Dopo lo scivolone di settembre, i mercati hanno rialzato la testa chiudendo il mese di ottobre in positivo. Questa ripresa però non ha eliminato i timori. Il rischio è aumentato a causa dell’inflazione, del rallentamento della crescita e dell’avvio ormai imminente di una decisa politica di tapering da parte della Banca centrale americana (FED). Secondo l’analisi di Pictet Asset Management è il momento di giocare in difesa sulle azioni puntando sulla diversificazione. Questo guardando a settori, salute e finanza per esempio, che si stanno dimostrando più resilienti e meno esposti al rischio.

In particolare, secondo Pictet Asset Management, il settore salute gode di un forte slancio e da inizio anno ha sovraperformato i principali concorrenti difensivi, le valutazioni sono ragionevoli e un dollaro forte costituisce tradizionalmente un supporto. Bene anche il settore finanziario, che dovrebbero beneficiare dell’aumento dei rendimenti. Segue l’immobiliare che è conveniente in termini relativi e che rappresenta un’operazione difensiva che trarrà vantaggio dalla riapertura delle economie.

In generale, i mercati azionari continuano a essere supportati dai buoni risultati trimestrali. Mentre sui mercati obbligazionari, secondo l’analisi di NN Investment Partners, la volatilità è maggiore ed è dovuta alle attese del rialzo dei tassi americani. C’è ancora voglia di rischiare dopo che l’indice VIX che misura la volatilità dei mercati è sceso del 25% nelle ultime settimane. Questo calo però non è compensato dalla corsa continua delle materie prime con il Bloomberg Commodities Index in rialzo di un altro 3,5% a ottobre.

IDEE DI INVESTIMENTO

Ci sono alcuni fattori che hanno provocato un aumento del rischio sui mercati. Tra questi i più importanti sono:

In una fase come questa la massima diversificazione di portafoglio è la strategia giusta per giocare in difesa. Questo è il momento per calcolare il proprio rischio di portafoglio e adottare una strategia di attesa prudente. Un ottimo strumento per mettere in atto questa strategia è il Piano di Accumulo (PAC) che offre diversi vantaggi:

  • Facile e accessibile per pianificare il futuro. Basta un conto corrente per aprire un Piano di accumulo di capitale. Il PAC è adatto ai diversi bisogni della pianificazione familiare a lungo termine e aiuta ad avere una disciplina di investimento.
  • Doma la volatilità. Il PAC consente un ingresso graduale sul mercato che offre l’opportunità di mediare in caso di volatilità al ribasso, ma anche al rialzo: se il mercato sale bruscamente non si ottengono tutti i guadagni che si avrebbero investendo l’intero importo subito, vale lo stesso ragionamento in caso di discesa.
  • Diversifica il rischio. Il PAC offre una protezione in più grazie al fatto che il denaro in un fondo d’investimento è investito in modo da diversificare il rischio grazie a una gestione professionale.

Scopri sulla piattaforma Online SIM l’offerta completa dei Piani di Accumulo del Capitale (PAC) per investire.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Fondi azionari small cap: la corsa rallenta ma non si ferma in Europa

Articolo successivo

Metaverso: perché Facebook vuole diventare un videogame

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *