Dimenticate Uber e anche i vari fornitori di auto private in condivisione. La mobilità condivisa sta già cambiando faccia seguendo l’evoluzione della sharing economy che è entrata in una fase “matura”. L’evoluzione del car sharing va verso il cosiddetto peer-to-peer (P2P), ovvero la possibilità per ciascun proprietario di auto o moto di mettere a disposizione il proprio veicolo tagliando così i costi fissi di gestione e manutenzione. La rivoluzione è già partita in America e ha ribaltato il concetto di possesso dell’auto che da semplice bene di consumo è diventato un bene di investimento, da cui trarre profitto. La fiducia che è alla base della sharing economy è la base di partenza, il resto lo fa la blockchain, ovvero la tecnologia sempre più sofisticata quando si tratta di veicoli che coinvolge non solo i costruttori di auto, ma anche le assicurazioni con la possibilità di stipulare polizze istantanee, tracciare chilometri e rifornimenti di carburante.

Il car sharing P2P è oggi uno degli approcci più innovativi alla mobilità condivisa. Con le crescenti preoccupazioni ambientali e le tendenze in evoluzione verso la proprietà dei veicoli, questo modello P2P dà una prospettiva completamente nuova alla mobilità ed è uno dei migliori esempi di economia circolare. Secondo lo studio Strategic Insight into the Global P2P Carsharing Market 2018,  della società di consulenza Frost & Sullivan, negli ultimi 5 anni, il car sharing P2P ha visto un’impennata in tutto il mondo con una crescente domanda, soprattutto da parte di utenti di nuova generazione che cercano esperienze uniche e proprietari di veicoli che sono attratti dai benefici derivanti dal noleggio dei loro veicoli.

La fotografia del mercato a fine 2018 evidenzia un mercato globale dove oggi sono attivi più di 40 fornitori di servizi di car sharing P2P. Offrire il mezzo di trasporto è solo il punto di partenza. A fare la differenza rispetto al car sharing tradizionale sono i servizi e le esperienze di guida offerte. Tra le aziende più gettonate in America che possono contare su milioni di proprietari che mettono a disposizione la propria macchina ci sono Turo, Getaround, Drivy, Snappcar e Helbiz che ha fatto il suo ingresso anche in Italia. Secondo il report di Frost & Sullivan stanno emergendo anche specifici modelli di business P2P incentrati su una particolare categoria demografica a cui piace sperimentare la guida di veicoli particolari e di lusso. Il mercato comincia a fa gola anche ai costruttori di auto che stanno timidamente entrando. Per esempio, Fiat Chrysler ha lanciato il servizio U-Go by Leasys che si limita ai proprietari di un’Alfa Romeo Giulietta: se scelgono la formula noleggio possono condividere l’auto con utenti registrati sulla piattaforma e abbassare il canone mensile.

IDEE DI INVESTIMENTO

La tecnologia è la spina dorsale per lo sviluppo di modelli di business di car sharing P2P. I fornitori di servizi P2P offrono oggi soluzioni telematiche e tecnologie di accesso ai veicoli senza chiave, consentendo uno scambio semplificato e senza problemi tra proprietari e affittuari. Il car sharing P2P è ancora nella fase iniziale di crescita e, nei prossimi 5-10 anni, secondo Frost & Sullivan sarà una delle colonne del megatrend globale della mobilità integrata con un volume di ricavi di oltre 7 miliardi di dollari entro il 2030 e una base di almeno 70 milioni di utenti. Il P2P resterà comunque una nicchia rispetto alla sharing economy che, secondo i dati di Brooking Institution, varrà 355 miliardi di dollari entro il 2025.

Per investire sulla tecnologia e sulle nuove frontiere delle mobilità condivisa, una buona scelta sono i fondi azionari specializzati nel settore tecnologico (Categoria Morningstar: Azionari Settore Tecnologia)

La Top 5 dei fondi azionari tecnologia

ProdottoRendimento YTDRendimento 3y
BGF Next Generation Technology Fund I2 EUR38,82%---
Jpm Europe Technology D (acc) - Eur35,58%31,70%
Jpm Us Technology D (acc) - Usd35,20%31,57%
BGF World Technology Fund Classe E232,39%29,44%
Robeco Global FinTech Equities D €31,46%---
Nella tabella, i migliori fondi azionari tecnologia ordinati per rendimento da gennaio a giugno 2019. Dati in euro. Fonte: Morningstar.

 

Scopri gli altri fondi di investimento disponibili sulla piattaforma Online SIM.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Perché il climate change è una malattia da combattere. Dove investire

Articolo successivo

Chi sale e chi scende: le classifiche dei migliori fondi a giugno 2019

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa