L’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle malattie croniche è spesso legato o accelerato da una cattiva alimentazione. Questo presto manderà in crisi i sistemi sanitari globali. La food economy ha un impatto economico e ambientale significativo.

Il costo annuale del consumo alimentare globale totale è di 9 mila miliardi di dollari. I relativi costi economici, ambientali e sanitari ammontano a 19,8 mila miliardi di dollari, secondo i calcoli del World Economic Forum (WEF), di cui oltre 11 mila miliardi di dollari si devono ai costi per la salute umana legati a diete sbagliate. Come si può cambiare?

Le nuove tecnologie sostenibili per la produzione agricola insieme con la ricerca e l’innovazione del settore alimentare sono certamente una strada. Lo sottolinea anche il podcast di Catia Lippolis, del Team Financial Advisory di Ersel, e Sergio Allegri, Fund Manager del fondo Leadersel Innotech Esg. Nel podcast si parla delle sfide della Food Economy, l’economia agro-alimentare, un settore che vale 8 mila miliardi di dollari.

Food economy: quanto pesa l’alimentazione sulla salute delle persone

Le sfide sono tante e interconnesse tra di loro: il rischio di cambiamento climatico, le minacce alla biodiversità e la salute della popolazione.

In particolare, una cattiva alimentazione è la principale minaccia alla salute perché causa malattie croniche secondo l’analisi del WEF:

  • Più della metà della popolazione adulta negli Stati Uniti (60%) soffre di una malattia cronica (cardiovascolari o diabete), e 4 adulti su 10 ne hanno due o più.
  • Le malattie croniche in Europa rappresentano l’86% di tutti i decessi e la causa di tutte queste malattie è una cattiva alimentazione.
  • Le persone mangiano più cibi ricchi di grassi e zuccheri, portando all’obesità, che contribuisce in modo significativo a una serie di problemi di salute.

Food economy: perché serve un cambiamento sociale

La soluzione è mettere in atto un cambiamento anche sociale dell’alimentazione, promuovendo soluzioni per elevare la nutrizione a fattore chiave del consumo responsabile, resilienza e inclusione. In che modo? Coinvolgendo consumatori, imprese, società civile, mondo accademico e settore pubblico per identificare e guidare gli sforzi di trasformazione verso un’alimentazione positiva e un cambiamento dei sistemi alimentari.

Secondo l’analisi di Pictet Asset Management, la pandemia ha accelerato tale trend dato il legame tra le comorbilità associate a regimi alimentari non corretti e la vulnerabilità alle malattie infettive. I governi chiedono con sempre maggiore insistenza nuove ricette a ridotto contenuto di zucchero, sale e grassi saturi, mentre i consumatori prediligono cibi e integratori funzionali, come quelli in grado di rafforzare il sistema immunitario. Di conseguenza, sul mercato aumenta il divario di crescita fra i cibi sani e nutrienti e i tradizionali alimenti industriali.

IDEE DI INVESTIMENTO

In tutta la catena del valore alimentare sono molte le soluzioni innovative i per affrontare queste sfide. Secondo l’analisi di CPR AM (Amundi) alcune delle frontiere più interessanti su cui investire includono:

  • L’agricoltura di precisione, la digitalizzazione della catena di approvvigionamento per garantire una migliore trasparenza della filiera alimentare, tecnologie per l’ottimizzazione e il riciclo delle risorse idriche e il packging sostenibile.
  • Lo spostamento delle preferenze dei consumatori verso alimenti più sani e prodotti in modo sostenibile offre interessanti opportunità di investimento in segmenti come gli alimenti plant-based e i meal kit, ovvero box contenenti ingredienti freschi o semilavorati pronti per l’uso, nelle dosi giuste per preparare piatti più o meno elaborati seguendo le indicazioni fornite dal kit stesso.

Per puntare sulla food economy che riguarda la trasformazione del settore agricolo e l’alimentazione, ci sono sul mercato fondi azionari specializzati (Categoria Morningstar Azionari Settore Agricoltura).

I migliori fondi presenti sulla piattaforma di Online SIM

  • DWS Invest Global Agribusiness NC è un azionario internazionale che investe in azioni e obbligazioni convertibili di aziende che svolgono la propria attività principale nel settore agricolo o traggano benefici dallo stesso. Partito nel 2006, il fondo rende l’8,72% a tre anni (dati Morningstar aggiornati a ottobre 2022). Beni di consumo e materie prime sono tra i primi settori in portafoglio. Il 46% è investito in America.

DWS Invest Global Agribusiness NC

  • DPAM INVEST B Equities Sustainable Food Trends è un azionario internazionale che investe in imprese direttamente o indirettamente impegnate nella catena di produzione e distribuzione del settore agroalimentare e di altri settori connessi e selezionate sulla base di criteri ambientali, sociali e di governance (ESG). Nato nel 2007 il fondo rende il 3,74% a tre anni (dati Morningstar aggiornati a ottobre 2022). Beni di consumo e materie prime sono i primi settori in portafoglio, geograficamente è ripartito in maniera equa tra America ed Europa.

DPAM INVEST B Equities Sustainable Food Trends

  • Pictet – Nutrition Classe R Eur è un azionario internazionale che investe in azioni di società agricole (prodotti chimici per l’agricoltura, attrezzature e infrastrutture, prodotti agricoli e alimenti, combustibili biologici, scienze delle colture, terreni agricoli e forestali). Nato nel 2009, il fondo rende l’1,21% a tre anni (dati Morningstar aggiornati a ottobre 2022). Beni di consumo e materie prime sono i primi settori in portafoglio, gli Stati Uniti pesano per oltre il 43% in portafoglio.

Pictet - Nutrition Classe R Eur

Scopri anche gli altri fondi ESG disponibili sulla piattaforma Online SIM e comincia subito ad investire.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Come battere l’inflazione: i settori della tecnologia per investire

Articolo successivo

Il futuro dei fondi pensione con l'impact investing

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa