Il segnale netto della ripresa dell’economia post Covid-19 arriva dall’indice Bloomberg Commodity Spot, che misura 23 contratti future su energia, metalli e agricoltura. Infatti ha raggiunto il massimo storico dal 2011 a inizio ottobre con un rialzo del 90% dai minimi di marzo 2020. La corsa di questo indice vuol dire una cosa sola: la ripresa della domanda di materie prime si scontra con i vincoli dell’offerta. Questo alimenta i timori della risalita dell’inflazione a livello globale.

Le materie prime legate all’energia, primo fra tutte il gas naturale, sono quelle che pesano di più sul rialzo con il petrolio che è tornato stabilmente sopra gli 80 dollari a barile. Una quotazione che non si vedeva dal 2014, dopo che l’OPEC ha deciso aumentare gradualmente l’offerta, nonostante la crisi del gas è destinata a stimolare la domanda di greggio per generare energia.

Il rally delle materie prime

Il rally delle materie prime ha fatto aumentare il costo di diversi beni: dalla benzina alle nuove costruzioni, dalla carne alle automobili. Questo scenario ha contribuito a spostare il dibattito sull’inflazione, da tempo osservata speciale, e ha portato le banche centrali a considerare di ridurre le massicce iniezioni di liquidità nell’economia.

Quanto durerà il rally? Per JP Morgan e Goldman Sachs le materie prime sono entrate un superciclo economico, ovvero una tendenza al rialzo a lungo termine. A spingere le quotazioni c’è la transizione energetica, che porta a massicci investimenti in nuove infrastrutture. Questo fa crescere la domanda di metalli per batterie, pannelli solari e turbine eoliche.

Petrolio, gas e metalli industriali. Sono queste le materie prime che stanno trainando il rally dei prezzi delle commodity. E, in particolare sulle materie prime legate all’energia, il rialzo è destinato a restare a lungo. Questo secondo l’analisi di Chris Iggo, responsabile degli investimenti della casa di gestione Axa Investment Managers, che guarda al gas naturale, ma anche all’impennata del 100% rispetto a un anno fa delle quotazioni del carbone.

IDEE DI INVESTIMENTO

Per investire sulle materie prime e sulle risorse naturali legate alla transizione energetica ci sono fondi azionari globali specializzati (Categoria Morningstar Azionari Settore Risorse Naturali). I migliori presenti sulla nostra piattaforma:

  • Investec Global Natural Resources Usd Classe A Acc è un azionario globale che investe in società che operano nell’industria mineraria, nell’estrazione, produzione, trasformazione o trasporto di risorse naturali o materie prime. Rende il 33,41% da inizio anno (dati Morningstar aggiornati a ottobre 2021). Partito nel 2008 ha materie prime ed energia come primi settori in portafoglio, l’America è il primo mercato e pesa il 24%.

investec

  • BGF Natural Resources Growth & Income Fund Classe E2 EUR è un azionario globale che investe globalmente almeno il 70% del patrimonio complessivo in titoli azionari (quali azioni) di società operanti prevalentemente nel settore delle risorse naturali quali, in via non esclusiva, società operanti nel settore minerario, energetico e agricolo. Rende il 31,8% da inizio anno (dati Morningstar aggiornati a ottobre 2021). Partito nel 2011 ha materie prime ed energia come primi settori in portafoglio, l’America è il primo mercato e pesa il 44%.

bfg

  • Aberdeen Standard Sicav I – World Resources Equity Fund Classe A Usd Acc è un azionario globale che investe globalmente in società di tutto il mondo operanti nel settore dell’estrazione, della produzione, della lavorazione e della commercializzazione di: prodotti chimici, materiali edili, metalli e altre materie prime, legname e prodotti cartacei, contenitori e imballi, oltre che in società attive nel settore delle risorse energetiche. Rende il 17,02% da inizio anno (dati Morningstar aggiornati a ottobre 2021). Partito nel 2010 ha materie prime ed energia come primi settori in portafoglio, l’America è il primo mercato e pesa il 26%.

aberdeen

Scopri i fondi ESG disponibili sulla nostra piattaforma per investire in modo sostenibile sui trend di lungo termine della sostenibilità ambientale.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Analisi di mercato: azioni e bond in frenata, vince la diversificazione

Articolo successivo

Alimentazione: perché il peggior nemico dell’Europa è la siccità

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *