C’è un enigma che condiziona i mercati in queste settimane e ha un nome: inflazione. La prospettiva di una brusca ripresa delle pressioni inflazionistiche sta iniziando a preoccupare i grandi investitori, ed è l’America in particolare, l’area su cui prestare maggiore attenzione. Secondo l’analisi di Patrick Zweifel, Chief Economist di Pictet Asset Management, uno stimolo fiscale e monetario senza precedenti per contenere le conseguenze della pandemia di COVID-19 ha portato gli investitori a temere che il calo pluridecennale delle pressioni inflazionistiche possa compiere un’inversione. Ci si interroga quindi su come prepararsi a questo cambio di rotta.

Una delle ipotesi è che il mix di prezzi in aumento e crescita economica modesta favorisca le materie prime e l’oro. Dando così impulso non solo agli investimenti difensivi, per esempio il settore immobiliare residenziale, le azioni e le obbligazioni ad alto rendimento.

Lo scenario più probabile per i prossimi trimestri 2021

In particolare Pictet Asset Management ha disegnato lo scenario più probabile nei prossimi trimestri del 2021 e l’impatti su nove asset class (materie prime, oro, S&P 500, Treasury USA, credito high yield USA, credito investment grade, obbligazioni indicizzate all’inflazione, mercati monetari e immobiliari) guardando cosa è accaduto storicamente all’inflazione e alla crescita economica degli Stati Uniti dal 1950.

Dall’analisi emerge che:

  • Le materie prime hanno generato rendimenti annui del 14%, l’S&P 500 è salito del 13%, l’high yield e l’oro sono saliti di circa l’11% e il settore immobiliare è cresciuto del 7%. Si tratta infatti del secondo miglior contesto economico sia per le azioni sia per il credito high yield, il che suggerisce che qui la crescita è un fattore più importante dell’inflazione.
  • Al contrario, le obbligazioni indicizzate all’inflazione, i Treasury e i mercati monetari hanno evidenziato un andamento non soddisfacente in tale contesto.
  • Sebbene i mercati monetari siano correlati positivamente all’inflazione, i loro rendimenti reali nei periodi di prezzi in crescita ed elevati sono leggermente negativi. Per contro, obbligazioni indicizzare all’inflazione, attività immobiliare, materie prime e oro hanno tutti messo a segno rendimenti positivi durante i periodi inflazionistici, a due cifre per gli ultimi due. Inoltre, le materie prime, l’attività immobiliare e l’oro continuano a mostrare una correlazione positiva con l’inflazione anche con un ritardo, vale a dire che i loro rendimenti futuri aumentano e diminuiscono di pari
  • Nelle fasi di mercato in cui l’inflazione è elevata e la crescita bassa, l’oro e le materie prime hanno generato rendimenti annui del 19%, le obbligazioni indicizzate all’inflazione dell’8% e i Treasury del 7%. In questi periodi, il credito high yield, i mercati monetari e i titoli azionari hanno registrato la performance peggiore.

Come ottimizzare il portafoglio

Al di là del rendimento, il momento è giusto per calibrare il portafoglio bilanciando la propria prospettiva sull’inflazione e l’aspettativa del mercato. Secondo l’analisi di Alessandro Tentori, CIO di AXA IM Italia, ciò che conta è posizionare il portafoglio sulle aspettative di inflazione, dato che l’inflazione misurata – per esempio la variazione annua dell’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti – ha subito una accelerazione oltre la soglia del 2% solo nel mese di marzo. Secondo AXA IM Italia, investire in titoli indicizzati all’inflazione offre protezione da una sorpresa di inflazione.

Come funzionano le obbligazioni indicizzate all’inflazione:

  • Queste obbligazioni sono sensibili tasso d’interesse reale: alla cedola viene aggiunta in maniera progressiva una componente d’inflazione proprio per limitare questa sensibilità.
  • Quando i tassi d’interesse salgono le obbligazioni legate all’inflazione tendono a sottoperformare, sebbene meno rispetto alle obbligazioni nominali. Quindi l’utilizzo delle obbligazioni indicizzate espone l’investitore al rischio di duration.
  • Un aumento dell’inflazione comporta anche un rialzo dei rendimenti nominali sulle obbligazioni benchmark. Un inflation-linked bond tenderà a performare meglio di un bond nominale, anche se la perfomance assoluta potrebbe risultare negativa, come è accaduto da inizio 2021.
  • Nel caso l’inflazione aumentasse ben oltre le aspettative del mercato, andrebbe ad aumentare la performance delle obbligazioni inflation-linked che salgono se sale l’inflazione o le aspettative.

IDEE DI INVESTIMENTO

Il portafoglio ideale oggi ha un’esposizione all’inflazione. Un’esposizione alle obbligazioni inflation linked è la strada più semplice e le prospettive su questi bond, secondo l’analisi di Alexandra Muchna, fund manager Rates & FX di Raiffeisen Capital Management, sono positive per il 2021 mentre c’è cautela su quanto potrà accadere nel 2022, poiché la maggior parte dell’aumento dell’inflazione di quest’anno è di natura una tantum ed è improbabile che si traduca in aspettative di inflazione più elevate nell’economia in generale.

Per investire in obbligazioni indicizzate all’inflazione ci sono fondi obbligazionari specializzati che guardano sia all’area euro sia a livello globale.

La Top 5 dei fondi obbligazionari inflation linked

ProdottoRendimento 1yRendimento YTD
Amundi Funds Bond Euro Inflation Classe G EUR Acc12,55%0,61%
BNP Paribas Euro Inflation-Linked Bond Classe Classic Eur Acc11,28%0,95%
Axa Wf Global Inflation Bonds Classe A Acc7,80%3,06%
Bgf Global Inflation Linked Bond Fund Eur Classe E26,41%0,21%
Amundi Funds Bond Global Inflation Classe G EUR Acc5,67%-2,69%
Nella tabella i migliori fondi obbligazionari inflation linked ptresenti sulla piattaforma di Online Sim ordinati per rendimento a un anno. Dati in euro aggiornati ad aprile 2021. Fonte: Morningstar

Scopri la i portafogli modello, il servizio più indicato per accompagnarti nelle scelte di investimento in base alle tue esigenze e ai tuoi obiettivi.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Caring economy: i vantaggi di una crescita resiliente dei consumi

Articolo successivo

Guida alla finanza comportamentale

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa