L’America intende rialzare i tassi, nonostante l’inflazione debole, l’Europa intende tenere i tassi bassi, nonostante l’inflazione debole. Due direzioni diverse un obiettivo comune: vedere l’indice dei prezzi stabilizzarsi attorno al 2%, sintomo di una crescita economica sana. Questo target per la Banca centrale americana (FED) potrebbe essere raggiunto presto e per questo a dicembre i tassi americani saranno rivisti al rialzo dalla struttura guidata da Janet Yellen. Il segnale che gli americano hanno stanno dando al mondo finanziario che la ripresa economica continua ma è incompleta.

Mario Draghi, governatore della Banca Centrale Europea (BCE), ha scelto proprio l’America e la riunione del FMI a Washington per ribadire la posizione opposta dell’Unione Europea in fatto di tassi. Draghi ha assicurato che il costo del denaro resterà basso a lungo, più dell’orizzonte temporale del Quantitative easing (QE) perché il mercato de lavoro, e in particolare i salari, non sono sui livelli di una crescita sana. E anche per Draghi il mantra è uno solo: avere “pazienza, persistenza e prudenza” in attesa che i prezzi salgano verso il target del 2%.

IDEE DI INVESTIMENTO

Il rialzo dell’inflazione  ha un effetto differente su azioni e obbligazioni. Se si decide di investire in base all’andamento dell’indice dei prezzi, esistono strumenti finanziari specifici. Ci sono i titoli di Stato inflation linked, obbligazioni corporate indicizzate il cui valore nominale cresce insieme con l’inflazione. Lo strumento principe anche per diversificazione è il fondo indicizzato all’inflazione. Ma vale davvero la pena inseguire l’inflazione? Paul Read, Co-Head del team del reddito fisso di Invesco non ama i titoli legati all’inflazione perché funzionano bene solo in caso di uno choc inflattivo veramente marcato. «Abbiamo qualche posizione, ma la liquidità può essere scarsa, l’impatto della duration è più consistente di quanto si pensi» ha detto. Non c’è dubbio però che un indice dei prezzi inferiore alle attese, ma abbastanza alto da rendere negativi i rendimenti reali di molti titoli obbligazionari nell’area euro abbia spinto i gestori verso i bond indicizzati. Eppure i titoli inflation linked sono particolarmente convenienti in questa fase di mercato secondo l’Osservatorio Titoli Indicizzati di Marzotto Sim da cui emerge come i titoli italiani sono i migliori rispetto agli equivalenti francesi, spagnoli e tedeschi.

Se si guarda ai rendimenti delle diverse categorie di fondi inflation linked, la migliore da inizio anno è la Categoria Morningstar Obbligazionari Altro Inflation Linked dove sono presenti diversi fondi che investono sui mercati emergenti e guardano anche all’inflazione.

 

Per i tuoi investimenti puoi affidarti ad un robo advisor, un consulente virtuale dedicato sempre a tua disposizione. Sceglilo sulla piattaforma RoboBox di Online SIM.

 

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Via libera ai PIR junior: tutte le novità sul documento MEF e sull'offerta

Articolo successivo

Risparmio gestito: senza performance, nessuna commissione. Verso la Mifid II

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *