La prima linea dei Millennials – i nati dal il 1981 e il 1996 secondo la definizione del Pew Research Center – compie 40 anni nel 2021. In America hanno ormai da un paio di anni superato per numerosità demografica i Baby Boomers.

Non è così in Italia dove i Millennials sono poco più di 11 milioni, una minoranza rispetto agli adulti e anziani. Una minoranza che, però, sta entrando nel mondo degli investimenti spesso usando canali non convenzionali di consulenza finanziaria come i social media.

Per questa generazione di investitori, secondo un’analisi di Morgan Stanley Wealth Management, non è corretto concentrarsi su ciò che accade ogni giorno sui mercati finanziari perché la domanda da farsi è: cosa accadrà nei primi 3-5 anni? La risposta è individuare i megatrend che cambieranno l’economia nei prossimi anni, scoprendo che uno di questi è proprio la generazione Millennials. Sempre avendo come obiettivo anche una copertura pensionistica.

I quarantenni di oggi hanno la possibilità di investire su sé stessi, sulle loro abitudini di consumo, sul benessere e le tecnologie che utilizzano per guadagnare a lungo termine. In che modo? Puntando sul mercato azionario, secondo Morgan Stanley Wealt Management, perché il loro vento demografico è favorevole alle Borse. Anche se è improbabile che assisteremo a una replica dell’entità dei guadagni realizzati negli anni ’90.

IDEE DI INVESTIMENTO

Secondo il Deloitte Global Millennial Survey 2020 condotto su un campione di oltre 27.500 Millennials e Gen Z durante la pandemia sono 4 i temi di investimento su cui le nuove generazioni di investitori preferiscono investire:

millennials investitori

Per investire sui megatrend preferiti dai Millennials Online Sim offre la possibilità di investire in:

Scopri gli altri fondi per investire disponibili sulla piattaforma Online SIM.

Note

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Articolo precedente

Giappone: chi è e quanto pesa sul mercato il nuovo premier Kishida

Articolo successivo

Fondi obbligazionari high yield: quanto spazio di crescita c’è ancora

Autore

Roberta Caffaratti

Roberta Caffaratti

E' responsabile delle attività di editoria aziendale e di content marketing di Lob Pr+Content. Ha seguito per anni il settore del risparmio gestito prima come caporedattore di Bloomberg Investimenti e poi vice caporedattore di Panorama Economy (gruppo Mondadori). E' stata chief content web manager di News 3.0.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *