Nella riforma in cinque punti immaginata a luglio di quest’anno dal presidente dell’Inps, Tito Boeri, la flessibilità era uno dei tasselli chiave. Anzi il primo. E l’intervento per rendere flessibile l’uscita in pensione ci sarà. Lo ha promesso il premier Matteo Renzi. Ma dovrà essere compatibile con il quadro dei conti pubblici e degli obiettivi definiti dal Documento di Economia e Finanza (Def) con il quale il governo ha definito le stime per il Paese nel prossimo futuro. A una condizione: la riforma non può incidere sui conti dello Stato.

L’accelerata al cantiere pensioni l’ha data proprio Renzi e l’obiettivo è arrivare a un testo condiviso con il Ministro dell’Economia e della Finanza, Pier Carlo Padoan, entro il 15 ottobre per il varo della Legge di Stabilità. Meno di un mese, dunque, per ridisegnare la vita dopo la fine del lavoro degli italiani.

Ma quali sono i punti chiave della riforma sulla flessibilità in uscita? Secondo le ipotesi più accreditate sono due:

  1. Opzione Donna: si tratta dell’uscita anticipata dal mondo del lavoro dal 2016 a 62-63 anni, quindi con tre anni di anticipo, e con 35 di contributi. E’ una nuova versione della vecchia ”opzione donna” che prevedrebbe una riduzione dell’assegno legata alla speranza di vita e non più un ricalcolo della pensione su base esclusivamente contributiva. La riduzione è del 10% circa per tre anni di anticipo rispetto all’età di vecchiaia. Un affare contro il 25-30% di taglio che arriverebbe con il sistema contributivo e uno sconto temporale rispetto alla legge Fornero.
  2. Opzione uomo per disoccupati “Senior”: si rivolge ai lavoratori che perdono l’occupazione a pochi anni dalla pensione. Questa opzione dà la possibilità di prendere l’assegno con 3 anni di anticipo rispetto all’età di vecchiaia (66 anni e 7 mesi dal 2016) con un taglio del valore legato non al ricalcolo contributivo, ma all’equità attuariale, cioè al tempo più lungo di percezione dell’assegno. Allo studio c’è anche il “prestito pensionistico”, che assomiglia a un assegno di solidarietà per le situazioni di maggiore disagio, da restituire una volta che si raggiungono i requisiti di pensione.

 

IDEE DI INVESTMENTO

Un’uscita anticipata dal mondo del lavoro con un assegno più basso rende ancora più importante crearsi un secondo assegno pensionistico con un fondo pensione (leggi qui per capire come funzionano).

Online Sim, la piattaforma italiana del risparmio gestito, offre ai suoi clienti la possibilità di investire in fondi pensione in completa autonomia scegliendo a zero commissioni di ingresso e con commissioni di gestione molto competitive. Tra i prodotti ci sono:

  • Arca previdenza. Fondo pensione che investe sui mercati finanziari con differenti profili ed offre 5 linee di investimento, diversificate per grado di rischio, dal più alto al più basso, di cui 2 garantite.
  • Seconda Pensione. Il fondo gestito da Amundi Sgr che consente di costruire nel tempo un trattamento pensionistico complementare al sistema obbligatorio investendo i contributi versati nelle differenti possibilità offerte dal fondo pensione. Il fondo è articolato in 5 comparti di investimento, differenziati per grado di rischio dal più dinamico al più prudente, e in 1 comparto garantito.

    Note

    Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Quantitative easing: la vittoria di Tsipras ricarica il bazooka di Draghi

Articolo successivo

Sorprese: Volkswagen non abbatte i fondi. Quanto pesa davvero lo scandalo

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *