L’estate 2022 sarà certamente ricordata come la più calda degli ultimi 40 anni. Spagna, Italia, Regno Unito e Francia si preparano a temperature ben oltre i 40 gradi nella seconda metà di luglio 2022. Per gli scienziati dovremo abituarci al fatto che queste temperature di caldo record possano essere superate ad ogni estate nei prossimi 10 anni.

La ragione? Si è spezzato il fronte delle cosiddette correnti a getto, venti molto intensi presenti ai limite della troposfera (5-10 chilometri di altezza) che circumnavigano tutto il pianeta Terra in senso longitudinale. Secondo un documento pubblicato su Nature Communications dai ricercatori del Potsdam Institute for Climate Impact Research, l’Europa occidentale è l’area più esposta alle ondate di caldo estremo.

In Europa occidentale le temperature estreme sono aumentate quattro volte più velocemente rispetto ad altre latitudini settentrionali negli ultimi 42 anni. Questo secondo l’analisi degli scienziati del Potsdam Institute for Climate Impact Research. Ma non è finita. Per la prima volta lo studio mette in collegamento climate change e previsioni del tempo ipotizzando estati roventi da qui al 2030.

Caldo record: perché l’Europa è l’epicentro

Ma come funzionano le correnti a getto? In pratica in ciascun emisfero hanno una funzione di cintura di vento in rapido movimento e seguono percorsi ondulati ad un’altezza compresa tra 5 e 10 chilometri sopra la Terra. Si generano quando l’aria fredda proveniente dai poli si scontra con l’aria più calda proveniente dai tropici e sono responsabili di fenomeni atmosferici come temporali, pioggia e siccità.

Non è strano che si creino spaccature nella corrente a getto, ma quello che è strano è che queste spaccature siano diventate più durature e costanti nel tempo per colpa dei gas serra. In pratica, si creano degli stati a doppio getto che spiegano quasi tutte le crescenti ondate di calore nell’Europa occidentale.

Il cambiamento climatico influenza queste correnti? Gli scienziati non sono d’accordo su questo punto. Per ora la spiegazione più logica è che a spaccare le correnti sia il fatto che le alte latitudini come la Siberia, il Canada settentrionale e l’Alaska si stanno riscaldando più del doppio rispetto al resto del mondo. Non c’è dubbio però che i modelli climatici dovranno tenerne conto per valutare i rischi meteorologici estremi da ora in poi.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per investire a lungo termine sulla decarbonizzazione del Pianeta e combattere il cambiamento del clima, con la massima diversificazione di portafoglio Online SIM, offre la possibilità di investire in un portafoglio modello sul cambiamento climatico. Ha un rendimento annualizzato del 9,90% (dati aggiornati a luglio 2022). Il portafoglio è costruito in collaborazione con Main Street Partners, boutique finanziaria inglese specializzata in ESG.

fondi portafogli modello cambiamento climatico

Scopri i fondi ESG disponibili sulla piattaforma di Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Occasioni di lungo termine: climate change e digitalizzazione

Articolo successivo

Energia verde: perché su gas e nucleare c’è un braccio di ferro geopolitico

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa