La Gender diversity, o diversità di genere, ha una fondamentale influenza sullo sviluppo delle economie e della società. Lo sviluppo e la diffusione dell’altra metà dei talenti disponibili nel mondo ha un impatto enorme sulla crescita, la competitività e la disponibilità futura delle economie e delle imprese in tutto il mondo.

I sostenitori della cosiddetta She economy sono tanti e da ormai 14 anni il World Economic Forum (WEF) ha deciso di creare una classifica di riferimento per misurare i progressi in questo campo monitorando attualmente ben 153 Paesi nel mondo. La classifica si trova all’interno del Global Gender Gap Report 2020 ed è un mezzo efficace per creare consapevolezza sulle sfide poste dalle disparità di genere, nonché delle opportunità che emergono quando vengono intraprese azioni per ridurle.

Analizzando i fatti e le cifre, secondo il report WEF ci vorranno 95 anni per colmare il divario di genere nella rappresentanza politica, con le donne che nel 2019 detengono il 25,2% dei seggi parlamentari e il 21,2% delle posizioni ministeriali. A un movimento verso l’alto nelle donne in politica, il cosiddetto enpowerment, secondo l’analisi, dovrebbe corrispondere un aumento del numero di donne con ruoli senior nel mercato del lavoro. Il processo però è lungo e molto lento ed emerge dai numeri chiave del report:

  • Il primo paese per parità di genere è l’Islanda, che è in testa alla classifica da 11 anni. I paesi stanno facendo più progressi sono Albania, Etiopia, Mali, Messico e Spagna. In particolare, la Spagna è nella top 10 dei Paesi più attivi insieme a Norvegia, Finlandia, Svezia, Nicaragua, Nuova Zelanda, Irlanda, Ruanda e Germania.
  • Dei 149 Paesi considerati, 101 hanno migliorato i loro punteggi sull’indice 2019, esclusi i cinque nuovi Paesi che si sono uniti alla classifica nel 2019. Sono 48 i Paesi che non fatto alcun progresso. Sono 35 paesi hanno raggiunto la parità di genere nell’istruzione, mentre nell’assistenza sanitaria 48 paesi hanno raggiunto la quasi parità e 71 hanno colmato almeno il 97% del divario.
  • A livello geografico, l’Europa occidentale ha realizzato il maggior numero di progressi sulla parità di genere (pari al 76,7%), seguita da Nord America (72,9%), America Latina e Caraibi (72,2%), Europa orientale e Asia centrale (71,3%), Sub -Africa sahariana (68,2%), Asia meridionale (66,1%) e Medio Oriente e Nord Africa (60,5%).

Guardando al futuro, il rapporto del WEF rivela come il più grande ostacolo che impedisce di colmare il divario economico di genere è la sotto rappresentanza femminile nei ruoli lavorativi emergenti. Nel cloud computing, per esempio, solo il 12% dei professionisti sono donne; allo stesso modo, in ingegneria, big data e intelligenza artificiale, i numeri sono rispettivamente del 15% e del 26%.

C’è un tema di istruzione che emerge anche punto numero 5 dall’Agenda 2030 che si pone l’obiettivo di fornire alle donne uguale accesso all’istruzione, all’assistenza sanitaria, al lavoro dignitoso e alla rappresentanza nei processi decisionali politici ed economici.

IDEE DI INVESTIMENTO

La Gender diversity, che punta molto sull’inclusione delle donne, è anche un approccio di investimento innovativo di lungo termine che sfrutta attivamente criteri ESG al fine di identificare nuove e interessanti opportunità di investimento.

Non è facile riconoscere i fondi che danno un maggior peso a questa variabile che è una delle più significative della lettera S, secondo tassello della sigla che definisce gli investimenti socialmente responsabili.

Online Sim ha individuato i migliori in ogni categoria secondo il criterio usato da Morningstar che individua fondi sostenibili su gender diversity in questo modo: i prodotti che usano strategie che cercano di avere un impatto misurabile sulle disparità di genere e diversità o di limitare i loro investimenti alle aziende che soddisfano determinate linee guida sulla diversità.

Questi possono includere, per esempio, avere un certo numero di donne nel consiglio di amministrazione e nella direzione e/o un record positivo su questioni razziali e LGBTQ.

I fondi che investono sulla Gender diversity

ProdottoCategoria MorningstarRendimenti YTDRendimento 1yMorningstar Sustainability Rating
RobecoSAM Global SDG Credits IH €EAA Fund Global Corporate Bond - EUR Hedged2,83%10,18%---
AB Sustainable Glb Tmtc C AccEAA Fund Global Large-Cap Growth Equity2,82%19,31%Above Average
AB FCP I US Thematic Research Portfolio Classe CEAA Fund US Large-Cap Growth Equity2,79%21,58%Above Average
Eurizon Obbligazionario EticoEAA Fund EUR Diversified Bond1,98%7,64%---
Mirova Women Leaders Equity R/A EUREAA Fund Global Large-Cap Growth Equity1,65%---High
RobecoSAM Global SDG Equities B EUREAA Fund Global Large-Cap Blend Equity1,15%15,21%Above Average
Etica Obbligazionario Misto Classe REAA Fund EUR Cautious Allocation - Global0,81%3,85%---
RobecoSAM Gender Equality Impact B EUREAA Fund Global Large-Cap Blend Equity0,58%16,70%High
Etica Rendita Bilanciata Classe REAA Fund EUR Cautious Allocation - Global0,19%5,48%---
Etica Obbligazionario Breve Termine Classe REAA Fund EUR Diversified Bond - Short Term-0,07%-0,11%---
Nordea 1 - Glb Gender Diversity BP EUREAA Fund Global Large-Cap Blend Equity-0,15%10,98%High
Etica Impatto Clima Classe R Acc EurEAA Fund EUR Moderate Allocation - Global-0,53%6,41%High
Etica Bilanciato Classe REAA Fund EUR Moderate Allocation - Global-0,99%7,65%High
AXAWF Framlington Women Empwrmt ACap EUREAA Fund Global Large-Cap Growth Equity-1,63%10,00%Above Average
THEAM Quant-Eq Wld Glb Goals C USD CapEAA Fund Global Large-Cap Blend Equity-1,77%12,26%High
Hermes SDG Engagement Eq X USD Acc PortHEAA Fund Other Equity-1,79%12,84%Low
Etica Azionario Classe REAA Fund Global Large-Cap Blend Equity-2,48%9,21%High
Nella tabella i fondi classificati da Morningstar come Investimenti sostenibili con focus su diversità e genere ordinati per rendimento da inizio anno. Fonte: Morningstar Direct. Dati di rendimento in euro disponibili al 26 febbraio 2020.

Scopri anche i fondi ESG disponibili sulla piattaforma Online SIM.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Investire in arte conviene? I consigli d’investimento

Articolo successivo

Analisi di mercato: prove di rimbalzo dopo il contagio Coronavirus

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa