Il cambiamento sociodemografico era già un tema di investimento di lungo termine prima della pandemia a cui il virus ha impresso un’accelerazione senza modificarne i confini.

Secondo l’ultimo Big Book of Trends & Thematic Investing di Robeco aggiornato a ottobre 2020, il cambiamento sociodemografico resta uno dei megatrend a cui gli investitori devono guardare per la costruzione di un portafoglio ben diversificato. Questo megatrend ha il vantaggio di essere più prevedibile e di generare effetti sul portafoglio visibili nel lungo periodo con lo svantaggio di avere un andamento più lento rispetto, per esempio, all’innovazione digitale. Il megatrend è guidato dal fenomeno dell’invecchiamento della popolazione, dall’ingresso nel mercato del lavoro delle nuove generazioni di nativi digitali e dall’ascesa della classe media nei Paesi emergenti, in particolare Cina e India. Ma è senza dubbio l’invecchiamento della popolazione a dare la spinta maggiore alla composizione dei fondi tematici che guardano ai cambiamenti demografici.

Secondo l’analisi di Dani Saurymper, Portfolio Manager di Axa Investment Managers, nonostante l’epidemia di coronavirus, le popolazioni globali continuano a invecchiare e le aspettative di vita globali aumenteranno a lungo termine: entro il 2050 ci saranno 2 miliardi di persone con oltre 60 anni (pari al 21% della popolazione globale contro il 12% di oggi), circa un quinto della popolazione totale secondo dati OCSE. Ci saranno alcuni cambiamenti nei modelli di consumo post-Covid-19, ma i fattori chiave dell’economia della longevità rimangono intatti secondo il gestore di Axa IM.

Per gli investitori con un orizzonte di investimento a più lungo termine, i mutamenti demografici possono fornire alcune opportunità interessanti soprattutto se legati ad alcuni temi post virus che si stanno affermando.

In particolare:

  • Mantenersi in forma con una App. La salute è importante per una vita più lunga. Ma molti frequentatori abituali di palestra sono dovuti rimanere a casa durante i blocchi del coronavirus e fare lezioni di ginnastica virtuali da casa ha creato nuovi business per App a basso costo, particolarmente graditi agli over 65. I programmi per l’allenamento a casa comprendono spesso anche un piano nutrizionale personalizzato.
  • Il dottore è virtuale. Durante la pandemia di coronavirus, molti medici hanno preferito fare consulti online o video. Anche in questo caso si tratta di nuove abitudini che hanno spinto l’e-health. Caricare foto e referti online, così come ricevere ricette elettroniche, non è più strano.
  • Proteggere famiglia e salute. La pandemia ha spinto le persone a scegliere di stipulare una copertura per malattie gravi per proteggersi da difficoltà finanziarie inaspettate.
  • Voglia di tempo libero. La pandemia ha fermato i viaggi e il turismo che, però, restano il desiderio più ambito tra le generazioni più anziane. Si stima che entro il 2050 gli ultrasessantenni compiranno più di due miliardi di viaggi all’anno. È innegabile che la pandemia di coronavirus abbia esercitato pressioni immediate su viaggi e tour operator. Tuttavia, in molti casi, i viaggiatori hanno già riprogrammato i loro viaggi per il 2021.

Una gestione attiva del portafoglio è la caratteristica chiave dei fondi tematici. Per cogliere le opportunità legate al trend dell’invecchiamento della popolazione,  per il fondo CPR Invest – Global Silver Age (Amundi), uno degli ultimi nati della categoria, il team di gestione ha identificato 8 settori (benessere, sicurezza, servizi di investimento, attrezzature sanitarie, servizi legati all’assistenza, tempo libero, industria automobilistica, prodotti farmaceutici) che rappresentano più di 600 titoli a livello globale e che hanno un fatturato legato dalla domanda dalla popolazione anziana. In generale, la costruzione del portafoglio di un fondo tematico non è vincolata a un benchmark, non ci sono limitazioni settoriali o geografiche rispetto ad un indice e questo consente una gestione attiva e molto libera.

IDEE DI INVESTIMENTO

Investire scegliendo un tema legato a un trend strutturale di lungo termine è una buona opportunità di diversificazione di portafoglio che vada oltre scelte geografiche e rischi geopolitici.

Online Sim ha selezionato i migliori fondi a tema demografia e invecchiamento della popolazione che hanno un rendimento di almeno 3 anni:

  • Il fondo azionario globale Fidelity Global Demographic fund gestito da Aneta Wynimko (+6,45% il rendimento a tre anni secondo dati Morningstar aggiornati a novembre 2020) punta sui settori salute, beni di consumo e sugli effetti dell’aumento dell’aspettativa di vita delle popolazioni che invecchiano, oltre che della creazione di ricchezza nei mercati emergenti. Tecnologia e salute sono i settori più pesanti in portafoglio e il mercato americano vale il 48% dell’asset allocation.
  • Lo Funds Golden Age Eur Classe R (+2,97% il rendimento a tre anni secondo dati Morningstar aggiornati a novembre 2020). Il fondo investe in società redditizie e liquide i cui ricavi sono in gran parte generati da cura per le persone di 55 anni o più. E’ principalmente focalizzato sui settori della salute, finanziaria e del consumatore, ma con una ripartizione flessibile tra i settori, sotto-settori e aree geografiche.
  • DECALIA Silver Generation A1 Acc EUR (-1,90% il rendimento a tre anni secondo dati Morningstar aggiornati a novembre 2020) è un azionario europeo che ha l’obiettivo di investire in titoli che beneficeranno strutturalmente dell’invecchiamento della popolazione come, ad esempio, risparmi finanziari, attrezzature mediche, sanità, tempo libero, prodotti farmaceutici, servizi per le dipendenze, cura della casa e della persona, case automobilistiche.
  • AXA World Funds – Framlington Longevity Economy A Capitalisation EUR (+5,64% il rendimento a tre anni secondo dati Morningstar aggiornati a novembre 2020). Il portafoglio di questo fondo azionario internazionale è fortemente concentrato sul settore salute che pesa il 63% sul totale dell’asset allocation e sul mercato americano.

Altri fondi oggi non ancora disponibili in piattaforma (in fase di inserimento), alcuni con vita più breve di tre anni:

  • Candriam Equities L Global Demography Class C EUR Cap (+7,09% il rendimento a tre anni secondo dati Morningstar aggiornati a novembre 2020). Il fondo è un azionario internazionale che investe sui trend demografici. Tecnologia e beni industriali sono i primi settori in portafoglio, il mercato americano vale il 61% dell’asset allocation.
  • Generali Investments SICAV – SRI Ageing Population RX EUR  (-8,98% il rendimento a un anno secondo dati Morningstar aggiornati a novembre 2020). Il fondo gestito da Olivier Casse e Giulia Culot che hanno il 65% del portafoglio investito in salute, beni di consumo e finanza come primi settori in portafoglio.
  • CPR Invest – Global Silver Age (Gruppo Amundi) ha debuttato nel terzo trimestre 2020 e non ha ancora un rendimento significativo. Il fondo azionario internazionale ha l’obiettivo di sovraperformare i mercati azionari globali nel lungo periodo (minimo cinque anni) sfruttando le dinamiche dei titoli internazionali associate all’invecchiamento della popolazione, integrando al contempo ambiente, sociale e governance (ESG) nel processo di investimento.

Scopri sulla piattaforma Online SIM le modalità per investire.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Elezioni Usa: tutti i rischi e le opportunità del post elezione

Articolo successivo

Smart mobility: dall’auto alla bici cosa è cambiato

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

1 Commento

  1. Avatar
    paolo
    4 Novembre 2020 a 17:41 — Rispondi

    Molto bene allargare la gamma dei Fondi su questo mega-trend da offrire ai Clienti 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *