L’elezione di Joe Biden alla presidenza americana è destinata a dare una nuova spinta al settore delle energie alternative che ha archiviato un 2020 da incorniciare.

Sono i fondi azionari specializzati nel settore energie alternative i più redditizi del 2020 con una performance media che sfiora il 50% ma la corsa è destinata a continuare perché ci sono una serie di fattori di lungo termine che giocano a favore delle aziende del comparto.

In particolare, secondo l’analisi di Pictet asset management e di Morgan Stanley Research:

  • Molte tecnologie per le energie rinnovabili stanno raggiungendo economie di scala impensabili solo pochi anni fa e di conseguenza sono diventate economicamente competitive rispetto ai combustibili fossili. Un esempio è il costo dell’idrogeno verde che dovrebbe scendere del 30% entro il 2030.
  • L’energia eolica o solare sono le nuove fonti di energia elettrica più economiche in Paesi che rappresentano circa il 73% del Prodotto interno lordo (PIL) mondiale.
  • Il settore dei trasporti verdi sta diventando più accessibile. I veicoli elettrici privati dovrebbero raggiungere la parità di prezzo con i veicoli a combustione interna comparabili, nella maggior parte dei casi, in meno di cinque anni.
  • L’allineamento della politica statunitense sul cambiamento climatico con quella di altre economie costituirà un’arma potente al servizio dell’industria globale dell’energia pulita e funzionerà da catalizzatore per miliardi di nuovi investimenti pubblici e privati.

IDEE DI INVESTIMENTO

L’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili ha previsto che gli investimenti annui in energie rinnovabili triplicheranno entro il 2050 e possono arrivare fino a 800 miliardi di dollari con l’obiettivo di realizzare i punti chiave legati alla decarbonizzazione e al clima.

Lo sviluppo di tecnologie e standard a zero emissioni, i veicoli elettrici e infrastrutture di nuova generazione per supportare la trasmissione di energia pulita saranno i segmenti su cui si concentreranno i maggiori investimenti nel lungo termine.

Per investire sul megatrend delle energie rinnovabili ci sono fondi azionari specializzati globale (Categoria Morningstar: Azionari Settore Energie Alternative e Azionari Settore Ecologia).

I migliori fondi che investono sulle energie rinnovabili presenti sulla piattaforma di Online Sim:

  • BNP Paribas Energy Transition Classe N Eur Acc ha un rendimento del 144,3% nel 2020 secondo dati Morningstar. Si tratta di un azionario globale che investe non solo in energie ma anche in materie prime ed è stato lanciato nel 2013. Il primo settore in portafoglio sono i beni industriali (35,5%). Gli Stati Uniti (44%) sono il Paese più pesante.
  • Vontobel Clean Technology Classe B ha un rendimento del 23,2% nel 2020 secondo dati Morningstar. Si tratta di un fondo azionario globale nato nel 2008 che si focalizza su beni industriali e tecnologie pulite investendo in energia e materie prime. Il 47% del portafoglio è investito in America.
  • Pictet – Clean Energy Classe R Usd ha un rendimento del 33,04% nel 2020 secondo dati Morningstar. Si tratta di un azionario settoriale che investe in maniera globale ed è denominato in dollari. Esiste anche una versione denominata in euro Pictet – Clean Energy Classe R Eur che rende il 33,01% da gennaio 2020. Entrambi i fondi sono partiti nel 2007 e investono in società di tutto il mondo che contribuiscono e beneficiano della transizione a livello globale verso una produzione e un consumo di energia meno basati sulle energie fossili. Il settore tecnologia (44%) è il più pesante in portafoglio e il Paese più rappresentato è l’America (47%).
  • Bgf New Energy Fund Usd Classe E2 ha reso il 32,15% nel 2020 secondo dati Morningstar. Si tratta di un fondo azionario specializzato in energie alternative e materie prime denominato in dollari ed è stato lanciato nel 2001. La tecnologia (37%) è il primo settore in portafoglio e l’America il Paese più pesante (38,7%).

Scopri i fondi sostenibili ESG  disponibili sulla nostra piattaforma per investire sui trend di lungo termine della sostenibilità ambientale.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Classifiche 2020: le migliori categorie di fondi azionari, obbligazionari e total return

Articolo successivo

Gestioni ESG: nuove regole aiutano a investire

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa