta applicazioni in 3D e ha lanciato di recente Webex Hologram. Parliamo di un servizio di realtà aumentata che tramite l’utilizzo di visori consente di visualizzare immagini in 3D durante i meeting di lavoro. Ora, il gigante della tecnologia Usa sta lavorando con i medici per portare questa esperienza anche in campo sanitario, creando una sorta di delivery delle cure mediche.

L’olografia inventata dal fisico ungherese-britannico Dennis Gabor nel 1951 che per questo vinse il premio Nobel, è stata utilizzata finora per videogiochi e film di fantascienza. Oggi grazie ai progressi nell’olografia ottica, il divario tra finzione e realtà si è ridotto e siamo sempre più vicini a vedere gli ologrammi 3D nella vita reale.

IDEE DI INVESTIMENTO

Gli ologrammi e la vita nel Metaverso sono le nuove frontiere della tecnologia. Secondo una ricerca di Bloomberg creerà un mercato globale del Metaverso che potrebbe crescere fino a circa 800 miliardi di dollari entro il 2025.

Secondo l’analisi di Pictet Asset Management questo è uno dei temi chiave di scienza e tecnologia da tenere d’occhio nel 2022. In particolare, il Metaverso avrà un impatto su hardware (come i visori per la realtà virtuale), software (per lo shopping, la socializzazione, l’istruzione e il lavoro), capacità cloud e infrastrutture (miglioramento delle reti, con maggiore larghezza di banda e latenza ridotta).

Per investire sui nuovi trend tecnologici sul mercato italiano esistono fondi specializzati che selezionano borse e titoli di società focalizzate sull’innovazione.

Ecco i migliori fondi per rendimento a tre anni (Categoria Morningstar: Azionari settore tecnologia).

  • Threadneedle (lux) Global Technology Classe Du è un fondo azionario tecnologia che investe almeno due terzi del proprio patrimonio in azioni di società con attività in tecnologia e in società legate alla tecnologia in tutto il mondo. Lanciato nel 1997, rende a tre anni il 27,10% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Investe il 94% in America.

Threadneedle (lux) Global Technology Classe Du

  • Fidelity Global Technology Fund Classe A Euro (acc) è un fondo azionario tecnologia che investe in opportunità a lungo termine nel settore tecnologico di tutto il mondo. Investe su aziende che hanno sviluppato o svilupperanno prodotti, processi produttivi o servizi direttamente o indirettamente legati all’evoluzione della tecnologia. Lanciato nel 2015, rende a tre anni il 23,47% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Investe il 68% in America.

Fidelity Global Technology Fund Classe A Euro (acc)

  • Jpmorgan Funds Sicav – US Technology Classe A (acc) – EUR è un fondo azionario settore tecnologia che investe soprattutto nelle società tecnologiche aventi la propria sede o comunque operanti negli Stati Uniti. Lanciato nel 2010, rende a tre anni il 21,39% (dati Morningstar aggiornati a marzo 2022). Investe il 95% in America.

Jpmorgan Funds Sicav - US Technology Classe A (acc) – EUR

Scopri anche i fondi sostenibili ESG disponibili sulla nostra piattaforma per investire sui trend di lungo termine della sostenibilità ambientale.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Mercati sulle montagne russe: 5 errori da non fare

Articolo successivo

Inflazione: perché i mercati chiamano le banche centrali

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa