Sostegno delle banche centrali, ripresa economica e inflazione giocano a favore delle obbligazioni high yield. Per gli investitori obbligazionari in cerca di rendimento questa asset class offre diversi vantaggi. Secondo un’analisi di Janus Henderson Investors possiamo riassumerli in alcuni punti chiave:

  • Le obbligazioni high yield sono in grado di sopportare meglio periodi di inflazione più elevata perché l’aumento dei prezzi può sostenere i proventi. Mentre i rendimenti più elevati e le scadenze più brevi che caratterizzano il mercato degli high yield offrono protezione contro il rialzo dei tassi di interesse.
  • Le banche centrali stanno lavorando per prevenire la volatilità sui mercati e fornire un costante sostegno alla ripresa economica mantenendo tassi di interesse bassi e impegnandosi ad acquistare asset se necessario. Per esempio, la FED americana ha già cominciato ad acquisire titoli high yield.
  • L’offerta di obbligazioni high yield è in costante ascesa a livello globale perché le aziende sono ricorse al mercato per finanziare la ripresa post pandemia. Questo è un fattore positivo per la domanda perché la selezione può essere fatta su un universo di titoli ampio e diversificato per settore.

La domanda per gli investitori è come proteggersi dall’incertezza sul trend di inflazione. Fermo restando che in questo contesto di tassi è l’azionario l’asset che può beneficiare di crescita e inflazione, secondo l’analisi di Paola Toschi, Market Strategist di J.P. Morgan Asset Management, sulla parte obbligazionaria adesso è il momento di cercare flessibilità guardando a classi obbligazionarie più solide e di qualità, soprattutto nel mondo corporate, che possono aiutare a costruire portafogli più solidi.

L’esposizione a obbligazioni green, secondo Toschi, può migliorare l’efficienza della componente obbligazionaria, insieme con un’esposizione a materie prime e asset reali sia nel mondo immobiliare sia nelle infrastrutture.

Obbligazioni high yield: l’opportunità in chiave ESG

Secondo l’analisi di Susanne Kundert, Head Fixed Income Team Credit Specialities, Swisscanto Invest, nello scenario attuale con particolare riferimento all’Europa in cui più dell’80% delle obbligazioni investment grade ha rendimento negativo, gli investitori in reddito fisso devono ripensare al proprio portafoglio sul segmento high yield in chiave ESG.

Grazie all’adozione di specifici criteri ESG, soprattutto su settore energetico e petrolifero, si può ottenere un doppio effetto in termini di riduzione del rischio e sostenibilità, con interessanti premi per il rischio di credito. Swisscanto Invest in particolare vede:

  • Opportunità nelle obbligazioni high yield globali con una preferenza tattica per gli emittenti europei. Questo perché il mercato europeo high yield è strutturalmente meno esposto alle società energetiche ad elevata intensità di C02.
  • Le misure di sostegno pubblico sempre più ampie, come il lavoro flessibile, incentivano una ripresa economica che potrebbe trovare dalla campagna di vaccinazione sempre più diffusa, anche se non ancora in pieno regime, un ulteriore impulso positivo.

IDEE DI INVESTIMENTO

Alla luce dei continui piani di stimolo, delle attese di crescita del PIL e della possibilità di un rialzo dell’inflazione, secondo l’analisi di Pictet Asset Management, le obbligazioni con scadenze più lunghe saranno ancora soggette a pressioni e con ogni probabilità l’inflazione supererà gli obiettivi delle banche centrali.

In questo contesto la selezione di scadenze e settori è importante. Per Pictet Asset Management ad essere favoriti sono i comparti finanza, energia e beni di consumo ciclici, in linea con lo scenario di riapertura delle economie, e in misura minore i consumi non alimentari e il tempo libero.

Un fondo obbligazionario specializzato nelle obbligazioni high yield mette al riparo da questo rischio offrendo la massima diversificazione in termini di emittenti, aree geografiche e durata delle obbligazioni in portafoglio.

La top 10 dei fondi obbligazionari high yield

ProdottoRendimento 3yRendimento 1y
BlueBay Global High Yield Bd C USD ***12,0610,22
Janus Henderson Horizon Fund - Global High Yield Bond Fund Usd Classe A6,16%5,89%
BGF Global High Yield Bond Fund Classe E2 USD4,90%4,62%
Pimco High Yield Bond Fund Classe E Acc4,74%0,99%
Robeco High Yield Bonds DH $ *4,68%0,21%
Nordea 1 - Global High Yield Bond Fund Classe BP Usd4,65%6,43%
BGF Global High Yield Bond Fund Classe E2 EUR4,42%4,53%
AXA WF - Global High Yield Bonds Classe A Usd4,36%2,71%
Nordea 1 - International High Yield Bond Fund Classe BP Eur4,33%4,57%
BNP Paribas Funds Euro High Yield Short Dur Bond I H USD Capitalisation **4,27%-3,51%
Fonte: Morningstar. Dati in euro. Rendimenti % disponibili al 24 maggio 2021. I rendimenti a tre anni sono annualizzati.

* Il fondo è in chiusura e non è più disponibile in piattaforma, ma è disponibile questo fondo: Robeco High Yield Bonds DH EUR Classe DH – LU0085136942

** Il fondo indicato in tabella è riservato alla classe istituzionale. Per la clientela retail è disponibile questo fondo: BNP Paribas Funds – Euro High Yield Short Duration Bond Classe Classic Eur – LU1022394404

*** Il fondo indicato in tabella non è disponibile in piattaforma, ma è presente questo fondo: Bluebay High Yield Bond Fund Classe R Eur – LU0206510082

Scopri gli altri fondi di investimento disponibili sulla piattaforma Online SIM.


Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Portafogli modello: come costruire un’allocazione difensiva

Articolo successivo

Quanto vale la blue economy europea. Dove investire

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *