La prima linea dei Millennials – i nati dal il 1981 e il 1996 secondo la definizione del Pew Research Center – compie 40 anni nel 2021. In America hanno ormai da un paio di anni superato per numerosità demografica i Baby Boomers.

Non è così in Italia dove i Millennials sono poco più di 11 milioni, una minoranza rispetto agli adulti e anziani. Una minoranza che, però, sta entrando nel mondo degli investimenti spesso usando canali non convenzionali di consulenza finanziaria come i social media.

Per questa generazione di investitori, secondo un’analisi di Morgan Stanley Wealth Management, non è corretto concentrarsi su ciò che accade ogni giorno sui mercati finanziari perché la domanda da farsi è: cosa accadrà nei primi 3-5 anni? La risposta è individuare i megatrend che cambieranno l’economia nei prossimi anni, scoprendo che uno di questi è proprio la generazione Millennials. Sempre avendo come obiettivo anche una copertura pensionistica.

I quarantenni di oggi hanno la possibilità di investire su sé stessi, sulle loro abitudini di consumo, sul benessere e le tecnologie che utilizzano per guadagnare a lungo termine. In che modo? Puntando sul mercato azionario, secondo Morgan Stanley Wealt Management, perché il loro vento demografico è favorevole alle Borse. Anche se è improbabile che assisteremo a una replica dell’entità dei guadagni realizzati negli anni ’90.

IDEE DI INVESTIMENTO

Secondo il Deloitte Global Millennial Survey 2020 condotto su un campione di oltre 27.500 Millennials e Gen Z durante la pandemia sono 4 i temi di investimento su cui le nuove generazioni di investitori preferiscono investire:

millennials investitori

Per investire sui megatrend preferiti dai Millennials Online Sim offre la possibilità di investire in:

Scopri gli altri fondi per investire disponibili sulla piattaforma Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Giappone: chi è e quanto pesa sul mercato il nuovo premier Kishida

Articolo successivo

Fondi obbligazionari high yield: quanto spazio di crescita c’è ancora

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

Giornalista segue da oltre 20 anni le dinamiche del mercato del risparmio gestito, della consulenza finanziaria e dei protagonisti del mondo degli investimenti. Prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vicecaporedattore di Panorama Economy (Gruppo Mondadori).
Nel 2015, dopo la lunga carriera nella carta stampata economica, è passata alla comunicazione come responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content occupandosi di progetti editoriali in diversi settori (risparmio, finanza, assicurazioni).
Dal 2015 cura, inoltre, la redazione dei contenuti del Blog di Online SIM, che oggi conta oltre 1200 articoli.

Nessun commento

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa