Nell’ultimo anno e mezzo la pandemia da Covid-19 ha fortemente condizionato i mercati e gli investimenti. Alla vigilia del giro di boa del primo semestre 2021 possiamo fare un bilancio su come il virus abbia determinato trend di investimento. In questo articolo trovate una guida su dove investire nel 2021 e cosa scegliere, con in evidenza i principali trend di investimento: dalla finanza sostenibile ai portafogli modello.

Ecco cosa è importante sapere per investire:

I trend di investimento per il 2021

Nella prima parte della pandemia ci sono stati settori che hanno sofferto di più, come viaggi, consumi, intrattenimento. Altri che hanno resistito alla pandemia, e altri ancora che hanno migliorato di molto la loro performance (consumi digitali, gaming online, food delivery, salute e biotech).

Secondo le analisi di Schroders e Morgan Stanley i trend dei consumi digitali sono destinati a durare nel lungo termine e più in generale il settore tecnologico è stato il vincitore della prima parte della pandemia. A partire dal primo trimestre 2021, nel momento in cui la campagna vaccinale contro il virus ha cominciato a marciare velocemente a livello globale, qualcosa è cambiato.

Il trend adesso è sugli investimenti value, per attutire il rischio di portafoglio, che guarda ai titoli con una lunga storia di successo nel loro settore, con un indebitamento molto contenuto e con un potenziale di crescita di fatturato e dividendi costante nel tempo. I settori preferiti in questa fase di mercato sono finanziario e materie prime. Un trend trasversale a tutti i settori che ha subito un’accelerazione grazie alla pandemia è l’investimento su temi della sostenibilità, destinato a durare nel lungo termine sia per quanto riguarda l’azionario sia per l’obbligazionario.

trend-investimento

Investimenti sostenibili nel 2021

Il 2020 è stato l’anno dell’esplosione degli investimenti sostenibili, il 2021 invece l’anno della consacrazione. I fondi sostenibili che costruiscono il portafoglio tenendo conto dei rischi ambientali, sociali e di governance (ESG) sono diventati un prodotto di investimento mainstream. Lo dimostra il dato dei nuovi prodotti lanciati in Europa: oltre 500 nuovi fondi sostenibili con una gamma sempre più ricca in termini di asset class, esposizione al mercato e tema.

Secondo l’analisi di Morningstar c’è ancora una netta prevalenza dei fondi azionari sostenibili rispetto agli obbligazionari, ma anche sul fronte delle obbligazioni ormai il percorso della sostenibilità è cominciato.

Vediamo quali sono i criteri di costruzione di un portafoglio secondo i criteri ESG:

  • La E è legata alla determinazione di rischi legati ai cambiamenti climatici, biodiversità, la prevenzione dell’inquinamento e l’economia circolare
  • La S guarda ai rischi collegati ai diritti umani, inclusività, rapporti di lavoro, investimenti nel capitale umano e nelle comunità
  • La G analizza i rischi di gestione delle istituzioni pubbliche e private, rapporti con i dipendenti e la remunerazione dei dirigenti

investimenti-sostenibili

Secondo il Responsible Investing Report 2020 di NN Investment Partners rilasciato a marzo 2021 ci sono i quattro trend sostenibili sui quali vale la pena investire che stanno accelerando adesso e proseguiranno nel lungo termine:

  • La necessità di un’azione urgente per il clima. L’appuntamento con COP 26 a novembre 2021 è ritenuto cruciale per decidere il destino del Pianeta. Questo trend è legato alla lettera E della sigla ESG. In particolare, la preservazione della biodiversità e il contenimento delle emissioni di gas serra attraverso la decarbonizzazione dei portafogli, la lotta alla deforestazione e la riduzione di CO2 nell’atmosfera sono gli obiettivi chiave di questo trend
  • Per i governi e le aziende ci sarà una maggiore attenzione al finanziamento del debito con un impatto positivo. Questo spingerà il mercato delle obbligazioni verdi e orientate al sociale. Questo è trasversale alle tre lettere ESG
  • Il peso degli asset manager aumenta e può influenzare le scelte della politica e delle aziende. Il recente flop della quotazione di Deliveroo è una dimostrazione di forza da parte degli asset manager che hanno punito un’azienda per la sua organizzazione di lavoro a prescindere dai profitti. Gli asset manager si uniranno sempre più a gruppi di interesse intersettoriali per guidare il cambiamento attraverso l’engagement e il dialogo
  • L’azione normativa cambia il settore. Il 2021 è un anno importante per gli investimenti sostenibili anche in termini di regolamentazione. Il 10 marzo 2021 è entrato in vigore il Regolamento sulla informativa sulla finanza sostenibile (SFDR) che rende ancora più esplicito il profilo di sostenibilità dei fondi. Entro il 31 dicembre 2021 sarà operativo il primo blocco di criteri di Tassonomia europea sulla finanza sostenibile.

Scarica il nostro ebook “Investire come ESG comanda”.

Investire nel 2021: portafogli modello

La costruzione di un portafoglio e di una corretta asset allocation passa prima di tutto dalla conoscenza del proprio grado di rischio e del proprio obiettivo di investimento. Bilanciare il portafoglio in base all’obiettivo è compito di una consulenza professionale all’investimento che di solito porta a una vasta gamma di prodotti di investimento.

Un aiuto nella costruzione dei portafogli arriva dai portafogli modello di Online SIM che contengono diverse asset class e sono sviluppati sulla base di metodologie quantitative. In questo modo si ottengono diversi gradi di rischio che vengono associati al profilo dell’investitore. Ogni portafoglio adotta strategie di investimento differenti e predilige l’investimento in determinati settori, strumenti, Paesi.

I portafogli modello consentono di:

  • seguire le strategie di investimento di importanti Società di Gestione
  • incrementare o ridurre la volatilità del portafoglio a seconda delle proprie esigenze e in ogni momento
  • scegliere cosa seguire direttamente e cosa invece delegare (es. la componente azionaria o obbligazionaria)
  • mettere il pilota automatico agli investimenti se non si desidera seguirli costantemente

Con i portafogli modello di Online Sim è possibile gestire i propri investimenti in mobilità. Il servizio è infatti specificamente ottimizzato per l’utilizzo con smartphone e tablet. Il primo livello di flessibilità è la possibilità di cambiare velocità con la quale seguire le strategie proposte. Il secondo è la possibilità di modificare i pesi delle varie asset class proposte, che generalmente non viene fatto. Il terzo livello invece è la possibilità di fare scelte autonome affiancando al portafoglio modello il dossier fondi libero.

Grazie ad una dashboard, il cliente ha sott’occhio sempre tutta la gestione aggregata degli investimenti presso Online Sim.

portafogli-modello

Scopri la Guida per utilizzare i portafogli modello, guarda il video qui di seguito oppure inizia ora e vai al servizio.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Portafogli modello: come costruire un’allocazione per una ripresa economica

Articolo successivo

Chi sale e chi scende: le classifiche dei migliori fondi ad aprile 2021

Autore

Online SIM

Online SIM

Online SIM SpA è la piattaforma italiana online per i tuoi investimenti, che offre l’opportunità di confrontare, scegliere ed acquistare, a commissioni di sottoscrizione scontate del 100% e con un Conto Deposito a Zero Spese, più di 4.000 fondi comuni di investimento e sicav di oltre 150 tra le migliori case di investimento al mondo, oltre 1.500 Piani di Accumulo del Capitale, Fondi Pensione, PIR Piani Individuali di Risparmio. e una vasta scelta di Fondi ESG sostenibili.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *