L’inflazione non è più dilemma o un rebus da risolvere. La dinamica dell’aumento dei prezzi è qui per restare e gli investitori devono fare i conti con questo scenario. Una recente ricerca di Schroders ha analizzato il passato per vedere come le azioni si sono comportate durante i periodi di stagflazione, ovvero quando l’inflazione è superiore alla media e la crescita economica sta rallentando.

Il primo obiettivo di un investitore è battere l’inflazione. Ecco alcune indicazioni pratiche per muoversi in questo mercato.

Le scelte anti-inflazione sull’azionario

  • Le azioni di società difensive, che vendono prodotti e servizi essenziali (elettricità o beni di base) tendono a reggere meglio. Lo stile value è favorito.
  • I settori del mercato azionario con le migliori performance durante i periodi di stagflazione sono stati i servizi pubblici, i beni di prima necessità e l’immobiliare.
  • La diversificazione è una difesa fondamentale durante i periodi di inflazione, con un portafoglio ben gestito esposto a una gamma ampia di classi di attività favorite da questo scenario: materie prime, oro e beni rifugio, proprietà e altre attività alternative, comprese le attività private investimenti non quotati su mercati pubblici.

Le scelte anti-inflazione sull’obbligazionario

  • I fondi che investono in obbligazioni indicizzate all’inflazione sono una buona scelta. La domanda di questi investimenti, però, cresce durante i periodi di inflazione e quindi può far salire i loro prezzi.
  • Un’altra strada sono i fondi cosiddetti multistrategy alternative che danno un’ampia delega al gestore. Offrono l’esposizione a diversi approcci di investimento alternativi, nello stile dei gestori hedge. Nella maggior parte dei casi questi fondi sono categorizzati come bilanciati flessibili.

IDEE DI INVESTIMENTO

Ecco i migliori fondi multistrategy (Categoria Morningstar: Alternative Multistrategy) presenti sulla piattaforma di Online SIM:

  • Schroder Inflation Plus Classe A EUR è un fondo bilanciato flessibile che rende da inizio anno il 7,68% (dati Morningstar aggiornati a maggio 2022) e investe in obbligazioni ed altri titoli a tasso fisso e variabile emessi da governi, agenzie governative, organismi soprannazionali ed emittenti societari dei paesi dell’Europa orientale ed emergente. Partito nel 2000 ha come primi settori in portafoglio energia e materie prime. Gli Usa con il 52% sono il mercato di riferimento.
  • DWS Concept Kaldemorgen Classe LC è un bilanciato flessibile che investe fino al 100% del proprio patrimonio in azioni, valori mobiliari obbligazionari, certificati, titoli del mercato monetario e liquidità. Perde l’1,94% da inizio anno (dati Morningstar aggiornati a maggio 2022). Partito nel 2011 ha come primi settori in portafoglio salute e servizi alla comunicazione. L’Europa con il 46% è il primo mercato.
  • Lo Funds All Roads Classe R Eur (Acc) è un fondo bilanciato flessibile che investe in obbligazioni, altri titoli di debito a tasso fisso o variabile e strumenti di debito a breve termine emessi o garantiti da emittenti sovrani e non, obbligazioni convertibili in azioni, azioni, valute o disponibilità liquide ed equivalenti, denominati nelle valute dell’OCSE. Perde il 4,92% da inizio anno (dati Morningstar aggiornati a maggio 2022). Partito nel 2012 non indica composizione di portafoglio.

Scopri come costruire un’asset allocation anti-inflazione diversificando nel modo corretto il patrimonio grazie ai portafogli modello di Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Giovani e investimenti: perché il PAC è la soluzione giusta

Articolo successivo

Obiettivo net zero: investire sulle tecnologie che mangiano CO2

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa