Da quando Mr Unpredictable, ovvero mister imprevedibile così come è stato soprannominato Donald Trump, è diventato il presidente degli Stati Uniti, le imprese e gli analisti americani hanno rimesso mano a strategie e previsioni. L’unica cosa certa con Trump, infatti, è la volatilità e la strada del rialzo dei tassi presa dalla Federal Reserve Bank (FED). Dall’altra parte dell’Oceano, le cose non sono molto differenti. L’imprevedibilità nel Vecchio Continente si chiama Brexit e anche Frexit, dopo che Marine Le Pen ha annunciato l’intenzione di uscire dall’euro se vincesse le elezioni di aprile.  Ssecondo gli osservatori a Bruxelles se vince Marine, l’Europa è finita. Se perde, l’Europa a due velocità – con un gruppo di Paesi che puntano a legami ancora più stretti – si avvicina.

Il nuovo scacchiere geopolitico che si sta delineando a livello mondiale ha introdotto un nuovo fattore per chi investe: l’imprevedibilità. Un fattore che è peggio della volatilità. “Indubbiamente il 2017 si presenta come un anno dove i rischi legati alla politica e alle tensioni geopolitiche hanno il potenziale di provocare forte volatilità sui mercati finanziari e, in scenari sfavorevoli, avere un impatto importante sulle dinamiche macroeconomiche regionali e in scenari estremi, globali” ha detto Fabio Castaldi, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management. “In Europa ci avviciniamo appuntamenti elettorali – Francia in primis – critici per il futuro dell’Euro. Oltreoceano l’approccio ai temi caldi di politica estera da parte dell’amministrazione Trump ha il potenziale di destabilizzare equilibri geopolitici già fragili”.

L’imprevedibilità degli esiti di elezioni politiche – la storia recente ci insegna – e delle mosse dell’amministrazione Trump introduce un elemento aggiuntivo di incertezza nella gestione di portafoglio. Cosa è meglio fare in questi casi? Prodotti bilanciati, con ampia delega tattica e che abbiano la capacità di allocare dinamicamente fra diverse classi di attivo, possono essere una buona scelta in questo contesto. “Per gestire al meglio tale imprevedibilità, il perimetro di investimento deve essere ampio e includere anche classi d’attivo non tradizionali quali la volatilità e i metalli preziosi, tra cui l’oro” ha detto Castaldi.
Finora l’indice Vix, acronimo del CBOE Volatility Index nato nel 1993 ed elaborato dal Chicago Board Options Exchange, riflette le aspettative sulla volatilità a breve termine dell’indice della Borsa americana S&P500, è ai minimi. Questo vuol dire che i mercati non percepiscono ancora il rischio e la situazione non è differente sull’Eurostoxx. C’è bonaccia, per ora, ma quanto durerà?

IDEE DI INVESTIMENTO

Quando diventa difficile capire dove va il mercato e fare previsioni una buona difesa è diversificare il portafoglio su strumenti che danno al gestore una maggiore libertà di movimento. Tra i prodotti del risparmio gestito che hanno questa caratteristica ci sono i bilanciati flessibili che investono una parte del patrimonio in azioni, potendo variare la quota da un minimo del 10% fino a un massimo del 90%, e una parte in obbligazioni e sono in grado di offrire rendimenti stabili nel tempo e decorrelati rispetto alla direzionalità dei mercati.

Nelle tabelle in basso, i migliori bilanciati flessibili (categoria Morningstar) per rendimento a un anno:

I migliori fondi bilanciati flessibili

ProdottoRendimento 1yRendimento YTD
Rothschild Valor Eur Classe C41,06%2,99%
Symphonia Lux Electric Vehicles Rev R27,35%5,39%
Acomea Fondo Etf Attivo A126,23%1,07%
Gestielle Obiettivo Internazionale23,11%-1,42%
Kairos Intl World Y EUR Acc19,77%1,13%
BANOR SICAV Rosemary R19,72%0,60%
Carmignac Profil Reactif 100 Classe A Eur Acc17,03%1,69%
M&g Global Dynamic Allocation Fund Classe A Eur16,98%1,30%
Acomea Patrimonio Aggressivo A116,93%1,22%
Gestielle Obiettivo Italia16,23%-3,44%
First State Diversified Grth B Hdg Acc €16,22%1,09%
Gestielle Obiettivo Europa16,07%-1,54%
Lemanik SICAV World Trend C Ret EUR T16,04%2,76%
Lemanik SICAV World Daytona C Instl EUR16,00%3,34%
Fidelity SMART Global Mod A-USD15,92%0,04%
Deutsche Inv I Real Assts Inc LD Inc15,38%-0,72%
HYPO Select SICAV Basic B15,36%2,74%
Aristea Sicav Chiron Ttl Ret I EUR Acc15,30%-0,35%
Anima Fondo Trading Classe A15,27%1,12%
Rothschild Club Eur Classe C15,14%0,60%
Nella tabella, i fondi bilanciati flessibili che hanno reso di più da febbraio 2016 a febbraio 2017. Fonte: Morningstar.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

America, Ue e Cina: come investire in tempi di guerre valutarie e commerciali

Articolo successivo

Chi sale e chi scende: le classifiche del mese

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *