Nulla di nuovo sotto il sole dei fondi obbligazionari.

Sul mercato domina l’effetto benefico della iper liquidità iniettata dalle banche centrali di tutto il mondo, sia in termini di propensione al rischio che di ricerca di rendimento.

Secondo gli outlook 2021 dei principali asset manager consultati da Online Sim Blog, i temi rimangono sostanzialmente quelli della seconda metà del 2020: gestione attiva del rischio di spread e di duration. Il focus delle case di investimento globali per il 2021, con un occhio anche al 2022, resta sulle obbligazioni high yield, sui mercati emergenti e sulla Cina.

Più controversa l’esposizione sulle valute: il dollaro sembra orientarsi verso livelli di 1,25 contro l’euro e questo potrebbe portare, nel corso del 2021, a ricalibrare i pesi in portafoglio. Anche per quanto riguarda i fondi obbligazionari, il consensus dei gestori punta sul rischio, non facendosi spaventare dai timori legati alla pandemia o alla geopolitica. Ci si orienta su obiettivi di lungo termine, guardando alla sostenibilità per cavalcare i temi del mondo che sta cambiando.

IDEE DI INVESTIMENTO

Ecco le linee guida delle principali case di investimento globali (Allianz Global Investors, Amundi, Axa Investment Managers, Bank of America Merrill Lynch, BlackRock, Credit Suisse, Columbia Threadneedle Investments, Goldman Sachs, Hermes Investment Management, Invesco, Legg Mason, Morgan Stanley, Natixis Investment Managers, J.P. Morgan Asset Management, Pictet Asset Management, Robeco, Schroders) per investire in fondi obbligazionari nel 2021:

  • La dinamica dei tassi di interesse, sempre vicina allo zero, continuerà a condizionare i rendimenti dei titoli di Stato anche nel 2021. È probabile che i rendimenti sulla maggior parte dei principali titoli di Stato siano negativi e, al di fuori dalle obbligazioni governative tradizionali, una buona alternativa sono i green bond emessi da Stati e aziende. Sul mercato esistono fondi specializzati in green bond che consentono una buona diversificazione del portafoglio obbligazionario sul tema della sostenibilità.
  • Se si vuole restare sulle obbligazioni statali le occasioni migliori sono sul debito emergente. Secondo il consensus dei gestori, il debito sovrano dei mercati emergenti è interessante in un contesto di politiche monetarie e fiscali accomodanti. La Cina è il Paese su cui tutti i gestori puntano. Il consiglio è di darsi un orizzonte temporale di almeno 5 anni.
  • Per aumentare il rischio del portafoglio obbligazionario con un’ottica di lungo periodo la strada delle obbligazioni high yield è quella favorita dai gestori. I rendimenti più consistenti si trovano sulle obbligazioni dei Paesi emergenti ma ci sono buone occasioni anche in Europa. Per investire in un’ottica di massima diversificazione, la strada migliore sono i fondi obbligazionari high yield globali.
  • L’aumento del rischio in un portafoglio obbligazionario, che ha il compito di proteggere un portafoglio ben diversificato dalla volatilità dei mercati e di fornire un reddito periodico, può avvenire gradualmente. Su questa porzione di portafoglio l’investimento periodico con un Piano di accumulo (PAC) può essere la soluzione migliore per il 2021.

Scopri sulla piattaforma Online SIM l’offerta completa dei fondi comuni di investimento per investire.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

 

Articolo precedente

Portafoglio 2021: emergenti e ripresa globale i temi forti sui fondi azionari

Articolo successivo

Chi sale e chi scende: le classifiche dei migliori fondi a novembre 2020

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *