I fondi convertibili sono stati i campioni di rendimento del 2020 e stanno facendo bene nel 2021. La prospettiva di un aumento dei tassi d’interesse, il rallentamento dell’economia e i timori di stagflazione giocano ancora a favore delle obbligazioni convertibili. Ma non solo. Secondo l’analisi di Invesco Management, le obbligazioni convertibili possono costituire una soluzione valida per rivedere i portafogli obbligazionari tradizionali e sfruttare le diverse condizioni di mercato.

Il momento è questo perché l’aumento dell’inflazione porta a riflettere sulla sostenibilità dei rendimenti attesi nel lungo termine e sugli obiettivi per un investitore che preferisce il reddito fisso. Secondo l’analisi di Invesco Management, le obbligazioni convertibili sono una buona strada di ricerca di rendimento periodico sui bond e un’alternativa ai rendimenti scarsi dei titoli di Stato a livello globale.

Non c’è dubbio, però, che chi sceglie questa strada deve ripensare il proprio approccio di investimento al reddito fisso. Secondo l’analisi di Bnp Paribas Asset Management, diversificare una parte del portafoglio sui bond convertibili è la scelta giusta. Questo anche per investitori istituzionali che gestiscono un fondo azionario o multi-asset. Sulla stessa linea è l’analisi di BlueBay Asset Management che sottolinea come, storicamente, il profilo di rischio delle obbligazioni convertibili sia in linea con il reddito fisso, ma i driver delle performance sono diversi.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per investire una parte del portafoglio in obbligazioni convertibili ci sono fondi obbligazionari specializzati che offrono alcuni vantaggi nella gestione del rischio di portafoglio:

  • Anche una piccola allocazione strategica in obbligazioni convertibili ha storicamente migliorato il profilo rischio-rendimento per portafogli di investimento, sia multi-asset che a reddito fisso.
  • Le obbligazioni convertibili rendono il profilo di rischio del portafoglio asimmetrico rispetto all’andamento di mercato e permettono di approfittare della volatilità contenendo le perdite in caso di ribasso del mercato.

Per diversificare il portafoglio in obbligazioni convertibili sono disponibili sul mercato italiano fondi obbligazionari convertibili che investono a livello globale. Online SIM ha selezionato quelli presenti in piattaforma tra i campioni di rendimento 2020, secondo dati Fida, verificandone la tenuta nel 2021.

Quanto rendono i migliori fondi obbligazionari convertibili

ProdottoRendimento 2020Rendimento YTDRendimento 3y
Schroder Global Convertible Bond Eur Hedged Classe A22,07%0,82%8,75%
EdR Fund Global Convertibles A (EUR)21,25%0,17%7,37%
UBS (Lux) Bond Sicav - Convert Global (EUR) P-acc20,83%6,65%11,35%
DWS Invest Convertibles Lc20,20%1,07%8,18%
Morgan Stanley Investment Funds - Global Convertible Bond Fund AH (EUR)*19,11%5,69%10,63%
Nella tabella, i campioni di rendimento 2020 nel segmento fondi obbligazionari convertibili globali sono stati misurati sulla performance da inizio anno e a tre anni. Fonte: FIDA per la performance 2020 e Morningstar per i risultati YTD e 3 anni.
*fondo non più presente in gamma prodotti

Per diversificare e controllare il rischio puoi utilizzare i portafogli modello selezionati per te da Online SIM tra quelli offerti dalle migliori società di gestione, compresi i più recenti investimenti sostenibili ESG.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Chi sale e chi scende: le classifiche dei migliori fondi a ottobre 2021

Articolo successivo

Gender pay gap: una legge è solo l’inizio. Come investire

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *